STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 4 dicembre 2016

Giappone: #SoundTrue vince la Champions Cup, battuto il favorito Awardee. Scommessi $127 milioni solo sulla corsa!

Praticamente era l'unico del quale non avevamo ancora parlato in sede di presentazione della Champions Cup G1 di Chukyo sui 1800 metri in sabbia con dotazione da $2 milioni. Del resto in Giappone capita molto spesso di trascurare cavalli molto buoni a vantaggio di quelli ancora più buoni. La qualità, però, non manca mai. Lo scorso anno fu la 12° favorita Sambista a vincere con un Mirco Demuro eccezionale a bordo, quest'anno a vincere è stato il sesto favorito della competizione Sound True (French Deputy), specialista comunque, che nelle battute finali ha piegato le velleità del favorito Awardee (Jungle Pocket), reduce da 6 vittorie consecutive in sabbia ed imbattuto prima di questa giornata, abbassando il record di Sambista nella fase finale di 0,3s completando i 1800 metri in 1m 50,1s. Da sottolineare una cosa fondamentale sul gioco: Il totalizzatore JRA Tote ha registrato un movimento, solo sulla 11° corsa di Chukyo cioè la Champions Cup, di ¥14,365,851,600 ($127 milioni) in leggero + rispetto al movimento raccolto lo scorso anno di ¥13,284,743,400 ($117milioni). Numeri che devono far riflettere, e non poco.

Tornando al vincitore: è un sei anni, castrone, è di proprietà di Hiroshi Yamada, allenato da Noboru Takagi e montato da Takuya Ono ha così catturato la 9° vittoria in 38 uscite in carriera, collezionando la sua terza vittoria in Pattern ma la seconda a livello di G1 dopo il Tokyo Daishoten sul dirt dello scorso anno. 
Partito veloce dallo stallo otto, si è mantenuto a centro gruppo rosicchiando metri preziosi e girando sempre vicino allo steccato. In dirittura ha scurvato cercando spazio verso l'esterno e sull'anticipo del favorito Awardee ha costruito il finale formidabile. Terzo è finito l'outsider a 40/1 Asukano Roman (Agnes Digital) mentre nulla da fare per gli attesi Moanin (Henny Hughes) solo settimo, Lani (Tapit) nono ma con una corsa non così brutta, dando l'idea di attendere il prossimo anno per togliersi soddisfazioni in tal sesno. Male anche Copano Rickey (Gold Allure), praticamente inesistente Gold Dream (Gold Allure) con Mirco Demuro a bordo.
Sound True aveva vinto il suo primo G1 nel Tokyo Daishoten sui 2000 metri in dirt, ed era stato secondo e terzo rispettivamente nel Kawasaki Kinen in Gennaio e nel Teio Sho di Giugno, due delle prove più importanti del circuito "sabbiarolo".
IL VIDEO COMPLETO DELLA CHAMPIONS CUP QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui