STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 13 dicembre 2017

Questione #Capannelle. Anche "Il Romanista" ne parla alla città: Ecco le news e la situazione aggiornata..

Solo "casualmente", considerata la fede calcistica di chi scrive, abbiamo trovato un articolo che ben rappresenta la situazione di Capannelle, da parte di Daniele Nalbone sulla rivista "Il Romanista". Nalbone, dopo aver parlato con i vertici della Hippogroup e dopo aver cercato senza esito conferme con rappresentanti del Comune, ha deciso di rendere noto ai lettori alcuni particolari di una vicenda dai contorni molto sfumati e poco chiari. Al momento in cui ne parliamo, in data 13 Dicembre, nulla si sa sulla prosecuzione dell'attività di Gennaio 2018. E mancano solo 2 settimane alla fine dell'anno. Le giornate, in teoria, sarebbero quelle del 9, 12, 19 e 26. Ma ancora nulla è stato definito..Noi riproduciamo per concessione della stessa rivista il pezzo, solo per far capire che anche in città ci si comincia a chiedere che fine farà l'ippodromo in assenza di corse e di accordi o di un bando. Anche perchè il vero pericolo, per l'ippodromo delle Capannelle, non è quella di avere una nuova gestione da parte di una nuova società. Il problema reale, per l'ippica romana e soprattutto per l'impianto, è l'abbandono dello stesso, con conseguenze disastrose, dovuto a tante pastoie burocratiche dalle quali sembra difficile uscire se non attraverso un dialogo che speriamo possa avvenire il più presto possibile. L'esempio è quello tragico dell'ippodromo Caprilli di Livorno, lasciato al più completo abbandono. Buona lettura, per chiunque lo voglia.
Solo una cosa sembra certa nella vicenda amministrativa che circonda Capannelle: gli unici che potrebbero uscire sconfitti in questa partita sono gli appassionati di ippica. La stagione 2018 è infatti a serio rischio. A poco sono valse, finora, le rassicurazioni del Comune di Roma che dopo aver "sfrattato" la Hippogroup, società che dal 1981 gestisce l'ippodromo della Capitale, ha spiegato di aver concordato con il MIPAAF (Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali) il proseguimento delle corse anche per l'anno che verrà. A oggi «non abbiamo certezze sulla possibilità di vederci assegnate le corse»; Elio Pautasso, presidente Federippodromi e Direttore Generale di Hippogroup, ci ha ricevuti nella sala riunioni della sede della società, in via Appia Nuova. Dalla palazzina alle stalle dei cavalli ci sono pochi passi da fare. Le piste a meno di duecento metri. All'ingresso del complesso, sorvegliato dai vigilantes, un gran via vai di allevatori e operai. «Ad assegnare le corse ai vari ippodromi è il Ministero. Senza titolo di possesso dell'impianto, niente gare. E senza gare - spiega Pautasso - possiamo chiudere anche subito».
Canone d'affitto inadeguato 
La bolla è scoppiata lo scorso 20 novembre quando (con determina dirigenziale n.623331) il Comune ha rigettato l'istanza di proroga della concessione presentata da Hippogroup. Il motivo addotto dall'assessore allo Sport, Daniele Frongia, è un suo cavallo di battaglia che risale a quando era consigliere comunale d'opposizione: «Colpa delle precedenti amministrazioni che hanno regalato Capannelle dietro pagamento di un canone inferiore a 70mila euro l'anno». Giusto o sbagliato questo canone sarà la magistratura a deciderlo, chiamata a stabilire se ci siano state responsabilità penali da parte dell'ex Giunta guidata da Gianni Alemanno. La guerra in corso sembra solo una questione di soldi: da un lato la Giunta a 5 Stelle che reputa scandaloso un affitto così basso; dall'altro la società che ritiene quel canone commisurato con gli investimenti fatti - in primis la costruzione di una pista per il trotto dopo la chiusura di Tor Di Valle su espressa richiesta della precedente amministrazione capitolina - e con la difficile situazione in cui versa ormai da anni l'ippica italiana. Un braccio di ferro aperto e che, come detto, rischia di finire con una sconfitta per gli amanti dei cavalli. «Noi dovremmo riconsegnare l'impianto il prossimo 19 maggio - ci spiega Elio Pautasso e il 20 ci sarebbe in programma il derby italiano di Galoppo, una delle gare più importanti della stagione, che richiama almeno 10mila spettatori da tutta Italia». Basta questo per spiegare la gravità della situazione. «La nostra richiesta, al momento, è semplice» ci confida Elio Pautasso «Chiediamo solo di poter incontrare il Comune di Roma. Di metterci a tavolino e analizzare la situazione. Perché qui, in ballo, ci sono centinaia di posti di lavoro, un intero indotto. A rischio c'è il futuro dell'ippica romana». I tempi di un bando di gara «non ci sono» e «oggi l'amministrazione deve pensare a non perdere Capannelle. Sarebbe la fine per l'intero sistema». Un sistema peraltro già in ginocchio. «Di più, praticamente morto. Un cadavere sul quale, però, si continua a infierire»: è infatti di pochi giorni fa la notizia che il MIPAAF, per il mese in corso, ha tagliato gli stanziamenti – tra giornate soppresse e calo dei montepremi – del 38% (quasi 2,5 milioni di euro). Il tutto in uno scenario di crisi ormai strutturale: oggi in Italia si corrono circa 1.500 corse a fronte delle circa 2.500 del 2009. Allora il montepremi era di 218 milioni di euro. Oggi è stimato in appena 97.
Daniele Nalbone

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui