STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 28 agosto 2013

Cristian #Demuro il francese: da Settembre procura affidata a Pierre Alain Cherreau già manager di #Soumillon, e sarà stabile presso Criquette #Head

Dicesi “alloctona” una specie che, per opera dell’uomo o di un evento naturale, si trova in un posto diverso da quello di origine e lo colonizza. In Italia ce ne sono tanti: scoiattoli grigi americani che hanno fatto il mazzo a quelli italiani, o i gamberetti del Tevere o i siluri leviatani di due metri che sguazzano nel Po. E poi c’è Cristian Demuro, esempio tipico nel segmento ippico, di jockey che dovunque va, vince. Nell’ultimo anno solare è successo un po’ ovunque: America, Inghilterra, Dubai, Germania, Giappone, Francia e magari anche nel giardino di casa. Nel 2013 ha totalizzato 13 vittorie in Germania (compresa una domenica, battendo Silvery Moon, il cavallo pezzato di Mario Hofer ed una martedì, 2 in Francia, 4 in America, 37 in Giappone (conditi con G1, G2 e G3) e 27 in Italia, tra le quali anche il Milano. In totale fanno 83, che non è un numero altissimo ma se consideriamo lo spirito nomade e di adattamento, non sono poche. Lo stesso spirito, abbinato al ghigno del killer del traguardo, lo porterà a breve a piantare le tende e cercare di colonizzare la Francia, come tanti italiani che hanno lasciato il paese per quello dei cugini più ricchi: “Ho raggiunto un accordo di massima con Pierre Alain Cherreau, un agente che mi ha cercato di più ed è stato uno di quelli che ha manifestato maggiore interesse nelle mie doti, a lui piace come monto, mi ha visto vincere qui e io ne sono fiero”. Eravamo rimasti ad un periodo tedesco fino a fine Agosto nella nostra ultima intervista, tredici vittorie e molti piazzamenti fa: “Infatti, a fine mese terminerà lo stage in Germania..Ho vinto un po’, ma mi aspettavo di vincere più corse. Tutto sommato è stata una esperienza positiva e che fa curriculum, ma sono felice della scelta che sto operando… fra qualche giorno dovrei andare stabilmente in Francia dove ogni tanto monto, e dove già ho ottenuto due vittorie (una Konkan, una TQQ francese). Cherreau Per ora ha Cristophe Soumillon e Antony Crastus, ma con ques’utlimo sta divorziando e quindi ha pensato a me come un peso leggero da metter su quando serve. Lo ringrazio molto perché ha insistito nel volermi nella sua scuderia e mi sento di ringraziare sentitamente anche il Marchese Incisa e Giuseppe Rossi, i quali dal quartier generale della Dormello sono stati i primi a prospettarmi questa soluzione e mi hanno messo dapprima in contatto con Herve Nagar, agente di Pasquier e Peslier che però ha problemi di abbondanza in questo momento, e mi ha dirottato su Cherreu. La base molto probabilmente sarà quella di Madame Criquette Head, con lei non ho ancora parlato, lo farò di persona a breve..ma l’accordo di massima che mi è stato prospettato, prevede che io monti la mattina in scuderia ed ogni qual volta che ce n’è bisogno anche in corsa. In Francia mi piace l’ambiente, è il momento giusto di andare e provare, Umberto sta facendo bene e spero di poter fare abbastanza, e anche di più..”. Dovrei, potrei, tanti dubitativi o condizionali..niente niente nella mente di Cristian c’è ancora un piccolo “ma” che pone l’ingaggio francese in dubbio: “Proprio in questi giorni mi è stata prospettata l’opportunità di montare oltreoceano, al posto di Rosario che si è infortunato e starà per 60 giorni fuori..è chiaro che se ciò avvenisse, sarebbe una grande opportunità in un paese che amo e che mi ha regalato una delle più belle esperienze della mia vita professionale: sarei tentato, forse condizionato molto nella scelta. Ma..detto fuori dai denti al 99% rimarrò sulla mia prima decisione, quella di andare in Francia, a Chantilly per cercare di far valere le mie doti. A proposito, in Italia come va la situazione?”. Hai presente l’inferno? Nulla in confronto.

1 commento:

  1. Cristian e' bravo e deve tentare. Ma io dico i fantini potranno trovare posto all'estero anche come morning jockey se non sono molto quotati ma gli allenatori che fanno? e che faranno? e' vero che non si sono mai tutelati come categoria "penoso", rischiano di finire peggio di molti cavalli..

    RispondiElimina

Commenta qui