STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 6 dicembre 2017

Aste: #Tattersalls December Mare Sale, cifra record per la vendita della campionessa #Marsha ad oltre £6 milioni!

La seconda giornata delle Tattersalls December Mare Sales, tenutasi a Newmarket il 5 Dicembre 2017, passerà alla storia come la giornata dei record infranti su tutta la linea. A realizzare il record europeo della vendita di un cavallo ad un'asta pubblica è stata la campionessa Marsha (Acclamation) che è stata venduta per la cifra monstre di £6 milioni (equivalente a circa s(£6,300,000, €7,162,344, $8,469,783)a seguito di un'asta definita elettrizzante ed emozionante da quanti erano presenti all'evento. 
Ad aggiudicarsela è stato M V Magnier, che agiva per conto Coolmore, il quale ha speso la cifra enorme superando la concorrenza di molti colossi quali per esempio Darley. Si tratta di un altro acquisto di pregio da parte del Coolmore, già attivo in questo autunno dopo aver acquistato per $8 milioni la campionessa Tepin (Bernstein) e per $6 milioni la campionessa Stellar Wind (Curlin), per contribuire a incrementare la qualità da rendere disponibile agli stalloni di casa che sono diventati tantissimi. Appare chiaro come molte di queste saranno coperte da Galileo. E non è tutto, perchè nelle December M V Magnier ha comprato anche Quiet Reflection (Showcasing) per gns2,1 milioni, e per gns1,5 milioni Different League (Dabirsim), proveniente dal roster di Con Marnane ma non destinata immediatamente in razza, bensì in training presso Aidan O'Brien per la stagione 2018, correndo per i colori di Peter Brant della White Birch Farm. 
Prima di entrare nel dettaglio proponiamo i numeri, spaventosi per la sessione. Il secondo giorno è stato caratterizzato da 229 cavalli offerti, di cui 175 venduti per un fatturato di £45,665,000 (+79%), con la media a £260,943 (+90%) ed il mediano a £85,000 (+42%). Il dato complessivo, anche se solo parziale, dei due giorni di 4 di asta, sono i seguenti: 570 femmine in catalogo, di cui 457 offerte e 368 vendute (81%), con un fatturato record di £61,139,700 (+66%), con la media a £166,140 (+76%) ed il mediano a £51,000 (+6%).
Nel dettaglio dei primi prezzi c'è appunto la campionessa Marsha che per i colori dell'Elite Racing Club, che l'ha anche allevata, ed il training di Sir Mark Prescott Baronet, ha vinto l'Abbaye G1 de Longchamp nel 2016 e le Nunthorpe Stakes G1 del 2017 battendo Lady Aurelia. Praticamente, nelle 18 corse disputate, ha steccato solo 2 volte ma si è dimostrata fortissima vincendo circa £1,3 milioni in corsa. La baia ha attratto le attenzioni di Sheikh Fahad, Ed Dunlop, Gaynor Rupert, lo stesso Darley con John Gosden ad alzare la mano, ma nel giro di pochi minuti la cifra è salita spaventosamente a £4 milioni, superando ben presto il precedente record di Dancing Rain, fino a fermarsi a quota 6 milioni con John Gosden che si è ritratto quando erano rimasti in 2 a "biddare". Marsha proviene da una famiglia molto vitale e florida proposta dalla Elite Racing Club, un sindacato di circa 47 persone, e si tratta di un prodotto della fattrice Marlinka (Marju), della famiglia della campionessa Soviet Song (Marju).
Godolphin, come compensazione della sconfitta in asta per Marsha, ha acquistato il secondo prezzo più alto dell'asta, quella Zhukova (Fastnet Rock) per la quale sono stati spesi gns3,7 milioni, biddati da Tony Stroud. Allenata da Dermot Weld e di proprietà in corsa di John Murrell and Chantal Regalado-Gonzalez, Zhukova ha vinto a livello di G3 in Irlanda ma a livello di G1 in America conquistando le Man'O War Stakes G1 a New York in Maggio. Si tratta di un prodotto della campionessa Nightime (Galileo), vincitrice di 1000 Ghinee G1, e madre anche di Ghaiyyath (Dubawi), pagato da Godolphin la cifra di €1,1 milioni da yearling e vincitore di Autumn Stakes G3, ma prospetto Classico per il 2018. Godolphin ha in passato acquistato altri prodotti di questa fattrice, ed allora alla fine se l'è comprata direttamente cosicchè possa gestirne le sorti in razza. Figlia di Fastnet Rock (Danehill) e mamma da Galileo (Sadler's Wells), ha un sangue utile agli stalloni Darley in una sorta di ricambio che sta coinvolgendo i due colossi che si stanno scambiando un pò di favori.
Il terzo prezzo più alto è stato per la campionessa Quiet Reflection, ma il quarto prezzo è stato per la vincitrice Wekeela (Hurricane Run), acquistata da Sheikh Fahad Al Thani per gns 1,8 milioni. La 5 anni ha vinto in G3 e si è piazzata in G1, fu acquistata da Martin Schwartz per €1,1 milioni all'asta dell'Arco prima del quarto nell'Opera G1 e prima di essere trasferita negli USA agli ordini di Chad Brown dove si è piazzata seconda in 2 G1, prima di vincere il suo G3 locale. Si tratta di una sorella piena della campionessa scandinava Matauri Pearl, ma la terza mamma è Mosella che ha prodotto il champion sire Monsun, senza dimenticare che è la famiglia immediata di Brametot (Rajsman).
Il colpone lo ha fatto certamente Con Marnane che ha venduto Different League (Dabirsim) per £1,5 milioni dopo aver acquistato la cavalla da foal per €8,000 e dopo aver provato a venderla ma non esser riuscito a capitalizzare più di £14,000 in asta pubblica. L'ha messa in corsa lui ed ha vinto le Albany Stakes G3 al Royal Ascot, ma si è piazzata nel Morny G1 e nelle Cheveley Park Stakes G1. Questo ha fruttato un enorme profit, per il mago del commercio nelle isole britanniche. Con il terribile rossino!
I RISULTATI COMPLETI DELLE TATTERSALLS DECEMBER SALES QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui