STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 12 settembre 2015

St Leger Festival: Molta Italia al Town Moor. #Atzeni e #Pallasator nella Cup, Frankie e #Gutaifan nelle Flying Childers

Il Festival del St Leger comincia a salire di tono. Venerdì al Town Moor abbiamo visto qualche individualità che va raccontata soprattutto in chiave italiana, o semi. Nella Doncaster Cup G2 la vittoria è andata al "quirky but talented" Pallasator (Motivator) che grazie ad una sensibile ma decisa monta di Andrea Atzeni ha prodotto il meglio che poteva fare per disporre di Clondaw Warrior (Overbury), sul quale c'era Frankie Dettori. Al terzo è finito l'ex Rencati Suegioo (Manduro), sempre allenato da Marco Botti. Per il cavallo allenato da Sir Mark Prescott (già farlo vincere è stata una impresa) è la prima vittoria a livello di Gruppo. Sheikh Fahad Al Thani è apparso visibilmente soddisfatto sotto i suoi baffetti delicati. ed ha annunciato che è fantastico vincere in giornate del genere annunciando l'obiettivo del suo cavallo tutto matto, e sarà la British Champions Long Distance Cup, una corsa nella quale è finito terzo lo scorso anno. Dicevamo: In Pallassator, non solo la monta, ma anche un pedigree che rimanda molto all'italianità: La mamma è Ela Athena (Ezzoud), piazzata di G1 in carriera. La 4° mamma è Croda Alta, dunque della famiglia di Jakkalberry, Crackerjack King, Awelmarduk etc..IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Ancora un pizzico di tricolore nelle Flying Childers Stakes G2 dove si è confermato Gutaifan (Dark Angel), nella foto, per i colori Al Shaqab e Frankie in sella, che dopo esser arrivato secondo nel Papin G2 si è ripreso la scena vincendo sui 1000 metri ed spaccando il cronometro sul 58.04s, realizzato il record della corsa e battendo quello precedente di Sand Vixen nel 2009. Il figlio di Dark Angel, stallone infuocato al momento, ha dato la sua accelerazione quando il jockey glielo ha chiesto ed ha dovuto battagliare per opporsi alla resistenza di Ornate (Bahamian Bounty) nei 100 metri conclusivi ma risolvendola con gran coraggio. Molto tenace, è stata una bella lotta risolta da un cavallo che piace moltissimo. Per Frankie era la 20° corsa di Gruppo della stagione. Terzo è finito l'altro di Hannon Log Out Island (Dark Angel). Guta torrnerà sui 1200 ed è probabile un suo summit a Newmarket per le Middle Park G1. Ma in pratica, è già uno stallone. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.
Dall'Irlanda Jim Bolger ha inviato Turret Rocks (Fastnet Rock) la quale ha vinto con stile le May Hill Stakes G2 sul miglio in pista dritta sotto la spinta di genero Kevin Manning, andando a riprendere la fuggitiva Marenko (Exceed And Excel). La cavalla irlandese veniva dal quarto posto nelle Debutante G2 Stakes vinte da Ballydoyle, ed ha fatto valere i riferimenti allungando sull'extra furlong. In futuro allungherà ulteriormente, venendo da una famiglia di cavalli che fanno la distanza.. anche se c'è di mezzo anche Goldikova, in quel pedigree. IL VIDEO DELLA CORSA QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui