Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

lunedì, novembre 04, 2019

Capannelle: Out Of Time il miglior cavallo italiano. Nikisophia vetta nell'Aloisi, Aurelius in Love si conferma nel Berardelli

A margine delle due prove più importanti del pomeriggio, possiamo raccontarvi in breve ma anche dettagliatamente cosa è successo nella lunga giornata di Roma.
Per esempio, pensiamo di aver fin troppo sottovalutato un cavallo come Out Of Time (Sakhee's Secret) che è forse, anzi senza dubbio, il, miglior cavallo italiano attualmente in circolazione e sarà la nostra scelta del "Final Furlong Award", gli Oscar del Galoppo del 2019.
Il cavallo della scuderia del Giglio Sardo, figlio dello stallone funzionante in Italia Sakhee's Secret (Sakhee), 3 anni, ha sconquassato i rivali nel Premio Ribot - Mem. Loreto Luciani (Group 3) (3yo+) (Grande Course) (Turf) sul miglio di Capannelle, aggiungendo un'altra pattern alle 2 già acquisite nelle ultime settimane.
In sella un Dario Vargiu perfetto, pulito e puntuale come al solito nel dare una corsa lineare al suo che dopo aver seguito le mosse di Villabate (Holy Roman Emperor) lo ha messo di passo con uno scatto folgorante, ed un cambio di marcia rombante. Out Of Time, che ha vinto il Parioli ed è fratellastro di Act Of War (Mujahid), vincitrice del Premio Regina Elena G3 nel 2018, è un soggetto dalla qualità superiore che sta continuando a crescere, tanto da meritare l'anno venturo un tentativo fuori dai nostri confini. Scatto veramente importante il suo. Alduino Botti ha comprato lo yearling da Calma Apparente (Rainbow Quest), recentemente per €40,000 alle SGA Selected Sale. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nell'Aloisi G3 c'è stata la mezza sorpresa, ma comunque attesa, per la migliorata e "centrata" Nikisophia (No Nay Never) che ha vinto la sua prima pattern della carriera, dimostrando di gradire il terreno pesante ed i 1200 metri, consacrandosi reginetta dello sprint. 
Partita forte, Giuseppe Ercegovic (che era molto fiducioso prima della corsa), ha scelto di galoppare nella fascia centrale, più malleabile e meno lavorata, lasciando ad un paio di lunghezze From Me To Me (Lope De Vega) ed uno strepitoso Django (Bold Fact). Il tempo finale è stato di 1m 9.70s.
La vincitrice, ben presentata da Maurizio Grassi, è il nono rappresentante in corse di Gruppo per lo stallone No Nay Never (Scat Daddy) che ha avuto un paio di passaggi nei vari ring. Acquistata originariamente per €72,000 alle Goffs Orby Sale, è stata comprata da Marco Bozzi per €52,000 alle Arqana Breeze-Up Sale. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Tanto amore a Capannelle anche per il 2 anni Aurelius In Love (Alhebayeb) che, dopo aver collezionato 6 piazzamenti in 6 uscite e ottenendo la prima vittoria in carriera al settimo tentativo nel Campobello, si è confermato ed ha conquistato la seconda a seguire nel Premio Guido Berardelli G3 sui 1800 metri e sul pesante di Roma, conquistando l'alloro con un perfetto Claudio Colombi in sella che una volta risalito dal fondo del gruppo, ha battuto e beffato, si può dire, Luigi Pirandello (The Factor), e la femmina Noronha (Spirit One) rimasta allo steccato. Allenato da Luciano Vitabile, è un cavallo di proprietà di Aurelio Golino, giovane proprietario appassionatissimo, che prima arrivare nelle scuderie del trainer anch'esso siciliano ha cominciato la sua preparazione agonistica a Siracusa, non impegnandosi abbastanza e dimostrandosi cavallo dal carattere particolare. Formato e forgiato dal bravo Luciano.
Acquistato per sole €3,000 a Fairyhouse alle Tattersalls Ireland da Gianluca Di Castelnuovo, ennesimo piccolo capolavoro di profit, ha tanta stamina frutto della sua famiglia femminile. La mamma è Harranda (Red Ransom), della famiglia del campione e stallone Harzand. Anche il secondo arrivato è frutto dell'intuito di un altro agente, stavolta americano. Luigi Pirandello, bellissimo, è stato acquistato da Paolo Romanelli della Ital Cal per soli $10,000 Fasig-Tipton October Kentucky.  IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nel Premio Divino Amore sponsorizzato da Requinto, invece beffa o quasi per Das Rote (Dandy Man) che a 50 dal palo sembrava la vincitrice netta. Ma la cavalla di Mario Giorgi non aveva fatto i conti con Lorelei Rock (Camacho),  montata da Cristian Demuro, che a 300 dal palo sembrava fuori dai giochi. Con uno scatto folgorante la cavalla di Alessandro Botti, che aveva cominciato la carriera in Irlanda, è finita come un proiettile per risolvere nei confronti della rivale, ripresa dall'interno. Tempo finale di 58,2s. Al terzo posto Lovely Smile (Mujahid). Lorelei Rock fu acquistata per £10,000 da Michael O’Callaghan alle Tattersalls Ascot Breeze-Up Sale, ed è quarto prodotto della fattrice Laureldean Lady (Statue Of Liberty). IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata