STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 25 luglio 2015

Ascot: #Postponed ed Atzeni con rabbia furiosa nelle King George.Battuto Eagle Top, male Dylan Mouth

What a drama! Finale accesissimo nelle King George, la spunta Postponed (Dubawi) con un coriaceo Andrea Atzeni a bordo. Partito lungo dall'ingresso in retta, è stato superato di slancio negli ultimi 200 da Eagle Top, ma con una ferocia con pochi eguali il cavallo allenato da Luca Cumani è ripartito nei metri finali beffando Frankie. Uno due per i fantini italiani, si tratta del primo G1 in Inghilterra per l'allenatore italiano dopo Starcraft nel 2005. Prima vittoria nelle King George per il Golden Boy Atzeni, autore di una monta superlativa nei confronti del suo mentore Frankie, che ha sfiorato la quinta vittoria nelle King George! Terzo il Godolphin Romsdal (Halling), che era andato in avanti, e quarta Madame Chiang (Archipenko) al limite della categoria, in una corsa che ha perso in partenza Golden Horn, Flintshire e The Corsican togliendo molto pepe alla corsa. C'è stata una buona andatura, ma alla fine i due protagonisti si sono staccati in lotta e se le sono date di santissima ragione, con i due jockey italiani che hanno dato vita ad un duello vibrante. All'epilogo è uscito meglio il "naso" di Postponed, sul sauro di Gosden. Che sia un passaggio di consegne tra i due fantini italiani in terra d'albione? Frankie è sempre Frankie, ma Atzeni è veramente un talento fuori dal comune! Intanto i due in comune si sono presi giorni di appiedamento per uso eccessivo della frusta. Sei le giornate comminate ad Atzeni, quattro quelle affibiate a Dettori. Se vuoi continuare a leggere e vedere il video della corsa, clicca su continua a leggere qui in basso...
Malino Dylan Mouth, ultimo di 7, non riuscito ad emergere all'epilogo. Partito bene ha preso la schiena di Postponed, ma non è mai riuscito a prodursi in una azione progressiva, disturbando anche un poco Eagle Top che ha dovuto aggirarlo, infine rimanendo sul passo e scivolando via via nelle retrovie. Risultato: Ultimo. Non una bella notizia per le corse italiane. L'unica parziale giustificazione possibile a questa defaillance è quella del viaggio lungo abbinato ad una pista non proprio ideale per il lungo passo di Dylan ed il terreno veramente lento. Nessun rimpianto, comunque. Era difficile, ma si doveva provare. Il tempo finale della corsa è stato di 2m 31.25s (slow by 2.65s).
IL VIDEO DEGLI ULTIMI 800 METRI DELLE KING GEORGE CLICCANDO QUI. IL RISULTATO COMPLETO DELLE KING GEORGE QUI.
Postponed, proposto nel market a 6/1, è un progressivo figlio di Dubawi ed Ever Rigg (Dubai Destination) di proprietà di Sheikh Mohammed Obaid Al Maktoum. Ha vinto la sua maiden a Yarmouth nel 2013 a 2 anni, a 3 anni ha vinto le Great Voltigeur Stakes G2 di York battendo Snow Sky, nella stagione 2015 ha ottenuto un secondo posto nelle Gordon Richard Stakes G2 di Sandown alle spalle di Western Hymn, ha ottenuto un terzo lottando al Curragh nella Tattersalls Gold Cup vinta da Al Kazeem e poi ha rifinito la condizione in una discussa edizione delle Harwicke G2 vinte da Snow Sky, nei confronti di Eagle Top che era stato danneggiato proprio dal cavallo di Cumani. Ad un mese di distanza, la rivincita con Andrea Atzeni che ha sostituito Adam Kirby, reo colpevole di quella mossa. Obiettivo di Postponed è attualmente l'Arc de Triomphe dove è proposto a 20/1 nell'antepost.
Seguiranno approfondimenti 

7 commenti:

  1. io non capisco come si fa a cascare per la seconda volta in una corsa che non centra nulla........ tanti gruppi uno in giro molto più soft, no invece ad ascot una pista che nn è fatta per dylan..... Boh peggio dell'altra volta.

    RispondiElimina
  2. Follia pura andare a correre le King George con Dylan Mouth. L'avevo previsto sesto-settimo, è andato ancora peggio. Penoso.

    RispondiElimina
  3. Giustissime considerazioni,il cavallo è stato impiegato nell'ippodromo e nella corsa sbagliata. L'essere imbattuto in Italia non può garantire la certezza di un 4-5 posto, fatto salvo che con i ritiri del netto favorito e dell'alternativa possibile quel risultato era il minimo possibile. Con Mille ringraziamenti a lei signor Gabriele per il uo preziosissimo lavoro

    RispondiElimina
  4. Grande risultato per gli italiani !
    I nostri fantini sono stati assolutamente protagonisti nella terra patria del galoppo, senza dimenticare che anche il trainer del vincitore è italiano.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo le due prestazioni fornite da Dylan Mouth ad Ascot non fanno altro che certificare l'assoluta inconsistenza delle pattern italiane. E il fatto che si sia voluti tornare ad Ascot, a tredici mesi di distanza dal flop delle King Edward e contro gli stessi avversari (Eagle Top, Snow Sky) era una scelta azzardata fin dal principio.

    RispondiElimina
  6. Peccato Dylan... però mi ripeto il mio pensiero (che è quello che ho scritto l'ultima volta) è che se si tenta un GR all'estero bisogna spostare il cavallo 1 mese prima...e poi il terreno non l'ha agevolato...ci credevo !!
    forza Botti siete gli unici
    saluti
    Gianluca

    RispondiElimina
  7. Giustissimo osare! ma per un cavallo come DYLAN non sulle montagne russe.(a mio modesto parere)Piste piatte con lunghe diritture!!!!

    RispondiElimina

Commenta qui