Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

lunedì, dicembre 16, 2019

Giappone: Salios vince le Asahi Hai Futurity. Campione dei 2 anni nipponici, a tempo di record

In Giappone si entra piano piano nella settimana dell'Arima Kinen G1, la corsa più attesa del paese. Ma il periodo è quello delle grandi corse: Domenica ad Hanshin si sono tenute le Asahi Hai Futurity Stakes (Grade 1) (2yo Colts & Fillies) (Turf) sulla distanza del miglio, il Gran Criterium nipponico, vinto in maniera convincente dal favorito Salios (Heart's Cry) con in sella Ryan Moore giunto all'ottava vittoria di G1 in Giappone.
Portacolori della Silk Racing, gli stessi di Almond Eye (Lord Kanaloa), è allenato da Noriyuki Hori. Salios ha realizzato il record della corsa fermando il cronometro in 1m 33,0s.
Salios ha seguito il leader Bien Fait (Kizuna) ma ai 400 ha aperto i rubinetti e challengiato il giusto per battere Taisei Vision (Turtle Bowl) con il terzo catturato da Gray Rey (Rulership). IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Allevato dalla Northern Racing, Salios è ora imbattuto in 3 uscite. Si tratta di un figlio dello stallone Heart's Cry (Sunday Silence), che in Europa finì anche terzo di King George G1 e capace di essere ottimo riproduttore in Giappone. Classe 2001, funziona all'isola di Hokkaido per conto della Shadai al tasso di monta di ¥10 milioni. Il 2019 è stato per lui un anno eccellente non solo grazie a Salios, ma anche per Lys Gracieux e Suave Richard. In generale ha prodotto 10 vincitori di G1.
Salios è fratellastro della piazzata di G2 Salacia (Deep Impact), prodotto della vincitrice del Preis der Diana G1 Salomina (Lomitas). La mamma fu acquistata privatamente nel 2012 e trasferita in Giappone, dove da fattrice ha cominciato discretamente.  Come ogni settimana ricordiamo: Il Giappone ha investito nell'allevamento. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata