Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

mercoledì, aprile 15, 2020

Inghilterra: Il BHA estende la sospensione per l'inizio delle corse, non c'è una data. Incertezze e timori, ecco cosa accade e tutte le dichiarazioni

Inghilterra non sa quando potrà riaprire.
Mala tempora currunt, dicevano i latini. Ma se da una parte secondo il professor Isaac Ben Israel, analizzando i dati di tutti i Paesi coinvolti dalla pandemia è possibile trovare delle analogie nell'andamento dell'epidemia e in un'intervista rilasciata a Channel12, ha sottolineato come il virus raggiunga il picco di contagio entro 4/6 settimane per poi cominciare una fase discendente che si concluderebbe intorno all'ottava/nona settimana, sviluppandosi nell'arco di 70 giorni, la realtà delle cose deve per forza essere subordinato ai dati reali.
Nella giornata di mercoledì il BHA ha annunciato che in Inghilterra il ritorno delle corse avverrà in un tempo non prestabilito ma sarà a tempo indeterminato a causa della pandemia di coronavirus.
Le corse sono state sospese il 18 marzo prima che il governo introducesse le attuali misure di blocco per proteggere i servizi di emergenza essenziali e la salute e la sicurezza del pubblico.
Il BHA, che inizialmente aveva sperato che le corse tornassero il 1 ° maggio, non ha fissato una nuova data per porre fine alla sospensione, ma i piani sono in atto in modo che lo sport sia pronto per riprendere non appena è possibile e appropriato in consultazione con governo. Ha anche detto che qualsiasi ritorno all'azione sarà a porte chiuse almeno fino a giugno.
Si ritiene che i piani per una ripresa includano potenzialmente "hub" con hotel in loco che tengono più dispositivi a porte chiuse e Newcastle, Lingfield e Hamilton sono stati proposti come piste in esame.
Nick Rust, amministratore delegato della BHA, ha dichiarato: "Abbiamo smesso di correre a marzo per proteggere la salute e la sicurezza del pubblico e limitare le richieste al servizio sanitario nazionale. È giusto continuare questa sospensione fino a quando la pressione sul servizio sanitario nazionale non consentirà una ripresa e noi può garantire la sicurezza di coloro che vi prendono parte.

"Siamo in contatto con il governo come parte del nostro sviluppo di un piano responsabile e coordinato per il ritorno dello sport quando è opportuno farlo.

"Continueremo a sviluppare una gamma di opzioni attingendo all'esperienza dei nostri partecipanti e ippodromi. Ma per ora, siamo tutti concentrati sul supporto dello sforzo nazionale, sul mantenimento delle restrizioni di distanza sociale e sulla cura della nostra gente e dei nostri cavalli".

L'allenatore Richard Fahey ha dichiarato al Racing Post la scorsa settimana che era contento che il gruppo che stava pianificando di riprendere le corse stessero almeno pianificando in anticipo, e ha nuovamente elogiato gli sforzi delle persone coinvolte.
Ha detto: "È una decisione estremamente difficile in quanto molte cose possono accadere in due settimane. Fino a quando non avremo delle buone notizie, non possiamo correre, ma nessuno sa quando accadranno le buone notizie.
"Sono contento di ciò che il gruppo propone, ma nessuno vuole correre mentre siamo in blocco e hanno tutto pronto per quando le corse sono pronte per il ritorno".

Nessuna corsa si è svolta in Gran Bretagna dal 17 marzo. Mercoledì il numero di decessi negli ospedali per coronavirus registrati in Gran Bretagna è aumentato del 761, portando il totale a 12.868. 

Il coronavirus ha anche avuto un impatto devastante sull'economia in Gran Bretagna e martedì l'Ufficio per la responsabilità di bilancio ha avvertito che potrebbe ridursi fino al 35% questa primavera. 

In una lettera inviata agli allenatori dal BHA questa settimana, una copia della quale è stata vista dal Racing Post, è stato suggerito che le corse britanniche rischiano di perdere 193 milioni di sterline di entrate se lo sport rimarrà chiuso fino a luglio, con gli allenatori tra quelli che affrontano tempi incerti. 
Rupert Arnold, amministratore delegato della National Trainers Federation, ha dichiarato: "La maggior parte degli allenatori non sarà sorpreso dal fatto che la sospensione sia stata estesa dato ciò che tutti sanno della situazione a livello nazionale.
"Detto questo, tutti sono molto ansiosi di andare al più presto in quanto esiste una visione coerente dello sport che è il modo migliore per proteggere gli affari, le persone e i cavalli.
"Vogliamo tutti andare al più presto possibile, ma i formatori apprezzeranno senza dubbio il riferimento all'obiettivo di iniziare a maggio.
"Il miglior equilibrio che possiamo raggiungere è quello di essere il più preparati possibile e di avere un piano in atto in modo da poter iniziare non appena vengono soddisfatte le giuste condizioni".
Sulle implicazioni finanziarie per i trainers, Arnold ha aggiunto: "È davvero all'avanguardia. Più sono lunghi i ritardi e le incertezze, più sarà difficile per le aziende adattare e trattenere i cavalli. In tutto il campo gli allenatori apprezzano i proprietari che tengono i cavalli in scuderia e si allenano. La loro decisione di supportare i formatori li aiuta a mantenere i posti di lavoro e garantire che i cavalli continuino ad essere seguiti".

Jockey Club riduce le tasse al galoppo
Il Jockey Club Estates ha annunciato che sta riducendo le tasse per i cavalli utilizzando i centri di addestramento pubblici di Newmarket, Lambourn e in consultazione con il Training Grounds Management Board di Epsom del 10% con effetto immediato, con una mossa progettata per supportare i proprietari di cavalli da corsa e gli addestratori durante la pandemia .
Nick Patton, amministratore delegato del Jockey Club Estates, ha dichiarato: "Mentre gli impianti da corsa sono sospesi, i nostri galoppi sono rimasti completamente aperti per consentire ai cavalli di ricevere l'esercizio essenziale di cui hanno bisogno. 
"Dato che siamo pienamente operativi, i nostri costi per mantenere e gestire i centri di formazione rimangono gli stessi del normale, quindi è stata una sfida trovare modi per ridurre le tasse per aiutare i proprietari e i formatori in questo periodo incredibilmente difficile."

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata