STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 10 febbraio 2018

Tragedia ad Hong Kong: Al ritorno dalle corse di Sha Tin, terribile schianto in autobus e morte 19 persone. Tanti feriti

Sembrava un normalissimo ritorno da una giornata di corse a Sha Tin ad Hong Kong, ed invece c'è scappata una tragedia per gli avventori locali anche se questo c'entra solo relativamente con le corse dei cavalli. 
Un autobus che trasportava una 60ina di spettatori, si è schiantato cappottandosi e causando la morte di 19 persone che sono decedute a causa del violento impatto. L'episodio è accaduto sulla strada verso Tai Po, dunque sulla Tai Po Road, ed ha visto il pullman a 2 piani scaraventarsi al suolo e girarsi su se stesso. 
Le autorità locali parlano di 17 uomini e 2 donne rimasti fatalmente coinvolti nell'incidente, mentre almeno 50 persone sono rimaste ferite e sono in cura negli ospedali locali. Uno dei passeggeri ha parlato di velocità alta raggiunta dall'autobus, più del consentito, secondo quanto riferito al quotidiano South China Morning Post. Non è nuovo ad Hong Kong un tipo di incidente del genere. Nel 2003 un incidente simile ha causato 21 morti, nel 2008 un altro incidente ne causò 18 mentre nel 2012 è stato l'annus horribilis a livello locale perchè una serie di incidenti del genere, con autobus cappottati, ha causato la morte di 39 persone. Insomma, se andate ad Hong Kong non prendete quei mezzi di trasporto.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui