STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 27 febbraio 2016

Weekend spettacolare in giro per il mondo. Inghilterra, America, Qatar e Giappone.. e non solo.

Cosa ci aspetta nel weekend? Un mucchio di cose. Innanzitutto oggi tutti gli occhi puntati su Lingfield dove va in scena il rematch tra Grendisar (Invincible Spirit), allenato da Marco Botti, e Festive Fare (Teofilo), montato da Andrea Atzeni, nel Winter Derby G3 che di fatto (anche se non in sostanza) chiude l'inverno delle corse inglesi in attesa dell'erba. La bomba di profondità è il John Gosden Furia Cruzada (Newfoundland), una cavalla cilena, campionessa in Argentina per aver vinto il Gran Premio Gilberto Lerena G1 e Gran Premio Criadores G1, ed ora in procinto di mettere la bandierina anche nell'emisfero nord. Ritirato Energia Davos (Torrential), che tentò in autunno il Premio Roma senza esito.
In America, a Gulfstream Park, si corrono le Fountain Of Youth G3 dove in pista scende il favorito del Kentucky Derby Mohaymen (Tapit), allenato da Kiaran McLaughlin e montato da Junior Alvarado, che fronteggerà il test più duro della carriera. Si tratta del 3 anni più eccitante in America, proposto a 6/1 nella caccia al "Run for the Roses". Se andrà bene sarà dentro al Florida Derby e poi, appunto, la strada per Churchill Downs è segnata. Il rivale più accreditato è Awesome Banner (Awesome Of Course) (Stanley Gold/Jose Caraballo), imbattuto nella stagione, mentre il Coolmore USA lancia Zulu (Bernardini) (Todd Pletcher/John Velazquez), considerata la loro migliore speranza della stagione USA.
Sempre a Gulfstream si corrono le Davona Dale Stakes G2 sul miglio in dirt dove vedremo di nuovo all'opera la imbattuta Cathryn Sophia (Street Boss) (John Servis/Javier Castellano), 34 lunghezze sin qui accumulate nelle sue vittorie, reduce da un canter nelle Forward Gal G2 che cerca nuova dimensione sulla strada per le Oaks.
Intanto a Doha, in Qatar, si sta correndo il HH The Emir's Sword Festival, ed oggi si corre la famosa Irish Thoroughbred Marketing Cup G2 nella quale era stato anche invitato il nostro Kaspersky, che però non parteciperà. Nella prova sui 2400 sono in 16 e la nota italiana è garantita da Cristian Demuro che sarà a bordo di Billabong (Gentlewave), mentre Pier Convertino monterà Al Waab (Danehill Dancer), Alberto Sannta Ningara (Singspiel). Il cavallo "mezzo italiano" è Rogue Runner (King's Best e Rosa Di Brema), mentre Frankie Dettori monterà Tashaar (Sea The Stars) per i colori di Joaann Al Thani.
Ieri in una Classe 3 sul miglio Stefano Ibido ha sellato l'ex Blueberry Nayef Dancer, vincitore nelle mani di Edu Pedroza.
Domenica in Giappone si corre il Nakayama Kinen G2 dove rientrerà dopo 9 mesi di assenza il campione Duramente (King Kamehameha), vincitore di 2 classiche con Mirco Demuro, che rifinirà la condizione in vista dello Sheema Classic G1 a Meydan. L'obiettivo a lungo raggio è quello dell'Arc, chiaro, ma prima va rivisto dopo la rimozione di due chip al ginocchio. Le voci sono buone, pare abbia lavorato alla grande, e ci crediamo se consideriamo che lo Sheema è fra un mese. Comunque il Nakayama Kinen, che si corre sui 1800, vista la distanza particolare (forse corta per Duramente), si presta come test per vari cavalli che inseguono vari obiettivi. Da qui, per esempio, era partito Just A Way (Stay Gold), vincitore del Dubai Turf in maniera impressionante.
Intanto per non perdere tempo e ritmo, Mirco sabato ad Hanshin ha vinto l'Arlington Cup G3 in sella a Rainbow Line. IL VIDEO QUI. Ma ormai non fa quasi più notizia... 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui