STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 21 giugno 2018

Royal Ascot, day 3: Frankie Dettori vittoria nella Gold Cup con Stradivarius, e addio Al Shaqab! Il report del 3° giorno..

Gold Cup (Group 1) (British Champions Series): Bisogna aggiornare i conti, ancora una volta. Frankie Dettori ha ottenuto la vittoria numero 60 al Royal Ascot, ma non è tutto. Per John Gosden la vittoria numero 47 al Royal Ascot. Il protagonista, come sempre, è un cavallo. Stradivarius (Sea The Stars), homebred di Bjorn Nielsen, che con un balzo e grazie ad una monta di Dettori appunto ha risolto nei confronti di Vazirabad (Manduro), che sembrava avercela fatta, e la sorpresa Torcedor (Fastnet Rock) al terzo con Order Of St George (Galileo), favorito, quarto ma senza argomenti poco dopo l'ingresso in retta
Stradivarius, un cornone da distanza e progressivo tanto da aver vinto la sesta corsa in carriera in 11 uscite da cavallo tardivo, aveva vinto lo scorso anno il Queen's Vase G2 ed era rientrato quest'anno a York nella Yorkshire Cup di metà Maggio, vincendo. Imbattuto nella stagione, Stradivarius ha ribaltato il riferimento con il Coolmoriano (altro favorito a picco) della Long Distance Cup di Ottobre, regalando a Dettori la vittoria numero 6 in questa corsa. Ancora presto per fare programmi, ma è un cavallo da coppe o da St Leger irlandese, aperto anche agli anziani, di metà Settembre al Curragh. Ma molto probabilmente correrà la Goodwood Cup G1 di Agosto, dove è favorito. A proposito di Frankie abbiamo snocciolato dei dati, ma subito dopo la corsa si è prodigato in complimenti e baci a John Gosden, ritagliandosi sempre la sua fetta di attenzione. Tra l'altro, soddisfazione che è quasi liberazione perchè dalla Francia (e ringraziamo Giuseppe Sciuto per la segnalazione), filtrano indiscrezioni secondo le quali a breve terminerà il contratto con l'Al Shaqab e resterà senza scuderia fissa. Del resto anche Al Shaqab, non è che stia brillando..anzi, al Royal Ascot zero vincitori. Di questa freddezza con il jockey italiano ne è testimonianza il fatto che non abbia montato Fajjaj (Dawn Approach), Qaysar (Choisir) e Dukhan (Teofilo). Nella foto Frankie che bacia la Gold Cup, che cambia disegno ogni anno approvato dalla Regina, immortalato da Tom Jenkins per il The GuardianIL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
Norfolk Stakes (Group 2): Aspettavamo Wesley Ward, e l'allenatore americano si è finalmente presentato coronando il suo solito sogno di vincere qui, nel Berkshire, ottenendo così la numero 10 della sua carriera. Ad evidenziare il suo nome è stata la femmina Shang Shang Shang (Shanghai Bobby), proposta a 5/1 dopo la prudenza dei giorni scorsi, e portacolori della Breeze Easy LLC di Michael Hall e Samuel Ross, con le mega lettere stampate sulla giubba, che è rimasta imbattuta in 2 uscite tenendo botta su Pocket Dynamo (Dialed In), americano ma europeizzato, e Land Force (No Nay Never), per un arrivo tutto "yankee" almeno nelle paternità. Shang Shang Shang aveva debuttato a Keeneland sui 900 metri in dirt con Albin Jimenez in sella, ed ha replicato con stile in Europa. Figlio di Yankee Victoria (Yankee Victor), è stata pagata $110,000 ad Ocala da yearling, e rivenduta per $200,000 sempre alle OBS di Ocala ma al breeze up di Marzo. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
Da segnalare che Padre Aidan O'Brien, pur non colpendo con le prime lame, ha vinto alcune corse di contorno. In particolare in giornata ne ha vinte 2 di G2 e G3, e cioè le Hampton Court Stakes per 3 anni sui 2000 metri con Hunting Horn (Camelot), sesto nel Prix du Jockey Club G1, redento con una franca vittoria per 4 lunghezze e mezzo con Ryan Moore in sella mentre ha corso così così il favorito di Godolphin Key Victory (Teofilo), reduce dallo stesso riferimento del vincitore. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
Nelle Ribblesdale Stakes G2 per femmine di 3 anni ecco il colpo Magic Wand (Galileo) che ha vinto di 4 ribaltando Wild Illusion (Dubawi) nell'arrivo delle Oaks G1. Magic Wand è prodotto della superba fattrice Prudenzia (Dansili). IL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
A proposito di italians, Andrea Atzeni ha vinto la sua seconda al Royal Ascot 2018 a bordo di Baghdad (Frankel) per Mohammed Bin Hamad Khalifa Al Attiya ed il training di Mark Johnston.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui