STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 23 dicembre 2016

Francia: Favoloso Pierre Charles Boudot, fa 300 vittorie in stagione. Grande poker a Marsiglia giovedì

Era solo questione di tempo, ma ieri pomeriggio (giovedì) Pierre-Charles Boudot ha raggiunto e superato la vetta delle 300 vittorie in una stagione, in quel di Marsiglia Pont de Vivaux dove ha ottenuto un poker che lo ha fatto salire da 297 a 301 in un solo pomeriggio. Il giovane jockey francese, 24 anni compiuti mercoledì, ha vinto subito in apertura in sella alla italiana Sfarzosa e poi a bordo di Grinch, mentre la 300 è arrivata in sella a Mokka, prima di fare 301 con Almutawa. Ha avuto opportunità di vincere la 300 in sella all'italiano Gagner Sa Vie, ma in questa occasione è arrivato solo secondo. Comunque, si tratta di un fantino che sta riscrivendo la storia del turf francese con i suoi numeri. Lo scorso mese aveva raggiunto la quota di 274 vittorie, superando le 273 di Peter Schiergen che resistevano dal 1995. Ma Pierre non si accontenta: Ha detto che sabato sarà a Pau, lunedì 26 a Deauville mentre il 25 non monterà perchè in Francia ci sono gli ostacoli a Cagnes. In effetti l'obiettivo di Boudot, che ha negli ostacoli una base dalla quale è partito come background, sta mirando le 307 di Sir Anthony McCoy arrivate nel 2002. Il record mondiale delle vittorie in un anno appartiene a Kent Desormeaux che vinse la mostruosa cifra delle 597 vittorie in un anno in Nord America nel 1989.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui