STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 16 dicembre 2016

Giappone: Domenica si corrono le Asahi Hai Futurity Stakes G1, il Gran Criterium nipponico. Attesa per Mi Suerte (Frankel)

Andato in archivio l'Hanshin Juvenile Fillies G1 della settimana scorsa, tutti gli occhi sono ancora puntati su una femmina anche se si parla delle Asahi Hai Futurity Stakes G1, il Gran Criterium giapponese, corsa tradizionalmente dominata dai maschi. Domenica però ci sarà un motivo in più di interesse perchè è stato l'obiettivo dichiarato di Mi Suerte (Frankel), una femmina molto stimata che ha preferito pazientare una settimana in più per correre contro i maschi piuttosto che affrontare Soul Stirring (Frankel e Stacelita), diventata la prima vincitrice di G1 per lo stallone Frankel, molto seguita in Europa proprio per la paternità. Mi Suerte ha lo stesso profilo di Soul Stirring, nel senso che arriva da due vittorie consecutive e convincenti. Figlia della campionessa Mi Sueno (Pulpit), Mi Suerte ha vinto al debutto ad Hanshin a fine Settembre sul miglio e poi replicato sempre con stile impressionante a Kyoto nelle Kyoto Sho Fantasy Stakes G3 sui 1400 metri (VIDEO QUI). Epperò, c'è un però. Perchè Mi Suerte dovrà sfatare un mito enorme: Quello che riguarda la tradizione di una corsa che non vede vincere femmine da 36 anni. L'ultima è stata Tenmon nel 1980, quando ancora non c'era il Juvenile Fillies introdotta nel 1991. Nel 2013 ci ha provato Bel Canto (Sakura Bakushin O), che arrivava da un bel ruolino ed era terza favorita, ma finì 10°. Negli ultimi 5 anni ci hanno provato 3 femmine ma il miglior risultato l'ha ottenuto Gris Sage nel 2013, con un 9° posto.
Comunque gli stalloni rappresentati sono molti e di qualità, negli iscritti: Ci sono figli di Deep Impact, Frankel e Dubawi. Tra gli attesi in Giappone anche Rulership e Pioneerof the Nile, quest'ultimo sire di American Pharoah. Ci sono 21 iscritti per un numero massimo di partecipanti che dovrà essere di 18, tutti a dividersi una borsa da 700 milioni di Yen. Come al solito il clou è l'11° corsa, in programma alle 15:40 local time.
L'unico problema per Mi Suerte potrebbe essere il fantino Yuga Kawada, che una ne fa e cento ne pensa, decisamente poco rassicurante. Per il resto parlano i numeri della rifinitura a Kyoto dove Mi Suerte ha realizzato gli ultimi 2 furlongs in 11.1 e 11.4 con gli ultimi 600 nei quali ha chiuso con un 33,6 secondi. Allenata da Yasutoshi Ikee, avrà purtroppo in sella ancora Kawada. 
Gli avversari sono tanti, ne citiamo alcuni tra i più attesi: Red En Ciel (Manhattan Cafe) è uno dei 4 imbattuti della corsa. Ha vinto le Momiji Stakes in Ottobre a Kyoto al rientro dopo il debutto di Sapporo. Allenato da Yasushi Shono ha fornito i 600 finali sempre in un 33.6 secondi. Yuichi Fukunaga, che lo ha montato in tutte e 2 le corse, è infortunato e verrà sostituito da Vincent Cheminaud. Uno che è cresciuto dal debutto è Satono Ares (Deep Impact), uno dei tre Deep Impact iscritti. Satono è reduce dalla vittoria nel Begonia Sho sul miglio di Tokyo, al rientro dopo 2 mesi di sosta. Prima aveva debuttato con un secondo posto a Sapporo, replicato successivamente. Poi la vittoria a Nakayama e la rifinitura a Tokyo, appunto. Si tratta di un cavallo di proprietà di Hajime Satomi, proprietario dei vari “Satono” in giro per il Giappone, e fresco di vittoria nel Vase con Satono Crown mentre il suo allenatore Kazuo Fujisawa è fresco di vittoria nell'Hanshin Juvenile Fillies con Soul Stirring. Unico problema: Scende Ryan Moore, sale Hirofumi Shii, un veterano che non vince in G1 dal 2010, nel Takamatsunomiya Kinen di Kinshasa no Kiseki.
Altro con chances è Danburite (Rulership) per Hidetaka Otonashi. Piazzato nella Saudi Arabia Royal Cup G3 di Tokyo doopo un debutto vittorioso a Chukyo sul pesante. Viene ritenuto molto forte, ma non ha mai corso a mano destra, ma sarà montato da Keita Tosaki. Uno ovviamente con grosse chances di vittoria. Tra gli altri ci sono Trust (Screen Hero), vincitore in Settembre delle Sapporo Nisai Stakes G3 e quinto nella preparazione del Tokyo Sports Hai Nisai Stakes G3 sui 1800 metri. Tagano Asura (Manhattan Cafe) che avrà in sella Yutaka Take, poi Clear the Track (Deep Impact) che avrà a bordo Mirco Demuro (che ha vinto questa corsa 3 volte), è uno di quelli temibili. Reduce da un debutto vittorioso a Kyoto sul miglio, è fratello di vincitori di Gruppo ed allenato da Katsuhiko Sumii, già allenatore di Leontes vincitore lo scorso anno con Mirco Demuro in sella. L'ultimo di cui vi diciamo è Levante Lion (Pioneerof the Nile), vincitore di G3 Hakodate Nisai Stakes a fine Luglio, è allenato dal JRA leading trainer Yoshito Yahagi. Altro che ha linee comuni con tutti è Monde Can Know (Kinshasa No Kiseki) allenato da Takayuki Yasuda che dopo un debutto ad Hakodate vincendo, è giunto secondo nel G3 sui 1200 metri di Luglio. E' rientrato con una bella vittoria nel Keio Hai Nisai Stakes di Tokyo. Pericolosissimo

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui