STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 21 agosto 2013

#York: Declaration Of War vince le Juddmonte International Stakes! Battuti Trading Leather e Al Kazeem, lontano un pessimo Toronado

La regolarità di Declaration Of War (War Front) ha avuto la meglio nelle Juddmonte International Stakes G1 (VIDEO QUI) che si conferma la tomba dei tre anni vista l'esibizione di Toronado (High Chaparral), fermo nelle retrovie (nel post gara testimoni hanno parlato di cavallo che tossiva). Qui va fatto un plauso ad Aidan O'Brien e al figlio Joseph che l'hanno studiata bene restando a contatto del cavallo da battere veramente, quel Al Kazeem (Dubawi) che aveva sbagliato nulla nel 2013. Ma sul Dubawi, James Doyle, ci ha messo un pò del suo mettendolo troppo in corsa sebbene in scia di Trading Leather (Teofilo), e la infinita dirittura di York non ammette errori e la condizione deve essere al top. Joseph ha pitonato proprio il favorito ed in due tempi di galoppo ha saltato via Al Kazeem e Trading, che è rimasto secondo (altro regolarissimo) ed ha continuato sul traguardo con un tempo molto buono di 2m 5.74s (fast by 1.76s), vicino a quello fenomenale del 2009 di Sea The Stars di 2:05.29. Si è andati forte, ma è un trionfo targato Mrs J Magnier, Michael Tabor, Derrick Smith e soprattutto Joseph Allen che ne è comproprietario e proprietario dello stallone War Front (Danzig), sire che funziona per $80,000 in USA, prettamente erbaiolo, che sta cercando, ovviamente (operazione simile a quella di Kitten's Joy) valorizzazione in Europa, ed il risultato parla chiaro. Bingo! Giusto premio alla costanza di un cavallo che ha cominciato la stagione con il botto nelle Queen Anne ad Ascot, poi le ha prese da Al Kazeem nelle discussissime Eclipse, da Toronado stesso a Goodwood sul miglio e da Moonlight Cloud a Deauville, recentemente, nel Jacques Le Marois sul miglio in pista dritta. Ma qui, la lunga dirittura ha sancito la forza di Declaration, il cavallo al punto giusto al momento giusto. 
Poco prima Telescope (Galileo) ha fatto il compitino nelle Great Voltigeur Stakes G2 (VIDEO QUI). Non abbiamo ancora inquadrato il figlio di Galileo (Sadler's Wells), e l'impegno di oggi non era difficilissimo contro cavalli che hanno combinato poco o che avevano ancora mostrato poco. Il più intrigante era Foundry (Galileo), ed è difatti arrivato secondo con Jamie Heffernan..gli altri nulla. Sta di fatto, che Telescope ha passato l'esame miglio e mezzo nel migliore dei modi, ottimisticamente possiamo pensare che Sir Michael Stoute possa migliorarlo ancora...e visto il pedigree (mamma da Darshaan, incrocio classicissimo) si può pensare al St Leger, anche se al momento non sembra un cavallo da spessore di G1. 
Tra i puledri delle Acomb G3 (VIDEO QUI) per puledri ad emergere è stato Treaty Of Paris (Haatef) un pò a sorpresa per Henry Candy e per The Grey Gatsby (Mastercraftsman) sul quale Kevin Ryan è stato un filo troppo attendista. Comunque, non sembrano fenomeni.

11 commenti:

  1. sl kszeem non galoppava bene ha dato l'impressione di soffrire il terreno forse un po' duro per lui.. per me rimane un favorito per l'arc da rivedere t.

    RispondiElimina
  2. volevo dire tra i favoriti insieme a Novellist naturalmente

    RispondiElimina
  3. Telescope ha gradito la lunga dirittura e i 2400 m che sono la sua distanza.
    ha un gran modello a mio avviso puo' migliorare ancora vedremo..

    RispondiElimina
  4. Tatticamente perfetta la corsa del vincitore,ottima monta dei giovane Joseph che in questa circostanza ha mostrato di saperci fare (al contrario di altre volte. Doyle forse troppo sicuro dei propri mezzi e dell' ottima forma del cavallo nel periodo ha sbagliato tattica (troppo scoperto) e parziali. Toronado straordinario miler, a mio avviso no da distanza soprattutto in una pista come quella di York. Bella corsa quella di Trading Leather...


    Paolo

    RispondiElimina
  5. Puo' anche darsi che non Toronado non faccia la distanza, ma non credo sia questa l'occasione per poterlo affermare. Era l'ombra del cavallo che abbiamo conosciuto, strabattuto ben prima che la distanza fosse testata. Corsa, la sua, che non fa testo.

    Eppoi se c'è una pista dove si puo' provare ad allungare la distanza, quella e' proprio York, piatta e veloce.


    Rp

    RispondiElimina
  6. A me sembra che sopravalutate un po sto toronado, alla fine ma che campioni ha mai battuto?


    Dario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei pratico di galoppo e quindi di cavalli o ti occupi di greyhounds?

      giuseppe

      Elimina
  7. Declaration of War per esempio oppure Dawn Approach che e' un somaro pure quello?

    RispondiElimina
  8. va be va be.....ho capito come state messi.
    ne riparliamo fra qualche mese poi vediamo che fine fa sto toronado



    dario

    RispondiElimina
  9. Appunto perche' troppo veloce, puo' anche darsi che il cavallo avrà riscontrato qualche problema, curioso di rivederlo sulla distanza per vedere effettivamente quando vale veramente...cmq sia resta un soggetto validissimo l' ha dimostrato....



    Paolo

    RispondiElimina

Commenta qui