STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 15 settembre 2018

Doncaster: Too Darn Hot prospetto di campione nelle Champagne. Kew Gardens domina il St Leger

DE-VA-STAN-TE. Too Darn Hot (Dubawi) ha giustificato le credenziali da cavallo da Derby 2019, vincendo da cavallo importante le Howcroft Industrial Supplies Champagne Stakes (Group 2) sui 7 furlongs rimanendo imbattuto in 3 uscite. 
Il figlio di Dubawi e della campionessa Dar Re Mi (Singspiel), allenato da John Gosden, con Frankie Dettori in sella per i colori di Lord Lloyd Webber, ha seguito il gruppo capitanato dall'outsider Cardini (Magician), poi rimasto terzo, e quando è stato chiamato da Frankie ha risposto con una bruciante accelerazione dai 500 ai 200 dal palo, con 300 metri fatti in spinta senza mai vedere la frusta. Una volta raggiunto l'avversario, ha abbassato i deflettori e planato verso il traguardo.

Certamente è il 2 anni più esaltante visto sinora, in ottica Classica. Delusione per Dark Vision (Dream Ahead), mentre secondo è giunto Phoenix Of Spain (Lope De Vega). Entusiasti tutti, sia dell'entourage che degli analisti. Devastante!

Nel William Hill St Leger G1 sui 2900 metri, ultima Classica del calendario inglese, parziale sorpresa con vittoria del controfavorito Kew Gardens (Galileo) per il Coolmore che ha battuto la favoritissima Lah Ti Dar (Dubawi), sorella piena più anziana di Too Darn Hot, che ha prodotto lo spunto da troppo lontano e forse non è nemmeno portatissima per i 3000 metri. Su queste distanze, quando c'è dubbio, puntare Aidan O'Brien è sempre una cosa saggia, guardando tutti gli albi d'oro delle Coppe lo si evince tranquillamente. Ryan Moore è andato in lungo anticipo e respinto agevolmente lo spunto della coetanea, che doveva ricucire un gap molto ampio. Terzo l'outsider Southern France (Galileo).
Kew Gardens ha così tolto l'imbattibilità alla 3 anni di Joh Gosden. Due corse fa aveva vinto il Grand Prix de Paris, ed era arrivato secondo nelle Great Voltigeur Stakes G2. Al termine della corsa Ryan Moore è volato a Leopardstown.... IL RISULTATO COMPLETO DEL ST LEGER QUI.



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui