STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 4 ottobre 2015

Asta dell'Arc: Top price Prince Gibraltar per €1,35 milioni. Movimento di €7,774,000 (+21%), gli italiani venduti.. a metà

La due giorni di Parigi è stata inaugurata dalla tradizionale asta organizzata da Arqana come Vente de l’Arc, nel sabato di Saint Cloud che precede la domenica di Longchamp. Da sottolineare che i 4 prezzi più alti possiedono anche una iscrizione all'Arc day. Le statistiche cumulative sono stati di 42 cavalli proposti, 32 venduti per un movimento totlae di €7,774,000 (+21%) con la media a €242,938 (-9%) ed i mediani a €120,000 (-40%).
Il top price, come era ampiamente programmato, è stato il Lot 43 e cioè un rivale di Treve e cioè Prince Gibraltar (Rock Of Gibraltar), aggiudicato per €1.35 milioni alla Agenzia FIPS. Cavallo solido, 4 anni, vincitore di G1 a due anni e tornato ad emergere in G1 nella stagione nel Grosser Preis von Baden G1 come preparazione all'Arc. A 3 anni è stato piazzato di G1 e la vendita è servita a dissolvere una partnership tra il belga Jean-Francois Gribomont, per i cui colori ora correrà ancora, rispetto a Hervé Morin dell'Ecurie La Vallée Martigny e Eric Pokrovsky dell'Ecurie du Loup che detenevano l'altro 50% del figlio di Rock Of Gibraltar (Danehill). 
Gribomont, indipendentemente da come andrà a finire la lotta nell'Arc, ha affermato che Prince rimarrà in razza in Francia al termine della carriera. La Oceanic Bloodstock ha acquistato il Lot 34, Wekeela (Hurricane Run), per €1.1 million per conto del solito Martin Schwartz, proprietario americano che fa spese molto spesso a Longchamp. Wekela è iscritta all'Opera G1 ma non è detto che corra, Michel Zerolo ha spiegato che forse verrà ritirata perchè il reale obiettivo è una valorizzazione americana per il training di Chad Brown. Le tappe programmate sono quelle delle Beverley D Stakes, le Flower Bowl e poi la Breeders’ Cup G1 del prossimo anno, il 2016. Dunque un acquisto lungimirante. Wekeela in carriera si è piazzata nel Prix Saint-Alary G1, ma ha vinto il Chloe G3. La famiglia femminile, con retropensiero allevatorio, è quella del Champion Sire Monsun. C'era una Wildcard, il Lot 40, con La Berma (Lawman) acquistata da Gerard Larrieu della Chantilly Bloodstock per €600,000. Correrà il Prix de la Foret G1. 
Altro acquisto interessante è arrivato via telefono: Freddy Powell della Arqana ha comprato, per conto dell'Australiano Ting Kong Cheng della Sun Bloodstock, il candidato all'Arc Spiritjim (Galileo). Il 5 anni allenato da Alain Couetil e che avrà Andrea Atzeni a bordo, secondo di Foy G2, e mezzo fratello di Silver Frost (Verglas), è stato acquistato per €570,000 e correrà con i nuovi colori. 
Ed ora parliamo degli italiani. Erano iscritti 3 cavalli di proprietà dei nostri connazionali e il prezzo più alto è stato registrato per Winklemann  (Rip Van Winkle) venduto per €100,000 alla Colombo Bloodstock Agency ma, conoscendo l'amicizia dei gruppi interessati, dovremo capire se è stata una vendita totalmente reale o solo mediata. Ottone (Dutch Art), non venduto, per €140,000 è tornato a casa mentre Fly On The Night (Equiano), senza riserve, è stata venduta per  €80,000 alla SARL IMPERIAL BLOODSTOCK. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui