STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 15 giugno 2014

Chantilly: Avenir Certain ancora lei. Suo anche il Prix de Diane G1, la quinta affermazione da imbattuta. Ora verso l'Arc..

Avenir Certain (Le Havre) ha fatto un altro passettino in avanti e, quasi nello scetticismo generale, ha riportato anche il Prix de Diane Longines G1 di Chantilly dopo aver vinto le Poule d'Essai des Pouliches G1 di qualche settimana a Longchamp. La figlia di Le Havre (Noverre), proposta a 4/1, è rimasta così imbattuta in 5 uscite ed ha regalato a Jean-Claude Rouget la terza vittoria nelle Oaks G1 francesi in 6 anni. Bello l'abbraccio nel post gara con Simone Brogi, suo valido assistant trainer. Avenir ha dovuto superare alcuni problemi di traffico trovati nella prima parte di gara, Gregory Benoist ha anche rischiato qualcosina lungo il percorso, ma quando l'ha messa dritta in dirittura ecco che la campionessa si è messa a galoppare forte dall'esterno, finendo meglio di tutti con Benoist dritto in piedi sulla sella, sebbene la sua fosse ancora un filo scomposta. O almeno, galoppa in modo quantomeno particolare. IL VIDEO DEL PRIX DE DIANE QUI. IL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI.
Nel solito arrivo a grappolo seconda è arrivata Amour A Papa (Montmartre) e terza Xcellence (Champs Elysees) mentre la favorita Shamkala (Pivotal) si è proposta bene ma non ha mai dato il cambio di marcia decisivo, mentre Miss France (Dansili) è finita quinta in parità con Ball Dancing (Exchange Rate), dopo aver fatto la sua progressione quasi da ferma considerato che appena entrata in retta si è trovata davanti un muro di cavalle. 
Tornando ad Avenir: L'anno scorso a vincere fu Treve, poi dominatrice dell'Arc, e su quella scia è stata proposta a 16/1 per la corsa più ricca d'Europa. Jean Claude Rouget ha usato parole importanti descrivendo Avenir, dicendo che le ricorda l'incredibile Zarkava che vinse questa corsa nel 2008 e poi fece suo anche l'Arc.

3 commenti:

  1. Sono bastati solo gli ultimi due furlong ad Avenir Certain per vincere il Diane e rimanere imbattuta,farà i 2400? beh... se Rouget azzarda il paragone con Zarkava forse li fa;siete daccordo??
    sarracino

    RispondiElimina
  2. Bisogna vedere se tiene la distanza, il problema è sempre quello, però se uno come Rouget paragona la puledra a Zarkava è perché sicuramente la stima molto.

    RispondiElimina
  3. ha vinto come solo i cavalli superiori sanno fare: uno scatto e via. Certo che per vincere l'Arc bisogna arrivare ai 2400 metri ma quando una cavalla è dotata di questa classe e di questo cambio di marcia ogni traguardo è possibile

    RispondiElimina

Commenta qui