STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 14 agosto 2015

Verso le Juddmonte International, Gosden supplementa un battistrada pro Golden Horn. Chi vincerà la sfida a scacchi?

La domanda degli ultimi giorni è la solita: Sui 2080 di York, avrà la meglio lo speed tattico di Gleneagles o la classe indiscussa di Golden Horn? Una via di mezzo che infiamma la vigilia in vista del big match del 19 Agosto. John Gosden corre ai ripari una volta saputo che il portacolori del Coolmore ha puntato il mirino proprio sulle Juddmonte International. L'ultima notizia riguarda i £75,000 spesi dall'allenatore di Clarehaven che ha deciso di sborsare di tasca sua le sterline per mettere Golden Horn di non subire uno schema decisamente tattico ed inserire nella contesa un pacemaker quale Dick Doughtywylie (Oasis Dream), un 7 anni allevato e di proprietà della famiglia Gosden per i colori di Rachel Hood, la moglie di Gosden. Dick non corre da oltre un anno (Giugno 2014) ma dovrà fare il lavoro sporco per Golden Horn, come in passato lo ha fatto per The Fugue e Kingman, altri campioni in passato di Gosden, lavorando come sparring partner in allenamento, mentre stavolta dovrà farlo in corsa. ECCO I 10 POSSIBILI CONCORRENTI ALLE JUDDMONTE INTERNATIONAL STAKES DEL 19 AGOSTO A YORK CLICCANDO SU QUESTO LINK.
Golden Horn si è dimostrato duttile in corsa vincendo a Sandown nelle Eclipse gestendola in avanti, ma contro un miler come Gleneagles bisogna prima di tutto ridurre i rischi non tirandogli la volata ma cercando di fargli sentire tutti i 2080 metri che, tutto sommato, non sono 2000 metri ma qualcosa in più. Scopriremo solo fra qualche giorno se la saggezza di John Gosden è stata così efficace. Intanto Aidan O'Brien medita, a sua volte, altre contromisure per un cavallo che ha sempre considerato un miler fatto e finito ma che, proprio sul miglio, ha già dimostrato tutto quello che doveva dimostrare. A York nel frattempo si frescheggia, prevista un pò d'acqua ma non in modo tale da poter interferire nel match che si proporrà e che illuminerà l'Ebor Meeting edizione 2015. 
Secondo voi, come andrà a finire?

2 commenti:

  1. Tutti parlano di match ma x me non lo è! Golden horn è altra cosa, certo gleneagles è un ottimo cavallo ma non ha un cambio di marcia secco come golden e poi la distanza boh mi sbagliero ma golden vale 3/5 non di più.

    RispondiElimina
  2. Tutti parlano di match ma x me non lo è! Golden horn è altra cosa, certo gleneagles è un ottimo cavallo ma non ha un cambio di marcia secco come golden e poi la distanza boh mi sbagliero ma golden vale 3/5 non di più.

    RispondiElimina

Commenta qui