STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 19 marzo 2017

Giappone: Satono Diamond rientro con vittoria ad Hanshin, lungo viaggio mentale verso l'Arc. A Nakayama test per i 3 anni..

Il campione è tornato, e stavolta è più cattivo che mai. Detto così sembra lo spot di un film d'azione, in realtà si tratta della vittoria al rientro di uno dei cavalli più esaltanti del Giappone, uno di quelli che porterà la bandiera nipponica in Francia laddove c'è una corsa diventata una vera e propria ossessione per gli orientali: L'Arc de Triomphe. Lui è Satono Diamond (Deep Impact) e domenica mattina ha vinto l'Hanshin Daishoten G2 sui 3000 metri, per Yasutoshi Ikee e la monta di Christophe Lemaire. Il campione, era al rientro rispetto alla impressionante vittoria nell'Arima Kinen G1 di fine anno, ma la campagna dei 4 anni è iniziata nel migliore dei modi anche se lui, così bello e così grosso, non sembra adattissimo così a naso alla breve e particolare dirittura di Chantilly. Lui avrebbe bisogno di diritture lunghe, di una andatura sostenuta e di scrollarsi via di dosso la scimmia dell'Arco. Sta di fatto che Satono per ora ha fatto tutto bene vincendo la prova da 128,700,000 yen (circa £920,000) di una lunghezza e mezzo rispetto a Cheval Grand (Heart's Cry) e Tosen Basil (Harbinger). Più bello. Più forte. Comunque. IL VIDEO DEL HANSHIN DAISHOTEN QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Ricordiamo come non abbia vinto il Derby solo perchè ha perso da Makahiki che già abbiamo visto a Parigi ma in una versione "minus" di se stesso, che non sembra come il Satono di oggi. Il nostro ha poi vinto il Kikuka Sho (St Leger) G1 e da fresco l'Arima Kinen su Kitasan Black completando una stagione di alto livello. Il suo obiettivo, se avrete la bontà di seguirci, passerà attraverso il Tenno Sho G1 di primavera il 30 Aprile, poi un summit nel Takarazuka Kinen del 25 Giugno sui 2200 metri, il Prix Foy G1 del 10 Settembre, ed appunto l'Arco in programma il primo di Ottobre a Chantilly, in attesa del restauro di Longchamp. Cioè, i giapponesi vogliono vincerlo li..proprio li..
Mirco Demuro era a Nakayama questa domenica, impegnato nel convegno dove c'era da vedere il The Fuji Tv Sho Spring Stakes G2 per i 3 anni in ottica Satsuki Sho G1 di metà Aprile. Alla fine a vincere è stato il "grigino" Win Bright (Stay Gold) con Masami Matsuoka on board, allenato da Yoshihiro Hatakeyama per i colori della Win Co. Ltd., che ha risolto di mezza su Outliers (Victoire Pisa), Platina Voice (Empire Maker) e l'attesissimo campione giovanile Satono Ares (Deep Impact), che sarà pronto più avanti ma intanto è giunto quarto. Mirco Demuro è giunto quinto su Tricolore Bleu (Stay Gold), finendo comunque bene. Il vincitore ha lasciato impressionato i locali che lo hanno paragonato, come accelerazione a Orfevre. Bah. Si, non è male.. ma troppa strada dovrà fare. IL VIDEO QUI
Lasciamo lo scetticismo da parte e commentiamo come Mirco Demuro stranamente questa domenica ne abbia vinta solo 1: All'ultimo tuffo del pomeriggio, con Rock a Hula Baby (King Kamehameha). 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui