STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 23 gennaio 2017

America: California Chrome eletto Horse of the Year 2016 con 202 voti contro i 40 di Arrogate. Sabato super sfida..

In America si sono tenuti gli Oscar del galoppo a Gulfstream Park, per quanto accaduto nel 2016 negli Stati Uniti. A trionfare, per il secondo anno dopo quello del 2014, è stato California Chrome il qualche ha conquistato il titolo di American Horse of the Year nonostante la sconfitta patita nella Breeders' Cup a favore di Arrogate. Il sauro di Art Sherman ha ottenuto 202 voti contro i 40 dell'avversario di Juddmonte, il quale si è "accontentato" del titolo del miglior 3 anni della stagione, con 5 voti invece andati alla femmina Songbird (anche lei vincitrice del titolo di miglior 3 anni femmina) mentre un solo voto è andato ad Highland Reel, globetrotter del Coolmore. Per vincere questo award è necessario convincere i votanti che arrivano dalle seguenti entità: National Thoroughbred Racing Association (NTRA), Daily Racing Form e National Turf Writers and Broadcasters (NTWAB).
California ha cementato il successo grazie alle sette vittorie nel 2016, inclusa la sfavillante affermazione nella Dubai World Cup. California è il secondo cavallo a guadagnare il titolo da quando è stato inventato l'Eclipse Awards nel 1971. Prima di lui John Henry lo vinse nel 1981 e nel 1984. Prima della creazione dell'Award, Native Dancer era stato Horse of the Year nel 1952 e 1954. Intanto tutto è quasi pronto alla super sfida di sabato ancora a Gulfstream Park nella Pegasus World Cup G1 da $12 milioni con in pista i 2 principali rivali, i migliori cavalli americani in circolazione. Ci sono un paio di novità all'orizzonte: Paul Reddam ha deciso di utilizzare il suo slot originariamente attribuito a Ralis per far correre il Doug O'Neill Semper Fortis (Distorted Humor), cavallo che non vince da almeno 7 corse. Tra gli altri sempre meno probabile la presenza di Gun Runner (Candy Ride) per Steven Asmussen a causa di un problema di un virus herpes equino non superato nei controlli in quarantena a Fair Grounds. Ne sapremo di più a breve. Annunciato anche il futuro di Keen Ice, che fece lo scalpo di American Pharoah nelle Travers e medita di farlo ad i 2 campioni attesi a Gulfstream, che entrerà in razza nel 2018 presso la Calumet Farm di Lexington in Kentucky, al termine della stagione agonistica 2017.
Qui sotto tutti i vincitori di Eclipse Award per il 2016 per categoria.
Horse of the Year: California Chrome
Older dirt male: California Chrome
Older dirt female: Beholder
Three-year-old Male: Arrogate
Three-year-old Filly: Songbird
Two-year-old Male: Classic Empire
Two-year-old Filly: Champagne Room
Male sprinter: Drefong
Female sprinter: Finest City
Male turf horse: Flintshire
Female turf horse: Tepin
Steeplechase horse: Rawnaq
Owner: Juddmonte Farms
Breeder: WinStar Farm LLC
Jockey: Javier Castellano
Apprentice jockey: Luis Ocasio
Trainer: Chad Brown

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui