STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 5 agosto 2017

Goodwood, day 4: #Battaash in continua ascesa vince le King George sui 1000. Poet's World altro in progresso..

La corsa principale del quarto giorno del Glorious Meeting di Goodwood, sono state le King George Stakes G2, la difficilissima prova in velocità per cavalli che partono e finiscono in discesa. Giù dalla rupe! Il vincitore si chiama Battaash (Dark Angel), è un progressivo cavallo di Hamdan Al Maktoum il quale è rimasto imbattuto in 3 uscite in questo 2017. Allenato da Charlie Hills nel corso dell'inverno è stato castrato e da quel momento ha cambiato faccia progredendo come fanno i velocisti buoni. Primo a Sandown per 2 volte in questa stagione, sempre salendo di categoria e macinando record in termini cronometrici, il figlio di Dark Angel (Acclamation),con Jim Crowley, ha prodotto un'altra brillante accelerazione per disporre di cavalli buoni come Profitable (Invincible Spirit) e la consistentissima Marsha (Acclamation). 
Il prossimo step saranno le Nunthorpe Stakes G1 dove potrebbe incontrare Lady Aurelia, anche se sulle prime l'entourage del 3 anni ha parlato di Sprint Cup G1 di Haydock, direttamente ai microfoni di Carlo Zuccoli collegato per l'Italia in diretta sul campo. Battaash nella foto Paul Harding/PA.
Allevato dal Ballyphilip Stud, è stato acquistato alle Tattersalls per £200,000 come prodotto della fattrice Anna Law (Lawman) della famiglia di Tasleet, ottimo sprinter. A differenza degli altri spinter Battaash è lungo di reni, e questa è una particolarità rispetto alla tipicità degli sprinters. Attualmente vanta 4 vittorie in 8 uscite, ma tutte in progresso e dopo la castrazione. Questo la faranno correre fino a 12 anni....
Altro interessante successo è stato quello di Poet’s Word (Poet's Voice) nelle Glorious Stakes G3 sul miglio e mezzo. Il figlio di Poet’s Voice (Dubawi), allenato da Sir Michael Stoute, potrà essere un anziano con i fiocchi se continuerà a progredire. Montato da Ryan Moore (autore di un triplo d'autore in giornata), ha battuto molto bene Second Step (Dalakhani) e Scarlet Dragon (Sir Percy). Poet's è un 4 anni che lo scorso anno di questi tempi valeva un 87 di OR mentre ora è arrivato ad almeno un 113, e ci si aspetta un ulteriore passo in avanti al massimo livello. In effetti ha vinto molto bene, il marchio di fabbrica del trainer lascia molte speranze a questa eventualità. Ha iscrizioni alle Juddmonte International Stakes G1 e nelle Irish Champion Stakes G1. Vedremo dove correrà. Allevato dal Woodcote Stud, è stato acquistato da Charles Gordon-Watson che lo ha pescato per 300,000gns al Tattersalls October Sale Book 2 (badate bene, non nel book 1). 
Altra corsa interessante in chiave geopolitica è stata la vittoria nelle THOROUGHBRED STAKES G3 sul miglio vinto da Beat The Bank (Paco Boy), un cavallo che ha bisogno di maturare ancora ma ha margini per una esplosione magari il prossimo anno. Allevato da Alan Denniff ed acquistato alle Tattersalls October Yearling Sale Book 2, è di proprietà della King Power che fa capo al magnate thailandese Vichai Srivaddhanaprabha, noto come essere proprietario del Leicester, e autore di parecchi investimenti recenti nel mondo del purosangue. Ha cavalli da Andrew Balding e da David Elsworth. 
In giornata c'è stato spazio anche per il ritorno alla vittoria al Glorious per Frankie Dettori che ha fatto il salto dopo l'affermazione nelle Oak Tree Stakes G3 sui 1400 metri, in sella a Al Jazi (Canford Cliffs), già vincitrice di questa corsa nel 2016. Almeno il Qatar, che ha investito tanti soldi, è rientrata di una piccola parte con questa vittoria.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui