STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 8 agosto 2013

Les italiens. Tra oggi a domenica tanti portacolori o allevati da noi, tra Deauville, Vichy e Clairefontaine. Poi Regina Mundi nel Pomone, Lady Dutch nel Calvados del 18 e Omaticaya nel Morny del 18

Ma il weekend o quantomeno le prossime settimane prevedono molte presenze italiane in Francia. Si comincia venerdì dove a Deauville solo in una corsa ci saranno tre italiani. Nel Prix D'Herouville, una reclamare, saranno al via Maremmadiavola (Kheleyf), Stella Indiana (Blu Air Force) con Demurino e Blu Axara (Blu Air Force) per Fabrice Chappet, ma con Umberto Rispoli in sella. C'è anche Boogy Man (Orpen) in un'altra reclamare sui 1200 metri. Oggi giovedì a Clairefontaine da registrare il tentativo di Schiaman Force (Blu Air Force) nel Prix des Lobélias - Reclamare con allievi fantini. A Vichy fra qualche giorno forse vedremo all'opera in un'altra reclamare tre italians come Die Brucke (Vita Rosa) non più italiana di colori, Golden Surprise per la Razza Sila e Giant Diamond (Diamond Green) per la Aleali. Ad alti livelli, sabato 9 c'è il tentativo di Regina Mundi (Montjeu) nel Prix Pomone G3 a Deauville, mentre nel Calvados G2 del 18 Agosto ci sarà il tentativo di Lady Dutch (Dutch Art) mentre in essere c'è ancora la forte probabilità di vedere Omaticaya (Bernstein) nel Prix Morny G1 sempre del 18 Agosto. 
Ce ne saremo dimenticati certamente qualcuno, che inseriremo di volta in volta, anzi accettiamo inserimenti e commenti. Diciamo che è un post...itinerante e di cui siete anche voi partecipi.

1 commento:

  1. Fa tristezza vedere cavalli italiani presenti solo nelle corse di bassa categoria mentre sono assenti nelle corse di Gruppo ( e se vi partecipano non sono da podio, ad eccezione della coraggiosa Omaticaya, ma, come si sa, l'eccezione conferma la regola) in quanto l'ippica italiana, ormai da anni, è incapace di esprimere campioni in grado di lottare alla pari con quelli d'oltralpe. A tal proposito,viene da domandarsi perché i nostri campioncini Biz The Nurse a Charity Line non tentino l'avventura fuori casa. Per paura o che altro? Eppure all'estero i premi li pagano subito.

    RispondiElimina

Commenta qui