STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 27 giugno 2014

British Horseracing Authority (BHA): Progetto tolleranza zero per i casi di steroidi. Ecco le novità dal 1 Gennaio 2015..

Nella giornata di ieri la British Horseracing Authority (BHA) ha introdotto un nuovo progetto di regolamento in fatto di doping descrivendolo come un "atteggiamento di tolleranza zero" sull'uso di steroidi anabolizzanti. La decisione, storica, è arrivata in seguito alla fastidiosa vicenda che ha colpito Mahmood Al Zarooni come allenatore di Godolphin lo scorso anno, ora bandito dalle corse per molti anni. L'iniziativa fa parte di un progetto iniziato nel 2013, studiato a 4 mani con la  International Federation of Horseracing Authorities (IFHA) e che diventerà operativo a breve. Il divieto prevede un allontanamento di 14 mesi dalle corse in Gran Bretagna, su qualsiasi cavallo che verrà trovato positivo all'uso di steroidi anabolizzanti che non potranno essere somministrati, ed è questa la novità più rilevante, in nessun momento della vita del cavallo, da quando viene registrato in Weatherbys a quando viene pensionato. In precedenza erano ammessi a scopi terapeutici dei trattamenti per periodi lontani dalle corse, ora non più. Ogni cavallo dovrà essere disponibile per i test in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo si richieda un controllo. Lo scorso anno la BHA ha trattato 2 casi di alto profilo come quello di Al Zarooni, come detto, e Gerard Butler giudicati entrambi colpevoli per l'uso del Sungate. Sulla scia di questi casi, e dopo una ampia ricerca scientifica e relativa consultazione in tutto il settore delle corse a livello mondiale sono state intraprese queste iniziative nell'apporre regole con l'obiettivo di progredire verso l'armonizzazione a livello mondiale nei confronti dell'uso di steroidi anabolizzanti. Le linee guida saranno operative entro il 1° Gennaio 2015. I cavalli importati dovranno essere registrati entro tre mesi dall'arrivo in Gran Bretagna e la registrazione dovrà essere accompagnata da un campione del cavallo, pulito. Rimane un rischio sull'acquisto di yearlings americani che potenzialmente non potrebbero essere in grado di correre fino alla fine del periodo di decorso, ma in questo la BHA spera possa agire da deterrente nella politica americana dalla cultura diversa in fatto di steroidi. La registrazione dei puledri nati in Inghilterra dovrà avvenire entro sei mesi anziché un anno e i cavalli che vengono da luoghi diversi da Irlanda, Francia e Germania, che hanno politiche specchio, dovranno arrivare nel posto dove correre almeno 14 giorni prima della corsa per facilitare il test. Per esempio gli italiani che desiderano correre in Inghilterra... Tuttavia gli allenatori britannici che mandano cavalli all'estero dovranno aderire alla politica indipendentemente da dove sono nel mondo e, qui, è stato usato un termine curioso: "....and cannot assume they are in Rome and can therefore do what the Romans do..". Insomma, l'ippica può diventare uno sport migliore..

4 commenti:

  1. e naturalmete domani non vediamo Omaticaya,hanno messo il trotto da Enghien e niente da Deauville
    ma chi è quel CIALTRONE che fa il palinsesto?????????????????????????? e i giornalisti del Turf che fanno tacciono??????
    sarracino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'entrano niente, purtroppo, nella scelta del palinsesto.. e nemmeno la redazione.. magari potremmo metterci mano..
      purtroppo la gestione è affidata ad Aams e al ministero..

      Elimina
  2. Sono convinto che galoppo e trotto vadano separati!
    Ognuno deve operare indistintamente, con programmi televisivi, giornali, giornalisti,commentatori ecc. ecc.

    RispondiElimina
  3. e lo so che non ci entrate niente caro Gabriele ma almeno protestare...non ho sentito alcun giornalista del turf dire qualcosa in merito,ma avete paura di qualcuno???? perchè non ci fate sapere chi fa il palinsesto NOME e COGNOME visto che si tratta di Ente Pubblico, i giornalisti fanno inchieste,fanno chiarezza a tutto vantaggio di una maggior trasparenza o no? e cmq non è un attacco personale ma solo uno stimolo.Una cosa è certa siamo stufi di subire decisioni di persone che vengono pagate con i nostri soldi e che non hanno alcuna competenza ippica!!
    sarracino

    RispondiElimina

Commenta qui