STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 25 giugno 2016

Milano, domenica c'è il Primi Passi G3. In 6 al via: La tedesca #Hargeisa contro gli italiani Biz Power, Penalty e Blu Marshall

Domenica a San Siro belle corse ed una su tutte, il Primi Passi G3, lancia i giovani 2 anni italiani verso qualcosa di importante. Nel continuo impoverimento del nostro allevamento, qualcosa di buono può ancora uscire. L'alternativa, è quella degli importanti in una tendenza sempre più frequente. Il Primi Passi è il primo vero passo per i nostri giovani verso qualcosa di importante, si può dire che della stagione è la corsa più qualitativa anche se altri preferiscono battere altre strade. Come per esempio Val Nanda (Fast Company) che correrà il Prix du Bois G3 del 2 Luglio a Deauville sui 1000 metri, una corsa già vinta lo scorso anno da Fly On The Night per Mario ed Attilio Giorgi. IL CAMPO DEI RIMASTI A DEAUVILLE QUI. Insomma, una corsa vinta sempre da cavalli che poi si sono rivelati buonissimi, basta fare qualche esempio a partire dal 1990 per capire: Arranvanna, Stuck, Fred Bongusto, Bruttina, Della Scala, Rolly Polly fino a risalire nel 2002 a Le Vie Dei Colori, Shifting Place, Golden Titus, Magritte, Lui Rei, Orpen Shadow, Blu Constellation, Vedelago, Chilwort Icon, Arpinati, Fontanelice e Ginwar (in parità) ed Ottone con quest'ultimo che domani effettuerà il debutto ad Hong Kong con il nuovo nome di City Warrior
Senza dimenticare la buonissima Sweet Hearth  (Touch Gold), che scartò terribilmente come da foto nel 2008 quando aveva corsa vinta, in una edizione poi dominata da Lui Rei. Tutti quelli elencati hanno fatto molto bene successivamente, in particolare in Francia, con Lui Rei che ha vinto il Papin 2008 mentre Sweet Hearth  fu seconda di Prix de la Foret G1, Blu Constellation che ha vinto il Criterium de Maisons-Laffitte, Golden Titus e Magritte piazzati di Papin, Orpen Shadow quarto sempre nel Papin (da infortunato) ed Omaticaya (Bernstein), seconda di Arpinati, ma sempre alla grandissima in Francia. Per continuare a leggere la presentazione cliccare più sotto.
Quest'anno al via saranno in 6 e c'è anche una cavalla straniera: Hargeisa (Speightstown), allenata da Mario Hofer, portacolori del Gestüt Fährhof, giubba gialla e nera, e sarà montata da Carlo Fiocchi. Hargeisa, che ha pescato il 4 di steccato, è figlia di quella Hasay (Lomitas) ex Team Valor, ha "solo" debuttato a Baden Baden nel Badener Jugendpreis sui 1000 metri del 25 Maggio perdendo la partenza, recuperando in fretta, e vincendo di 4 lunghezze e mezzo nei confronti di tale Farshad (Kendargent), poi vincitore agevole della sua maiden buona. IL VIDEO DELLA VITTORIA DI HARGEISA QUI.
Gli italiani: In pista ci sarà Penalty (Mujahid), vincitore di 2 corse su 2 in Italia tra cui il Giubilo dove non ha incontrato rivali degni del suo valore. Quel giorno distribuì lunghezze a piene mani in una corsa scarna, e da quel riferimento ritroverà il bellissimo Into The Wild (Mastercraftsman), il quale sembra più tagliato per distanze più lunghe, ma comunque ha dimostrato di saper muovere in qualche modo le gambe. Quel giorno fu ritirato prima della corsa Triticum Vulgare (Frozen Power) il quale nelle prime 2 corse disputate ha incontrato cavalli molto buoni, ma poi si è rifatto con gli interessi nella terza uscita, vincente, facendo segnare un tempo molto buono sui 1200 metri ed una impressione che sa tanto di cavallo in grado di poter ottenere un compenso a San Siro. Anche se i 1200 sembrano un filo lunghi per lui. Queste sono linee romane. Poi ci sono quelle milanesi: Tra tutti spicca la figura di Biz Power (Power), prodotto della fattrice magica Biz Bar (Tobougg), la quale ha già prodotto campioni come Biz The Nurse (Oratorio), Misterious Boy (Arcano), Biz Heart (Roderic O’Connor) appena venduto ad Hong Kong, e non solo. Biz Power, che di differente rispetto ai fratelli sembra avere un pizzico di velocità di base in più (data dal padre Power (Oasis Dream)), ha impressionato ad inizio Maggio nel Lampugnano sui 1000 metri dove è partito lento ma ha vinto di una dirittura. Dal team è filtrata la scelta di correre da freschi il Primi Passi per provare a puntare a qualcosa nella stagione in Europa. La Incolinx presenterà Blu Marshall (Blu Air Force), un cavallo progressivo e miglioratissimo corsa dopo corsa e vincitore del Bimbi qualche settimana fa. Di tutti, è quello con maggiore esperienza, non il più fresco. IL CAMPO PARTENTI DEL PRIMI PASSI CON MONTE E STECCATI QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui