STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 14 giugno 2013

Nella memoria del Maestro Sir Henry #Cecil: #Morpheus vince a Nottingham, #Songbird a Yarmouth..Ed ora c'è il #Royal #Ascot

Un saluto dal cielo, non poteva andare diversamente. Ieri a Nottingham Morpheus (Oasis Dream) (nella foto con Doyle e Jane Cecil) ha onorato la memoria di Sir Henry Cecil vincendo la prima corsa dopo la dipartita del Maestro. E non poteva che essere proprio un mezzo fratello di Frankel (Galileo), l'ultima creazione di Sir Henry, a fare diversamente per la giubba del Principe Khalid Abdulla, che ieri presentava il lutto al braccio di James Doyle. Morpheus ha vinto una maiden (VIDEO QUI) in maniera impressionante, e dimostrato di valere molto più di quanto fatto vedere sinora nelle precedenti tre apparizioni e sicuramente crescerà com'era nelle aspettative di Cecil. La British Horseracing Authority dopo la scomparsa di martedì scorso del Maestro, ha temporaneamente rilasciato la licenza di allenatore a Lady Jane Cecil ma Morpheus è stato solo il primo a vincere ma uno degli ultimi cavalli allenati in vita dall'allenatore inglese, che sempre ieri, ma a Yarmouth, ha visto vincere anche la femmina Songbird (Danehill Dancer) per i colori di Sir Robert Odgen, in un handicap con Ian Mongan in sella. Insomma, segnali inequivocabili che il Maestro già ci manca tremendamente. Non c'era Tom Queally, impegnato in Irlanda dove poteva addirittura arrivare la terza vittoria, ma a Leopardstown nelle Ballyogan Stakes G3, Tickled Pink (Invincible Spirit) ha cozzato contro la forma dell'ex italiana di training (Armando Renzoni) Fiesolana (Aussie Rules), ritrovata sulle piste irlandesi dopo qualche mese in Francia. Sempre con riferimento a Cecil, annunciato ieri il giorno del suo funerale che si terrà a Newmarket lunedì 24 Giugno presso la St Agnes Church, in forma privata e raccolta. Invece l'ippodromo di Ascot ha annunciato che in occasione del Royal Meeting, il Queen's Vase G3 in programma venerdì 21 Giugno verrà corso in memoria del nostro e saranno così titolate: "The Queen's Vase In Memory of Sir Henry Cecil." con consegna del premio che avverrà per mano di Sua Maestà la Regina con Lady Cecil che accompagnerà la Contessa del Wessex per la presentazione del premio. Il meeting reale è stato sempre una preda di Cecil che qui ha sellato 75 vincitori. E' stato scelto il Queen's Vase perchè è la corsa, insieme alle King Edward VII, che Cecil ha vinto più spesso: ben 8 volte. Tra l'altro, nel meeting dovrebbe correre anche Joyeuse (Oasis Dream), un'altra mezza sorella di Frankel (ma piena di Morpheus) che come annunciato dopo il debutto vittorioso di Lingfield (impressionante), correrà le Albany G3 proprio venerdì 21 Giugno. Johnny Weatherby, rappresentante della Regina ad Ascot, ha detto: "Sir Henry è stato una parte intrinseca del Royal Ascot per più di quattro decenni. Non è un segreto che il Royal Ascot è stato il suo meeting preferito dell'anno, e ci siamo sentiti che fosse giusto onorare i suoi successi qui, e ricordare la scomparsa di uno dei più grandi figure che il mondo dello sport abbia mai visto". I fantini correranno in quella occasione tutti con il lutto al braccio, e verrà fatto il canonico minuto di silenzio ad inizio meeting, proprio dopo la Royal Procession della Regina Elisabetta II fino al tondino. Vorremmo esser li, immaginando i brividi di un intero ippodromo ammutolito nei pensieri della memoria di un grande uomo, genio, leggenda.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui