Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

sabato, novembre 30, 2019

Oriente: Almond Eye out dalla Hong Kong Cup! Febbre per la campionessa giapponese..

La superstar giapponese Almond Eye (Lord Kanaloa) dovrà rinunciare forzatamente alla Longines Hong Kong Cup G1 per la quale era stata preparata appositamente, saltando la Japan Cup della settimana scorsa.
Beffa delle beffe, la febbre ha messo ko la campionessa appena insignita del titolo di Horse of the Year in patria, che dunque non sarà della partita nella prova da $3.6 milioni a causa di un innalzamento della temperatura, febbre, che l'ha messa ko a pochi giorni dall'evento dell'8 Dicembre. Certo, ci sarebbe il tempo tecnico per superare la febbre, ma significa perdere giorni di lavoro, essere debilitata e dunque non essere al top per un impegno come questo. 
La portacolori della Silk Racing ha corso 3 volte in questo 2019. Ha vinto il Dubai Turf Sponsored by DP World G1 di Meydan, e poi ha sporcato la sua "winning streak" con un terzo posto problematico nello Yasuda Kinen G1 di Tokyo in Giugno, prima di tornare alla vittoria a fine Ottobre nel Tenno Sho, in maniera devastante e con linee che si sono confermate poi nella Japan Cup. 
Adesso la questione è tutta in mano a Sakae Kunieda che dovrà decidere cosa fare nel 2020, anche se qualcuno ha parlato anche di ritiro immediato. La figlia di Lord Kanaloa (King Kamehameha) aveva annunciato lo scorso anno un viaggio in Francia per l'Arc de Triomphe G1, ma poi ha ripiegato su obiettivi domestici constatata la grande dose di energie che la 4 anni consuma quando viaggia in un altro continente. 
Senza Almond Eye il contingente straniero per la Hong Kong Cup è composto dal giapponese Win Bright che ha vinto la FWD Queen Elizabeth II Cup (G1) a Sha Tin in Aprila, e Magic Wand (Galileo) che ad inizio Novembre ha vinto il suo primo G1 in carriera in Australia, pur essendo irlandese, nelle Seppelt MacKinnon Stakes G1 di Flemington. I locali saranno Glorious Forever, vincitore lo scorso anno, e Furore vincitore dell'Hong Kong Derby.



Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata