STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 4 maggio 2015

Longchamp: Storico Cirrus Des Aigles! A 9 anni suonati vince il Ganay G1 per la terza volta, 7° sigillo di G1. Cristian Demuro sugli scudi nel Vanteaux G3 con Olorda

In Francia abbiamo assistito ad un'altra impresa memorabile in quel di Longchamp, ippodromo incredibilmente vuoto nonostante si disputasse il Ganay G1 una delle più belle corse nel calendario nazionale. Evidentemente quello del pubblico è un problema diffusissimo. A vincere è stato per la terza volta l'incredibile Cirrus Des Aigles (Even Top), 9 anni, che ha riportato il Ganay con stile graduando in avanti con Cristophe Soumillon, in sella di ritorno da un viaggio dispendioso dagli States, incredulo quasi quando il suo con una forza tirata fuori chissà da quale serbatoio dell'enorme esperienza ha allungato sempre rispondendo sempre agli attacchi del favorito Al Kazeem (Dubawi), altro eroe delle piste, ricacciato indietro al momento del massimo sforzo, per una lunghezza e 3/4 senza mai prendere nemmeno una frustata, poi donata da Soumillon alla sua allenatrice dopo la corsa. Per il vecchio di Corinne Barande Barbe, che d'ora in poi per comodità chiameremo Acciaio Inossidabile (Even Top), era la settima vittoria di G1 in 48 uscite in carriera. SE VUOI CELEBRARE CIRRUS, VISITA LA PAGINA UFFICIALE DI MONDOTURF SU FACEBOOK, METTI IL LIKE SULLA PAGINA E SCRIVI UN COMMENTO CON L'AGGETTIVO CHE PER TE MEGLIO DESCRIVA IL CAMPIONISSIMO CLICCANDO QUI. Si preannuncia un'altra stagione intensa ed un pò ci dispiace perchè il nostro eroe ha dato veramente tanto ai suoi uomini in carriera, vincendo una cosa come 9 milioni di euro in carriera, sarebbe giusto dare adeguato riposo ad un leone mai domo. Questione di punti di vista, i suoi uomini (o donna) conoscono bene le caratteristiche di un cavallo che, magari, da pensionato si annoierebbe a morte. Acciaio ha iscrizioni nella Coronation Cup (vinta nel 2014 e dalla quale uscì malconcio), poi nelle Prince of Wales’s Stakes G1 e nelle Eclipse Stakes G1. IL VIDEO DEL GANAY QUI.
A Longchamp una delle corse più importanti del giorno era il Prix Vanteaux G3 con un pizzico di gloria tutta italiana. 
Solo in 5 femmine al via, corsa molto tattica, ma lo spunto risolutivo è stato quello della tedesca Olorda (Lord Of England), supplementata per l'occasione, con Cristian Demuro in sella, bravo a credere sempre in una cavalla presa in velocità ma tornata fortemente a prendersi un gran risultato mentre le rivali erano sul carrello dei bolliti. In lotta furibonda ha battuto la favorita Vedouma (Dalakhani), ancora una volta ridimensionata rispetto a quelle che erano le premesse. Un ragionamento ci sovviene: L'Aga Khan, con tutta la potenza di fuoco, non ha un cavallo da corsa veramente buono da tempo, se escludiamo Dolniya. Siamo certi che con l'avvento delle Classiche cominceranno ad emergere alcuni valori. Comunque, tornando a noi, per Cristian Demuro è la 18° vittoria in stagione in Francia. Olorda aveva vinto una maiden a Monaco al rientro, è allenata da Markus Figge per una cavalla allevata dal Gestut Berwangerhof, andata invenduta per €58,000 da yearling, e sorella piena di Oil Of England che fu terzo nel Derby Italiano G2 di una stagione fa. Probabilmente potremmo anche vederla in Italia questa, magari alle Oaks G2 d'Italia oppure chi lo sa, magari nel Lydia Tesio G1 più avanti nella stagione. Una cosa è certa, Olorda è stata richiesta e forse verrà venduta... IL VIDEO DEL PRIX VANTEAUX QUI. Da segnalare anche una vittoria a fine riunione per Umberto Rispoli in un difficile handicap il quale ha voluto festeggiare con una dedica all'amico Pasquale Borrelli per la nascita della piccola Alice. Auguri!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui