STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 1 agosto 2015

Glorious Goodwood, day 4: #Muthmir da favorito nelle King George. In giornata doppio Al Shaqab con Dubday e Amy Eria

E' il Glorious di Frankie. Attualmente è il leader con 4 affermazioni davanti ad Atzeni e Doyle con 3. Il "retiring jockey" Richard Hughes ne ha vinte due, alla sua maniera. Ma gli assi portanti del venerdì appena trascorso, il penultimo di questo Goodwood edizione 2015, sono altri. William Haggas è tornato da vincitore nel winner’s enclosure con il favorito Muthmir (Invincible Spirit) che ha siglato, per i colori di Sheikh Hamdan Al Maktoum, le King George Stakes G2 (VIDEO CORSA QUI) sui 1000 metri. Clamoroso! Perchè vincere con un favorito una corsa a 1000 metri è una cosa difficilissima. Ma il 5 anni è stato posizionato sullo steccato basso da Paul Hanagan ed ha succhiato le ruote di Justineo (Oasis Dream) partito forte e che ha aperto la strada a quelli venuti da dietro. Muthmir gli si è messo negli scarichi e poi con una mossa agilissima lo ha infilato allo steccato prendendo quel margine significativo per respingere i serrate di Take Cover (Singspiel), vincitore lo scorso anno, e Move In Time (Monsieur Bond). Tempo finale di 56.08s (fast by 0.92s). Già vincitore del Prix du Gros Chene G2, Muthmir aveva anche un sovraccarico di 4 libbre. Ma è sembrato non averne. Nella stagione era arrivato terzo anche nelle King’s Stand Stakes G1 ed aveva corso bene nella July Cup G1 in una casino di corsa sin dall'inizio, pur non piazzandosi. Prossimo obiettivo sono le Nunthorpe Stakes G1 di York, su un mille metri che somigliano molto a 900 metri. Muthmir è un castrone, mezzo fratello di My Titania (Sea The Stars), prodotto della fattrice Fairy Of The Night (Danehill) di una famiglia di marca Aga Khan. 
Nelle Glorious Stakes (VIDEO CORSA QUI) è arrivata la vittoria di un cavallo strano come Dubday (Dubawi). Strano perchè è un cavallo Qatariota in tutto e per tutto, alla prima affermazione sul suolo britannico per il suo allenatore Jassim Al Ghazali, ed ha battuto con Frankie in sella The Corsican (Galileo) con quest'ultimo al rientro dopo aver saltato causa terreno le King George. Lezione di monta di Dettori, che non permesso ed ammesso repliche. Per il team Al Shaqab la ciliegina in un meeting dove è emerso per ben 5 volte. Dubday in carriera ha vinto la più importante corsa in Qatar, l'HH The Emir’s Trophy. Ghazali, eccitatissimo, ha annunciato di voler portare 30 cavalli in Inghilterra, l'anno prossimo. 
Nelle THOROUGHBRED STAKES (VIDEO QUI) a vincere è stata l'unica femmina del lotto di maschi. Malabar (Raven's Pass), per i colori di Jon and Julia Aisbitt ed il training di Mick Channon, è emersa di una categoria abbondantemente superiore a Kool Kompany (Jeremy) con Hughesie in sella, e Latharnach (Iffraaj) al terzo, ma era favorito in virtù del piazzamento nelle St James ed ha sacrificato non poco il quarto di Juddmonte Convey (Dansili). La vincitrice aveva in sella Silvestre De Sousa che ha gestito la situazione come se avesse un joypad nelle mani. Dietro a Kool, ha seguito, passato di slancio. Malabar. Channon ha parlato di America per lei. 
Nelle OAK TREE STAKES (VIDEO QUI) uno due per l'Al Shaqab. A vincere è stata la sorpresa francese di Francois Rohaut con la 4 anni "unexposed" Amy Eria (Shamardal) che ha vinto a 33/1. Respinta sempre Osaila (Danehill Dancer), sempre per i colori di Joaan Al Thani. Terza una coriacea Montalcino (Big Bad Bob).

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui