STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 24 dicembre 2017

Giappone: Kitasan Black vince l'Arima Kinen e da l'addio alle corse. Settimo G1, elogio al campione del popolo

Miglior passo d'addio alle corse non poteva esserci. Kitasan Black (Black Tide), il grande favorito della vigilia, ha riportato l'Arima Kinen G1 sfuggitogli a 3 e 4 anni dimostrando una consistenza ed una anima titanica pari a pochi. Kitasan Black ha sfruttato al meglio la conoscenza di un tracciato come quello di Nakayama, particolare e stretto, e nel girotondo ha fatto praticamente tutto da solo, da cavallo alfa: Partendo da uno steccato basso ed andando in avanti, giocando con i parziali, portando a spasso la compagnia e sfuggendo in anticipo rispetto a qualsiasi attacco. 
L'immagine emblematica della sua vittoria è attraverso uno stretto all'ingresso in retta. La telecamera inquadra quel bestione di Kitasan con l'occhio fisso, concentrato verso l'obiettivo, supportato da una forma mai avuta ed un fisico della madonna. A 300 dal palo la consapevolezza non sarebbe mai stato ripreso. Che dire di lui: Vincitore classico, 7 G1 all'attivo, JRA Horse of the Year, vincitore del doppio Tenno Sho primaverile ed autunnale, il più ricco cavallo giapponese della storia. Unico neo il non aver tentato l'Arc, ma quello è un obiettivo diventato utopia oramai, per tutta una questione di circostanze che nel mondo normale vanno considerati. E qui va dato atto a Hisashi Shimizu di averlo sempre dosato come si deve un cavallo così forte. A parte il tentativo mancato in Francia Kitasan, per quello elencato sopra, possiede un curriculum spaziale. Ci mancherà tantissimo. La cerimonia d'addio alle corse, come ogni paese ippico si rispetti propone, avverrà nelle prossime ore.
Intanto a Nakayama c'erano oltre 100,720 persone e solo sulla corsa sono stati scommessi  ¥44,199,575,700 (circa €330 milioni), Kitasan non ha preso nemmeno una frustata tanto era il suo impegno. Gli unici a provare un timido avvicinamento sono stati Queens Ring (Manhattan Cafe), Cheval Grand (Heart's Cry) ed il tre anni Suave Richard (Heart's Cry), con Mirco Demuro in sella, i quali sono giunti rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto lottando come forsennati. Ma in un'altra corsa, però. Quella degli altri, rispetto al solitario Kitasan. IL VIDEO DELL'ARIMA KINEN QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Kitasan Black con la 7° vittoria in G1 ha raggiunto leggende del galoppo nipponico come Symboli Rudolf, T.M. Opera O, Deep Impact e Vodka. Ha superato anche T.M. Opera O in guadagni di ¥1,876,843,000 (circa $16 milioni). Nel 2018 funzionerà presso l'isola di Hokkaido, presso la Shadai Stallion Station. Quanto a Hisashi Shimizu è il suo 7° G1 della carriera, accompagnata proprio da Kitasan Black dal quale dovrà adesso affrancarsi. Per la leggenda Yutaka Take era il 75° G1 della carriera e terzo Arima Kinen dopo Oguri Cap e Deep Impact

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui