STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 2 gennaio 2019

Questione Capannelle: Frongia invita Hippogroup a tornare sui suoi passi. Forse una riunione il 7 Gennaio

Molti di voi ci stanno chiedendo novità sulla situazione Capannelle, su quello che potrà accadere e se veramente l'ippodromo è a rischio chiusura definitiva. 
Rispondiamo dicendo che il rischio è concreto, anche se molto remoto, e sebbene il Ministero abbia dato già tutte le giornate dell'anno a tutti gli ippodromi, compreso Capannelle, al quale sono stati anche attribuiti i gran premi da calendario, al momento la situazione è stagnante. Insomma, serve una soluzione più che altro "politica", forse, vista la distanza tra le 2 entità in questione.
In realtà ci sono 3 soggetti coinvolti, ma il problema in questo caso riguarda 2: Il Ministero, la Hippogroup Capannelle, ed il Comune di Roma. Al momento lo scoglio esistente è tra gli ultimi 2 soggetti in questione. La Hippogroup, in assenza di certezze sul canone di locazione, non può iniziare l'attività. E così prosegue il ping pong tra Comune e Hippogroup.
Ieri, con una nota diffusa, Daniele Frongia, assessore allo Sport di Roma Capitale, è tornato sulla questione dopo che Giuseppe Satalia ha fatto sapere di voler organizzare una manifestazione sotto il Comune per cercare di smuovere le coscienze, visto che al momento gli unici a rimettere sono gli operatori che lavorano i cavalli. Ecco le parole di Frongia: «Siamo venuti a sapere che gli operatori dell’impianto stanno entrando in agitazione perché HippoGroup ha stabilito di non disputare le corse a Gennaio pur previste dal calendario ippico. Stiamo cercando di interagire con i vertici del gruppo per trovare una soluzione: abbiamo già ribadito più volte che non ci sono impedimenti pratici per far svolgere le corse per i primi mesi del 2019 e che sarà nostra premura venire a capo della questione (che poi sarebbe l’aumento del canone annuo da €66.000, che chiede Capannelle, a circa €2,5 milioni, che chiede il Comune, pur sapendo che è una cifra fuori mercato). Chiediamo quindi a HippoGroup di tornare sui suoi passi, abbiamo avuto già diverse interlocuzioni con la società per lavorare insieme in un tavolo tecnico per affrontare ogni questione». 
A ribadire la propria posizione Elio Pautasso, d.g. di HippoGroup Roma, il quale ha dichiarato imprescindibile il canone annuo confermato a €66.000 e la pubblicazione entro giugno 2020 del bando di assegnazione della nuova gestione.
Intanto per il 7 Gennaio pare confermata, anche se non in maniera ufficiale, una riunione tra queste 2 entità che chiarirà, forse, la situazione. Gli scenari sono i seguenti: Nella migliore delle ipotesi si ricomincia a correre entro Gennaio, in caso non si riesca a breve si inizierà a Marzo... nella peggiore delle ipotesi, mai più. Serve dialogo e buon senso, speriamo ci sia margine per un punto di incontro. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui