STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 3 agosto 2013

Città di Grosseto: Vince Carolwood Drive, per i commissari è inversione di forma e €2000 di multa per Marco Gasparini. Martedì l'approfondimento dell'inchiesta sul Trotto&Turf.

Venerdì sera al Casalone. Si è corso il Città di Grosseto, ennesima affermazione in handicap per un cavallo allenato da Marco Gasparini. Si tratta di Carolwood Drive, che nella prova precedente di preparazione al Città di Grosseto era finito inaspettatamente (?) nelle retrovie dopo una corsa apparentemente partita male, e finita senza troppo spendere con un ultimo posto, decimo su dieci. Prima ancora l'Ermolli, HP similare al Grosseto, ancora senza esito e poi la vittoria che ha scatenato molte reazioni. Cosa è successo? Che i commissari hanno comminato una sanzione di 2000 euro all'allenatore con l'accusa di inversione di forma. Ippica.biz ha già commentato live il risultato, riportiamo i termini del commento: "lo scatto e' stato devastante, era il favorito a 4 ma i commissari sono intervenuti dopo la corsa, hanno sentito le spiegazioni dell'allenatore e non ritenendole soddisfacenti gli hanno dato una multa di €2,000". Il video della corsa lo trovate QUI. Siccome la vicenda ha destato scalpore sul web, diamo appuntamento a Martedì quando sul Trotto & Turf verrà analizzata in profondità la corsa con le motivazioni che ha portato a quel risultato dell'inchiesta. Noi per stimolare la discussione, chiediamo di intervenire qualora lo voleste nei commenti qui sotto. Con preghiera di usare toni consoni..

18 commenti:

  1. Per curiosita' ho visto il replay e sono andato a leggere la carta di Carolwood Drive.

    Prima dell'handicap principale di Varese aveva un curriculum decisamente positivo.

    Ero alle Bettole quando non si e' piazzato in handicap principale, ma nemmeno troppo lontano dai primi, ci puo' stare. Poi la prova d'assaggio (senza la monta ...principale) sulla pista, ultimo (rendendo peso). E ieri il botto.

    Chi straccia il biglietto ci puo' anche rimanere male, ma non mi sembra poi di vedere chissache di scandaloso.

    Il suo allenatore ha messo a target l'obiettivo piu' importante e l'ha centrato. Il cavallo risultava tra i piu' appoggiati della corsa non certo un outsider a 30/1.

    Senza tirare in ballo Barney Curley, chi frequenta le corse estere sa bene quanti casi ben piu' eclatanti di questo accadono. E con gamble pesantissimi presso i bookies.

    E a Vincennes durante il meeting d'hiver, non e' vero che si vedono corse dove piu' della meta' dei concorrenti si disinteressa totalmente? Ma li' nessuno dice niente...

    Rp

    RispondiElimina
  2. Non è un discorso legato al cavallo, ma all'allenatore... il sig. Gasparini non è nuovo a queste porcate ippiche, giustissimo punirlo, soprattutto in un periodo in cui tutti chiedono trasparenza e facce nuove e pulite in questo mondo... qualcuno sa dirmi perché questo signore vince spesso gli handicap, non solo i principali? Comunque di allenatori come lui ce ne sono tanti, è la gente così che rovina l'immagine ippica...

    RispondiElimina
  3. Un allenatore serio mette in pista il cavallo perché ritiene che abbia possibilità di lottare per la vittoria e non per far alzare la sua quota e/o far calare il peso in vista della corsa a cui punta. Bene hanno fatto i commissari a multarlo. In questo modo non perdono solo gli scommettitori ma perde credibilità lo sport ippico; inoltre questi fatti contribuiscono ad allontanare dagli ippodromi i già scarsi frequentatori. Poi parliamo di crisi.....

    RispondiElimina
  4. ci vuole trasparenza l'ippica italiana e' da riformare tutta non c'e' una cosa che va bene..

    RispondiElimina
  5. IO CREDO CHE DA MOLTI MOLTI ANNI, GLI OPERATORI IPPICI STANNO PERDENDO LA COGNIZIONE DEL LOGICO. FORSE NON SI RENDONO CONTO CHE GLI SCOMMETTITORI COME ME A VEDERE COSE DEL GENERE SI DISAFFEZIONANO SEMPRE DI PIU VEDENDO IL 99,9% DELLE VOLTE CHE GLI ALLENATORI CHE FANNO PORCATE DEL GENERE NON SONO MAI PUNITI CON MULTE SALATE (2000 EURO SONO NIENTE) O CON SQUALIFICHE PESANTI (TIPO NON POTER DICHIARARE PARTENTI PER ALMENO 3 MESI E SENZA PRESTANOME SOPRATTUTTO. IO PERSONALMENTE E' DA TEMPO CHE NON GIOCO I CAVALLI DI GASPARINI PERCHE' E' UN TIRATORE DI VECCHIA DATA CON INVERSIONI DI FORMA ILLOGICHE A RIPETIZIONE MA QUESTO E' UN ALTRO DISCORSO POICHE' SONO I GIUDICI CHE IL 99,9% DELLE VOLTE NON LO HANNO MAI PUNITO A LUI E OVVIAMENTE ANCHE A MOLTI ALTRI.

