Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

martedì, novembre 19, 2019

Giappone: È la settimana della Japan Cup! Ecco i candidati dell'edizione 2019. Una volta anche l'Italia campione con Falbrav

Falbrav nell'edizione 2002 disputata a Nakayama
La settimana che si è appena aperta è quella della prestigiosa Japan Cup G1 in programma domenica 24 Novembre a Tokyo sui 2400 metri con un montepremi di ¥848 milioni, che corrispondono a circa $8,73 milioni. 
Si tratta di un momento sempre molto atteso nel calendario delle corse in Giappone, visto che sta per cominciare un periodo veramente molto intenso per la qualità. Quest'anno si correrà in memoria di Deep Impact, vincitore di Japan Cup, campione e stallone recentemente scomparso.
Gli ippodromi traboccano di gente, le scommesse viaggiano su dei numeri impensabili a noi europei (in 3 giorni di livello fanno un movimento pari al montepremi italiano di un anno) e i cavalli sono di assoluta qualità.
Per la prima volta nella storia, però, la corsa non avrà ospiti stranieri. L'ultimo ad arrendersi, metaforicamente, è Prince of Arran (Shirocco), ex europeo ora australiano, allenato da Charlie Fellowes, che non sarà della contesa per un motivo apparentemente molto stupido. Prince Of Arran infatti ha spesso manifestato problemi nelle gabbie di partenza, motivo per cui utilizza la coperta magnetica che gli assicura tranquillità. Ma il JRA non ammette questa deroga regolamentare, e quando se ne sono accorti è stato chiesto ma non ottenuto un bypass: "Lui odia sentire il metallo addosso, ma è molto utile la coperta e non crea problemi. Docilmente entra grazie a questo accorgimento. Non mi aspetto che il JRA cambi il regolamento in corsa, ma consiglio di rivedere le regole perchè la coperta magnetica risolve veramente tanti problemi. Non mi ero mai sognato che un paese come il Giappone non lo prevedesse, ma per fortuna all'ultimo momento abbiamo controllato ed in effetti non si prevedeva. Rimarremo a casa".
Peccato perchè Prince Of Arran era reduce dal piazzamento nella Lexus Melbourne Cup G1, 6 anni, giunto secondo. Correrà ad Hong Kong l'8 Dicembre nel Vase sul miglio e mezzo, quando ci saranno le corse internazionali, e poi puntare ad un sottoclou in Arabia Saudita in occasione della Saudi Cup di Riyadh a fine Febbraio, una corsa da $2,5 milioni.
Dunque per la prima volta la Japan Cup, da quando è stata inaugurata nel 1981, non avrà cavalli stranieri. Qui hanno vinto da America, Irlanda, Inghilterra, Francia, Nuova Zelanda, Australia, Italia e Germania. Il palmares vede cavalli come Falbrav (2002, nell'edizione di Nakayama, con Frankie Dettori in sella), Pilsudski e Singspiel, ma l'ultimo europeo a vincere è stato Alkaased, allenato da Luca Cumani, che aveva in sella Frankie Dettori nel 2005.
I tempi sono cambiati, è sempre più difficile vincere in Giappone perchè nel frattempo i locali si sono dati da fare per colmare il gap con il resto del mondo e ci sono anche riusciti. I purosangue nipponici hanno qualità, vanno fortissimo ed hanno un motore superiore. Ma siccome parliamo di cavalli, devono rendere sempre qualcosa fisicamente per la quarantena e le condizioni stressanti, sia quando vengono loro in Europa sia quando ricevono ospiti. Quest'anno, ai $5,6 milioni del montepremi, di cui $2,6 milioni vanno al vincitore, ci sono altri $2 milioni per chi vince la Japan Cup ed un'altra corsa oggetto di bonus nello schema JRA.
A proposito di Hong Kong, altra grande assente a Tokyo sarà la campionessa Almond Eye (Lord Kanaloa), vincitrice lo scorso anno, che correrà la Hong Kong Cup G1 sui 2000 metri. A fare le sue veci cercherà Loves Only You (Deep Impact), vincitrice di Oaks G1 con in sella Mirco Demuro che però non la interpreterà nella Japan Cup. Solo due femmine ci sono riuscite e sono appunto Almond Eye, a tempo di record, e nel 2012 la campionessa totale Gentildonna
Loves Only You è rientrata con un buon terzo posto nelle Queen Elizabeth Stakes G1 di qualche settimana fa, ma aveva bisogno del rientro a 6 mesi dalla vittoria nelle Oaks. Tra i partecipanti ci sarà Cheval Grand, vincitore della Japan Cup 2017, poi il Derby winner nipponico nel 2016 Makahiki, il Japan Derby winner 2017 Rey de Oro ed il suo runner up Suave Richard (terzo di Almond Eye lo scorso anno, ed ancora il Derbywinner 2018 Wagnerian.
Il più ricco è Cheval Grand che ha accumulato somme vinte per oltre ¥1bn. Ci sarà anche Frankie Dettori, che si è spostato ad Oriente in questi ultimi mesi dell'anno e parteciperà anche alla International Jockey Championship del 4 Dicembre ad Hong Kong. Frankie, che ha vinto nel 2005 questa corsa, monterà Look Twice (Stay Gold) che è un 6 anni di spessore, buon piazzato nella preparazione del Copa Republica Argentina G2 sui 2500 metri di inizio Novembre. Mirco Demuro sarà a bordo di Taisei Trail (Heart's Cry).
LE PERFORMANCES DEI CANDIDATI ALLA JAPAN CUP CLICCANDO QUI.

I papabili sono i seguenti con le monte tra parentesi:
Cheval Grand (Soumillon)
Curren Bouquetd'or (Shimura)
Daiwa Cagney?
Danburite (Matsuoka)
Etario (Yokoyama)
Jinambo (Moore)
Look Twice (Dettori)
Makahiki (Take)
Muito Obrigado (Lemaire)
Rey de Oro (Buick)
Suave Richard (Murphy)
Taisei Trail (Demuro)
Wagnerian (Kawada)
Win Tenderness (Tanabe)
You Can Smile (Iwata)





Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata