STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 3 luglio 2015

Italians: Crackerjack King, Derbywinner 2011, stallone in Australia. In America Biz The Nurse quarto a Belmont Park

Toh, chi si rivede. Il grigio Crackerjack King (Shamardal), vincitore di Derby G2 e di Repubblica G1 in Italia e poi acquistato dagli australiani per una campagna che mai ha lasciato grosse impressioni, anche a causa di infortuni abbastanza seri, è "ricicciato" nelle ultime ore figurando tra gli acquisti da parte del gruppo Southern Cross Breeding and Racing per funzionare come stallone nel sud dell'Australia. Dunque un pò di Italia che ancora viene fuori dalle tante storie, nonostante la crisi che ci castra da molti anni. 
Allevato dalla Azienda Agricola Allevamento Deni, il figlio di Shamardal (Giant's Causeway) che in Italia era della Effevi, è prodotto della incredibile Claba Di San Jore (Barathea), a sua volta venduta in Inghilterra e madre di qualche figlio di Dubawi. Si tratta di un mezzo fratello dei vari Jakkalberry ed Awelmarduk, senza dimenticare Joyful Hope e Bois Joli, madre di altri promettenti campioni ed uno di questi è Circus Couture, dernier cri sul tema del miglio in Italia. Insomma, una famiglia tostissima. Crackerjack ha corso 14 volte, ha vinto in 7 occasioni tra cui il Derby G2 dove strapazzò CazalsDanedream, in seguito vincitrice di Arc e di King George. Nel 2012 una esperienza a Sandown nelle Eclipse G1 dove arrivò quinto di Nathaniel, poi un quinto a Chicago nell'Arlington Million G1 ed in seguito continuò la sua carriera in Australia dove al massimo è arrivato terzo nelle Underwood Stakes G1 del 2014 a Caulfied. Insomma, il talento non gli è mai mancato. Il 7 anni funzionerà come stallone presso l'Oakside Park, ad Hahndorf, al tasso di A$4,000 (£1,951/€2,747).
Intanto nella notte tra giovedì e venerdì a Belmont Park si è rivisto in pista Biz The Nurse (Oratorio), Derbywinner 2013, che non è riuscito ad andare oltre ad un quarto posto in una condizionata sui 2200 metri in erba, in una corsa vinta da Iron Power (Mizzen Mast). Il video è disponibile QUI, cercando tra i risultati dell'ottava corsa di Belmont del 2 Luglio. Il risultato completo QUI.
Biz The Nurse, allevato dalla famiglia Parri, aveva cominciato bene la campagna americana vincendo subito ma poi non riuscendo a replicare. La sua campagna agli ordini di Tom Albertrani al momento lo vede con 4 corse disputate, un primo, 2 quarti ed un np. 

1 commento:

  1. Peccato qualcuno aveva pensato a lui in italia come stallone...

    RispondiElimina

Commenta qui