    RispondiElimina
  6. Gasparini così come menichetti ed altri sono da radiazione

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo con chi è intervenuto prima ovvero che la sola multa ( peraltro irrisoria rispetto alla gravità del fatto) non basta. Insieme dovrebbe essere comminata una diffida o, se recidivo, una dura squalifica, fino alla radiazione qualora si verifichino più fatti similari nella stagione o in un determinato periodo.

    RispondiElimina
  8. E cosa dire di chi è in sella compiacente....

    RispondiElimina
  9. grillo direbbe...."siete finiti, finiti....siete morti che camminano"

    a quando il cartello "chiuso per fallimento" ??


    SEBASTIANO

    RispondiElimina
  10. ma quante volte ci e' successo di prendere un cavallo perche' vedendo le prestazioni abbiamo detto..."...questo non e' andato a correre l'ultima volta, vedrai che oggi arriva al palo...."siamo noi in primis scommettitori che ahime' e ripeto ahime' perche' non si puo' fare altrimenti, ragioniamo su queste cose.
    E' ormai da un anno che non entro a malincuore all'Ippodromo di San Siro...dal giorno che mi hanno cacciato perche' avevo un cucciolo di Terranova al guinzaglio...al contrario di SAn Rossore che mancava che mi mettessero il tappeto rosso quando mi hanno visto con il cane....la nostra Ippica e' questa e non si puo' fare altrimenti...ma E' SEMPRE STATA COSI',sicuramente negl'ultimi 2 anni + accentuate per via della crisi, con arrivi inverosimili che vanno al di la' di ogni logica!
    15 anni fa volevo diventare proprietario...mi ricordo che sono andato in una famosa scuderia per un cavallo in vendita, che mi ha rassicurato che non era zoppo e che quei soldi, troppi, li valeva tutti...beh avevo gia' preparato l'assegno...ma il giorno dopo non ci andai ...BEH IL CAVALLO, COMPRATO DA ALTRI, NON CORSE MAI...MAIIII!!!
    ma la mia passione continua...sperando si sa mai che un Ippodromo torni a Monza all'interno del Parco della mia citta'. che il 5/6 Ottobre al meeting dell'Arc non faccia troppo freddo e che Gabriele non perda mai questa sua passione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo io non la perda. Le premessse, ahimè, non ci sono tutte..

      Elimina
  11. Queste cose le fanno in parecchi e da sempre.........

    RispondiElimina
  12. Gabriele perché non dici la tua? Ci vuole coraggio e magari anche la risposta ufficiale di Gasparini, con tanto di dibattito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che il sistema di caccia alle streghe sia sbagliato, conosciamo tutti questo mondo e i vecchi trucchi da mestieranti che lo compongono ed in Inghilterra sono all'ordine del giorno. Questi sistemi sono sempre al limite dell'elusione attraverso giustificazioni più o meno plausibili. Comunque, ogni caso va analizzato a se. In questo in particolare però, per esempio, tenuto conto che Carolwood ha espresso quasi sempre valori molto omogenei, il gasparini andava chiamato la volta prima, cioè quando è arrivato dietro senza figurare... cioè nella volta che veramente ha manifestato una inversione di forma, e non ha dato la sua linea. Li, l'allenatore avrebbe dato la sua versione.. un problema ai ferri, la monta pessima o altro...cosicchè attraverso una pronta comunicazione lo scommettitore ne avrebbe potuto tenere conto nella volta successiva.. In italia però non esiste una comunicazione in tal senso, qui tutto è affidato al caso, e forse una classe di commissari non propriamente adatti (preciso che non soo chi fosse di turno) ma quel tipo di soluzione lo avrebbe messo al sicuro poi nel caso (poi verificato) che Carolwood, fosse tornato al suo standard. C'è da dire, ed è una statistica che ancora non ho fatto, che Marco Gasparini ha una altissima percentuale di vincitori a livello di handicap, forse più di chiunque altro. Che siano gli altri scemi? Che sia lui un genio? Che usi un sistema che altri non usano? Boh! Questo è un quesito che ancora mi pongo.
      Stessa cosaa vale comunque nel caso opposto: Ovvero, un cavallo fa 10 np violenti e poi vince..significa che l'ultima volta è migliorato tanto, allora si li c'è inversione di forma. Comunque, ho voluto scrivere questo post provocatoriamente, sapendo che avrei scatenato delle reazioni. Ma non in modo isterico, il fine è quello della riflessione comune. C'è il complottista, quello che crede al fatto che siano collusi tutti con lui, chi pensa sia una cosa del tutto normale. Certo è che in Italia, manca la trasparenza. Che ne dite voi?

      Elimina
    2. Per inciso, se Marco Gasparini rispondesse, sarebbe ben accetto. Ma credo lo faccia direttamente domani sul giornale, sentiremo la sua opinione e capiremo se scagionare lui e condannare il sistema, o viceversa.

      Elimina
  13. Nessuno avrebbe il coraggio di dire che ha fatto un giro di pista l'ultima volta... sarebbe bello sentire i suoi colleghi, anche loro dovrebbero parlare!

    RispondiElimina
  14. E' la cosidetta "molla"... non facciamo le verginelle dai...

    RispondiElimina
  15. I proprietario scappano e tutti quellindel settore andranno a lavorare al mercato o al porto a scaricare merci... questo é il destino che vi meritate, buffoni!

    RispondiElimina

Commenta qui