STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 13 agosto 2017

America: #Permian perde la vita nelle Secretariat Stakes. A Beach Patrol il Million con Fanciful Angel per Marco Botti 2°

Il fine settimana americano si è tinto di nero a causa di un gravissimo infortunio occorso a Permian (Teofilo), infortunatosi gravemente nelle ultime fasi delle Secretariat Stakes G1 tanto da dover esser sottoposto ad eutanasia. Il 3 anni di Mark Johnston, al quale non è mai stato risparmiato un impegno in questo 2017, ha pagato forse lo stress degli impegni gravosi in molti ambiti essendo alla 8° uscita di questo 2017 correndo sempre al massimo delle sue potenzialità. Dispiace molto per un lottatore vero, scomparso sul campo, vincitore di 6 delle 14 corse disputate. Errore umano? Forse. Ci resta il ricordo di averlo giocato da inizio 2017 e fino al Grand Prix de Paris G1, con palmares interessante e vittoria nelle Dante Stakes G2, King Edward G2 e piazzamento appunto a Parigi in G1 prima della inspiegabile trasferta americana. A farne le spese, in maniera meno fatale, è stato anche William Buick ricoverato in ospedale presso il Northwest Community Hospital, con conseguenza di aver riportato la frattura della vertebra T12. A breve sapremo di più sul suo stato di salute ma i medici sembrano confidenti sul futuro...
Detto questo, va commentato il risultato sportivo con la vittoria americana andata ad Oscar Performance per Brian Lynch con Jose Ortiz in sella. Oscar è certamente il miglior 3 anni in erba in America e figlio dello stallone certezza della superficie oltreoceano cioè quel Kitten's Joy (El Prado) che abbiamo conosciuto bene anche in Europa. Oscar è alla terza vittoria consecutiva dopo aver vinto a Belmont l'Invitational Derby G1. A contribuire a questo successo la scarsezza dei rivali europei, tanto che secondo è giunto Taj Mahal (Galileo), al limite della categoria in ogni impegno Classico in Europa. Terzo Afandem (Zoffany), l'altro europeo. IL VIDEO DELLE SECRETARIAT STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Ma la corsa più importante della giornata a Chicago era l'Arlington Million XXXV Stakes G1, ancora vinto dagli Americani grazie a Beach Patrol (Lemon Drop Kid), nella foto, che ha completato una missione ed un double storico vincendo la massima prova locale a 4 anni, un anno dopo aver vinto le Secretariat Stakes G1 quando aveva tre anni. Il cavallo di Chad Brown con Joel Rosario in sella, e di proprietà di James Covello, Sheep Pond Partners & Head Of Plains Partners, non vinceva dallo scorso anno ma piazzandosi spesso nel corso della stagione. Per vincere bastava tornare sul luogo del delitto preferito. Il figlio di Lemon Drop Kid (Kingmambo) è svettato sul duo europeo formato da Fanciful Angel (Dark Angel) con Daniel Muscutt in sella per Marco e Lucie Botti ai quali vanno i nostri complimenti, e Deauville (Galileo), quello che meglio poteva rappresentare la forma europea, resistito al terzo dopo aver anticipato la fuga e venendo acciuffato nelle fasi finali. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Lo stesso team dell'Arlington Million ha festeggiato due volte grazie a Dacita (Scat Daddy) vincitrice del suo secondo G1 americano dopo la carriera cilena (condita con 4 G1), con l'affermazione nelle Beverly D Stakes G1 regalando a Chad Brown la quarta vittoria in questa corsa. La figlia di Scat Daddy (Johannesburg), 6 anni, ha battuto la favorita Grand Jete (Dansili), sempre per Chad Brown, e la argentina Dona Bruja (Storm Embrujado). Male la forma europea con Sarandia (Dansili) sesta, Hawksmoor (Azamour) settima e Rain Goddess (Galileo) ottava. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui