STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 28 giugno 2014

Politica ippica: Giorgio Sandi, A.D. di SNAI: “Fuori dalla crisi con il modello francese”. Ecco l'intervista completa Unire Tv

Nella giornata di ieri, ai microfoni di Unire Tv è intervenuto Giorgio Sandi, amministratore delegato di Snai e presidente della società Trenno che ha parlato anche a margine della conferenza stampa di presentazione della nuova stagione di corse all’ippodromo Sesana di Montecatini per quanto riguarda il trotto, essendo il suo gruppo proprietario dello stesso. Ecco le sue parole: "Se l’ippica va male, la causa sta negli errori commessi nel passato, ora abbiamo l'opportunità di venirne fuori facendo parlare chi con i cavalli ci vive: non con una lega 'ippodromocentrica', ma attingendo al modello francese. Lo sbaglio fatto nel passato – continua Sandi - è stato quello di affidare la gestione del nostro mondo solo a funzionari di ministeri, che con oggettività analizzano solo le uscite del settore, senza la conoscenza che consente la comprensione della passione e del lavoro che c'è dietro a una corsa”. E sulla legge Delega aggiunge: “Si tratta di un percorso che offre prospettive utili, ma non condivido la struttura che qualcuno vorrebbe dargli, privilegiando solo alcuni aspetti, ad esempio la realtà degli ippodromi. Penso invece che si dovrebbe far parlare chi di ippica ci vive, e prendere come esempio quello francese, dove le decisioni vengono prese da un raggruppamento di manager e politici di primo livello (ministri, numeri uno del galoppo e del trotto, area scommesse, veterinari ecc.) e con queste risorse impegnare il Governo nelle sue decisioni”. Fonte GiocoNews.
L'intervista è stata diffusa anche su youtube nella giornata di ieri, il presidente di Trenno Giorgio Sandi ha analizzato nel dettaglio la situazione dell'ippica italiana toccando i temi più sensibili e i possibili punti di svolta. L'intervista completa realizzata da Andrea Zanoboni la trovi cliccando su questo LINK

2 commenti:

  1. Mi sembra giusto prendere come modello da imitare quello di un'ippica in crisi...In tutto il mondo l'interesse per l'ippica è in forte crescita, dagli USA all'Inghilterra, dagli Emirati al Giappone e questo che vuol fare? Imitare un'ippica dove nelle giornate normali ci vanno in tre all'ippodromo. O bravo, ma il motivo non sarà mica che è l'unico altro paese dove si corre anche al trotto?

    RispondiElimina
  2. peccato che i " grandi" del settore sono corresponsabili di questa situazione. Sandi chi mi rappresenta l'ippica? o semplicemente Snai…con questi non andiamo da nessuna parte basta guardarli in faccia..

    RispondiElimina

Commenta qui