Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

martedì, marzo 07, 2017

Trotto: Rapita la campionessa #Unicka! Con lei anche il compagno Vampire Dany. Vicinanza da parte di Mondoturf nei confronti della famiglia Lami

La nostra principale attività parla di galoppo. Ma la notizia giunta stamattina ha colpito e non poco. La campionessa italiana UNICKA, vincitrice di Derby italiano del trotto G1 e sicuramente la migliore rappresentante della nostra ippica all'estero per il trotto, è stata rapita dal suo box, insieme al talentuoso Vampire Dany, nella mattinata di martedì presso il Centro di allenamento di Staffoli in provincia di Pisa, dove si stava preparando al rientro. Lo scopo, evidente, è quello dell'estorsione. Ma è un chiaro segnale che un rapimento così ben organizzato, con antifurto tolto e poi reinserito, nessuna traccia lasciata, sia un forte colpo verso la reputazione del nostro settore, al di la del valore della cavalla in se e per se già inestimabile. Oltre ad aver vinto il Derby ha ottenuto 13 vittorie in 15 uscite ed ha già fatto più di Varenne quando aveva la sua età. Noi di MONDOTURF vogliamo esprimere vicinanza alla famiglia Lami per questo grave attentato all'ippica italiana tutta! Forza UNICKA! Forza Vampire! I precedenti dei rapimenti sono numerosi. Su tutti quello di Shergar, campione dell'Aga Khan, con esito tragico e sul quale c'è la mano dell'IRA. Poi Carnauba, ritrovata. Nel trotto sono stati rapiti Daguet Rapide, Wayne Eden e Oneghin Del Ronco, poi ritrovati. Mai più ritrovato il razzatore Lemon Dra. Più recentemente ricordiamo il rapimento di Martino A|onso, poi ritrovato. 
Arrivano anche i primi particolari circa il rapimento. Secondo quanto raccolto da Mario Viggiani sul Corriere dello Sport, riportiamo testuale quanto scritto sul sito di riferimento, con prime indiscrezioni ed un primo identikit dei probabili rapitori:...
"Non è stata lasciata alcuna impronta, per quello che sembra essere stato un colpo molto ben organizzato. Intorno alla mezzanotte è stato forzato il lucchetto di uno dei cancelli secondari dell’impianto, nei dintorni del quale è stato parcheggiato un van per il trasporto dei cavalli. Ed è stato disattivato il sistema di allarme perimetrale dell’impianto, riattivato a operazione completata. Unicka e Vampire Dany non erano alloggiati in box vicini tra loro, ma evidentemente i responsabili sapevano bene dove fossero alloggiati. Portati fuori dalle scuderie, sono stati condotti fino al van e quindi portati via. Il van sarebbe di colore bianco, privo di scritte, con il portellone posteriore completamente ribaltabile per consentire la salita e la discesa degli animali. Alla guida del mezzo ci sarebbero un uomo con barba molto lunga, brizzolata e un cappellino di lana, e una donna bionda con capelli lunghi. Queste informazioni sono venute fuori dalla visione dei filmati già messi a disposizione degli inquirenti. Secondo alcune testimonianze, il van e queste persone sarebbero stati visti in zona già giovedì scorso e ancora domenica nei dintorni dell’allevamento. Ad accorgersi della sparizione di Unicka e Vampire Dany è stato Erik Bondo, l'allenatore danese dei cavalli della famiglia Lami, non appena arrivato nelle scuderia per iniziare il lavoro di tutti i giorni. Attualmente l'impianto toscano ospita un'ottantina di trottatori, dei quali un quarto circa appartenenti alla Wave, al momento la più importante scuderia italiana"

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata