STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 13 settembre 2019

Politica: Giuseppe L'Abbate nuovo sottosegretario alle Politiche Agricole. Avrà la delega per l'ippica. In passato ha parlato del nostro settore, ecco le sue parole

Pochi minuti fa è stato reso noto l’elenco completo dei viceministri e sottosegretari scelti nella riunione convocata a Palazzo Chigi dal premier Conte. 
Sono 21 i sottosegretari M5s, 18 i Dem, 2 i rappresentanti di Leu, 1 del Maie. Quello che ci interessa nel dettaglio è chi è stato nominato alle Politiche Agricole, ed è emerso il nome di Giuseppe L'Abbate, classe 1985, pugliese come il Premier Conte, deputato del Movimento 5 Stelle, che dovrebbe ottenere la delega all'ippica da parte del nuovo Ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova.
Già in passato L'Abbate, che a quanto pare conosce l'ambiente dell'ippica in virtù di una antica militanza familiare nel settore, si è reso protagonista di campagna a favore dell'ippica con alcune dichiarazioni propositive. Insomma, una buona notizia apparentemente.
Continuando a leggere trovate alcune dichiarazioni che il deputato rese pubbliche anni fa in relazione al nostro mondo.
Qualche anno fa, nel 2014, commentando la bocciatura della Corte dei Conti del decreto dell’ex sottosegretario Castiglione sulla classificazione degli ippodromi, disse così: “Questa è la situazione che, ahinoi, ereditiamo dal precedente Governo Gentiloni e che, al pari di chi ha occupato Palazzo Chigi prima di loro, ha fatto poco o nulla per risollevare le sorti dell’ippica italiana. Continuerò a monitorare affinché la situazione si sblocchi e si addivenga ad una soluzione, nell’attesa di portare a compimento la tanto auspicata riforma del comparto ippico nazionale che potrebbe, in tal modo, confidare in un futuro se non roseo, quantomeno degno dei tantissimi operatori che ne fanno parte e che hanno reso famosa l’Italia nel mondo con la loro preparazione e la loro passione per i cavalli da corsa”.
Argomento poi tornato in voga nel 2018, in Ottobre, commentando alcune tempistiche lontane dalle necessità ippiche.: “Il ministro Gian Marco Centinaio ha, inoltre, annunciato che ha accelerato i pagamenti dei premi al traguardo, proprio per venire il più possibile incontro alle società di corse – commenta il deputato Giuseppe L’Abbate, componente M5S della Commissione Agricoltura alla Camera a cui le società SIFJ spa, Capitanata ed Euroitalia, gestori degli ippodromi di Taranto, Foggia e Casarano avevano chiesto pubblicamente, nei giorni scorsi, un intervento urgentissimo – Purtroppo l’intero comparto ippico è costretto a pagare gli errori del Governo Gentiloni che ha lasciato nei guai gli imprenditori delle società di corse, senza curarsi delle ricadute occupazionali. Molte società, infatti, sono andate in sofferenza con le banche e sono state costrette a predisporre inevitabilmente licenziamenti.”.
Qui sotto trovate una intervista realizzata nel 2014 in merito ad una riforma dell'ippica. Sono passati 5 anni, di questi tempi si parla di ere geologiche per come cambiano tutte le situazioni, ma intanto qualcosa è. Qui sotto trovate l'intervista ed altri suoi interventi pro ippica.




Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui