STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 20 febbraio 2016

Giappone: Mirco Demuro ancora a segno in G3. Con Queens Ring sigla le Himba Stakes. Dario Vargiu sigillo a Kokura

Serviva uno come Mirco per farla tornare alla vittoria. Queens Ring (Manhattan Cafè), a digiuno da Marzo 2015 quando cioè era una delle candidate principali alle Classiche in rosa, è tornata a vincere dopo un periodo buio nelle 1000 Ghinee, Oaks ed in altri appuntamenti dove è rimasta al buio, dominando a Kyoto le Himba Stakes G3 sui 1400 metri in erba, ma sul pesante. La 4 anni, una figlia di Manhattan Cafè (Sunday Silence) allenata da Keiji Yoshimura e di proprietà di Chizu Yoshida, ha lasciato ad una lunghezza e mezza Magic Time (Heart's Cry) e Win Primera (Stay Gold). IL VIDEO DELLA CORSA QUI. Eppure non era iniziato bene il pomeriggio per DemurOne, che nel convegno è riuscito ad inanellare ben 4 secondi posti, sfiorando più volte la vittoria. Il suo bottino parla ora di 24 affermazioni stagionali, deve recuperare e colmare il gap con Lemaire che la scorsa settimana lo ha superato di slancio in Classifica. Domenica Mirco sarà a Tokyo e monterà le February Stakes G1 per anziani sul miglio in dirt, in sella al 4 anni Moanin (Henny Hughes). 
Da segnalare a Kokura la vittoria per Dario Vargiu in sella a Snowman (Suzuka Phoenix) per Yoshitada Takahashi ed Hideki Nagai ai colori. Il video della vittoria QUI. Per Dario è la terza affermazione stagionale.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui