STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 5 febbraio 2016

Australia: Allenatore riceve pensioni per A$27,000 per Miriyan. un cavallo mai esistito!

Una storia curiosa, che ha dell'incredibile, arriva dall'Australia, e viene riportata dal Racing Post e dal quotidiano australiano Stuff. L'allenatore Michael John Day dovrà affrontare il carcere a causa di una frode che ha dell'incredibile, in fatto di disonestà. Il trainer ha infatti "defraudato" un proprietario per circa A$27,000 (£12,500) per il mantenimento di un cavallo mai esistito!
La storia è questa: Il cliente di Day aveva una fattrice che si chiama Jag One, per la quale lo stesso Day ha fatto credere al proprietario fosse gravida di un puledro dopo la inseminazione artificiale per la quale sono stati spesi $3000. Day ha in seguito portato avanti la bugia fino a quando addirittura ha millantato la nascita dello stesso il 7 Gennaio 2009. Al puledro fantomatico viene dato il nome di Miriyan il quale, secondo la descrizione del suo allenatore, cresceva sempre di più. Nel frattempo il proprietario, del quale non è stato svelato il nome, passava ogni tanto nei dintorni dell'allevamento e convinto che uno di quelli fosse il suo, credeva ciecamente in Miriyan. Tanto che nell'Ottobre 2012, sempre seguendo la storia, è entrato in training da Day. Tutto questo fino al 13 Gennaio 2015, al termine dell'indagine. Intanto le pensioni erano state pagate. Quando il proprietario ad un certo punto ha chiesto quando potesse correre, ma Day ha sempre sviato l'argomento spiegando come Miriyan non fosse pronto. Dopo un pò di tempo il proprietario ha così chiesto all'allenatore di venderlo, nel caso non lo ritenesse abbastanza buono per correre e per tutta risposta Mr Day gli ha risposto che si era infortunato e lo aveva mandato in una clinica di Kilmore. Il cliente, a quel punto, ha provato a sentire la struttura ma quando questi gli hanno riferito che non avevano in cura nessun cavallo con quel nome si è ulteriormente insospettito ed ha chiesto alla New South Wales Harness Racing di aprire una indagine, in seguito alla quale si è svelata l'enorme bugia. Day ha subito ammesso le colpe ed è stato squalificato per 10 anni dall'industria. Una sentenza civile è attesa per il 16 Marzo. Intanto l'avvocato d'ufficio Tim McGrath ha rilasciato al Sydney Morning Herald le seguenti parole: "Day si è solo reso conto ora che quando il veterinario gli disse che la fattrice non era gravida, avrebbe dovuto informare il cliente". Un genio.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui