STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 21 giugno 2013

Report #RoyalAscot day 4: Sky Lantern impressiona nelle #Coronation Stakes. #Hillstar vince le King Edward VII su Battle Of Marengo, Queen's Vase a Leading Light con Boite terzo..il ricordo di Aidan O'Brien

ALBANY STAKES G3: Kiyoshi (Dubawi), per i colori della Qatar Racing, ha risolto con discreto finale nei confronti dlla favorita Sandiva (Footstepsinthesand) e l'altra attesa Joyeuse (Oasis Dream). Non una edizione apparentemente esaltante, anche se la vincitrice ha prodotto uno scarto evidentissimo che dal centro della pista l'ha portata a finire praticamente allo steccato e Jamie Spencer ha dovuto mettercela tutta per non complicare ulteriormente le cose. Tempo finale di 1m 13.82s (slow by 1.42s), prima vittoria al Royal Ascot per Charles Hills. Il video QUI
KING EDWARD VII STAKES: Sir Michael Stoute è tornato? Quasi. Di sicuro c'è che dopo la vittoria della Gold Cup nella giornata di giovedì, ha replicato nelle King Edward sul miglio e mezzo grazie al progressivo e tipico "Stoutiano" Hillstar (Danehill Dancer), cresciuto nel corso della stagione e secondo recentemente di Newbury Spring Cup Handicap. Il Danehill Dancer, montato ancora una volta perfettamente da Ryan Moore, dalle retrovie è piombato sul fuggitivo Battle of Marengo (Galileo), precedentemente quarto del Derby G1 di Epsom, e lo ha piegato nelle battute finali. Per Battle, si conferma la scarsa affidabilità del Derby (anche Chopin ieri nelle Tercentenary) ed una tendenza delle King Edward che difficilmente premia un partecipante di Epsom. Negli ultimi dieci anni solo Papal Bull (np nel Derby di Sir Percy), vinse qui battendo Red Rocks. Sulle sorti di Battle Of Marengo qualche "responsabilitatuccia" ce l'ha anche Joseph O'Brien che ha forse anticipato un pò troppo le mosse a palo lontano, facendogli pagare, oltre alle fatiche del Derby, anche le fatiche di una corsa nella quale aveva dovuto parare l'attacco di Contributer (High Chaparral) con Lanfranco Dettori. A lingua di fuori nella fase finale,, Terzo è arrivato l'ex imbattuto Mutashaded (Raven's Pass). VIDEO KING EDWARD VII QUI.
CORONATION STAKES: Forma inglese batte quella francese ed irlandese. Si può tradurre così l'esito delle Coronation con la vittoria impressionante andata alla grigia Sky Lantern (Red Clubs), già vincitrice delle 1000 Ghinee inglesi. Ancora più solida fisicamente che nelle precedenti (fonte Castelfranchi), è stata ben interpretata da Richard "Hughesie" Hughes il quale, con uno steccato 17, l'ha messa tranquilla a fondo gruppo per farle fare la volatona dal centro della pista e grazie ad una esplosiva accelerazione ha sorvolato il gruppo delle pretendenti, capitanate da Just The Judge (Lawman) e Kenhope (Kendargent), con quest'ultima, francese esponente di una Poule in sott'ordine, che ha conquistato il miglior piazzamento. Quarto ancora Lanfranco su Maureen (Holy Roman Emperor), sempre per Richard Hannon. La vincitrice, una figlia dello stallone deceduto Red Clubs (Red Ransom), ha rifinito il miglio in 1m 39.75s (fast by 0.25s). VIDEO CORONATION QUI.
WOLFERTON STAKES: Colpo a sorpresa per Forgotten Voice (Danehill Dancer), un 8 anni di Nicky Henderson e dunque con trascorsi in ostacoli, che ha messo tutta la sua esperienza e quella di quel volpone di Johnny Murtagh, attualmente il leading jockey del meeting, per battere Sheikhzayedroad (Dubawi) e Bana Wu (Shirocco). Da menzionare che la favoritissima Albasharah (Arch), finora imbattuta, che è rimasta sempre nelle retrovie con una corsa poco pulita, ha cercato varchi improponibili e solo nel finale si è proposta in una progressione notevole...Risultato: quinta, ma galoppava solo lei con improperi per Silvestre De Sousa, anche da parte di Franco Castelfranchi (testuale: da taglio di pxxxe": VIDEO QUI.
QUEEN'S VASE: Nella lunghissima (3200 metri) maratona che si correva in memoria di Sir Henry Cecil (tutti i jockey con il lutto al braccio) ha risolto Leading Light (Montjeu), un facoltoso e tardivo Montjeu (pagato gns520,000 da puledro) il quale, stavolta, è stato montato perfettamente da parte di figlio Joseph O'Brien per Padre Aidan O'Brien. In premiazione un Aidan O'Brien commosso ha voluto ricordare il Maestro Sir Henry Cecil citando un annedoto: "L'ultimo giorno che l'ho incontrato l'ho salutato dicendogli ciao. Pensavo non mi avesse visto o sentito, ma pochi passi dopo ho sentito la punta del suo piede sul mio sedere.. Era un uomo meraviglioso, è stato un privilegio averlo conosciuto...". Tornando alla cronaca: secondo è arrivato Feel Like Dancing (Galileo), mentre menzione particolare va fatta per Boite (Authorized), non piazzato del Derby Italiano G2 da co-favorito, che si è ripreso con gli interessi di quella brutta prestazione, al termine della quale erano emersi problemi di catarro (rumours). Peter Chapple-Hyam, per ripresentarlo al Royal Meeting, aveva infatti le sue ragione ed il cavallo di proprietà ed allevato dalla Eledy ha risposto con una bella progressione dal fondo del gruppo con Robert Havlin in sella. Il video del QUEEN'S VASE QUI
Seguiranno approfondimenti...

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui