STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 29 giugno 2014

Milano: Parità tra Fontanelice e Ginwar nel Primi Passi G3 a San Siro. Niente da fare per Pensierieparole, ultimo..Nel De Montel un ottimo prospetto come Misterious Boy di superiorità, nel Mantovani è emersa Money Drop sulla deb..

Premio Primi Passi - Gruppo 3 - Distanza: 1.200m: Ha vinto Botti! In ogni senso. A Milano, dopo il Curragh, non cambia la solfa e in tema di domini il Primi Passi G3 è stato tutto di proprietà dal team di Cenaia che ha piazzato al primo tutti e due cavalli proposti nella prima Pattern stagionale per i 2 anni. Fontanelice (Vale Of York), già vincitrice del Perrone e Crespi, dopo fotografia lunghissima ma chiara in questo senso, ha vinto salomonicamente in coppia con Ginwar (Martino Alonso) allungando la striscia di vittorie consecutive a 4, con il compagno di training che invece allunga a 3 dopo l'affermazione nell'Alberto Giubilo di inizio Giugno a Roma. Male Pensierieparole (Exceed And Excel), al solito lento alla partenza, ha subito colmato il gap ma al momento di fare sul serio è stato rimbalzato indietro finendo addirittura quarto (su 4, dopo ritiro prima della partenza di Pivotal Rio), quasi rallentato con Arte Volante (Dutch Art) che si è accaparrata al terzo. Tornando alla corsa, hanno fatto tutto quelli di Botti. Fontanelice si è posizionata al centro della pista, ha dato sempre appoggio a Mirco Demuro che sul gradito soffice l'ha fatta progredire. Ginwar è andato a prendersi lo steccato con Carlo Fiocchi che ha spinto come un ossesso per conquistare la Pattern, e negli ultimi 100 metri si è avvicinato pericolosamente, arrivando simultaneamente sul palo insieme alla femmina. IL VIDEO DEL PRIMI PASSI CLICCANDO QUI.
Premio Mantovani Lr - 1500 metri: Poco prima, nel Mantovani Lr per femmine di 2 anni sui 1500 metri, a vincere è stata ancora una Dioscuri quale Money Drop (Martino Alonso) la quale dopo un debutto convincente ha fatto ancora meglio alla seconda uscita, andando in percussione piuttosto chiaramente dall'ingresso in retta, respingendo a sorpresa la debuttante della scuderia Micolo Cherie Good (Big Bad Bob), supportata da lavori volanti a Pisa, con al terzo la compagna della seconda cioè Belle River (Aussie Rules), anche lei allenata da Giada Ligas. Appare chiaro che, se in qualche lavoro sostenuto insieme le due sono arrivate vicine, coraggiosa ma efficace è stata la decisione di farle correre assieme. Se conta una, conta pure l'altra. E la figlia di Big Bad Bob (Bob Back), ha corso coraggiosamente con esperienza da veterana. Nulla da togliere alla vincitrice, ancora una Bottiana, montata con confidenza da Carlo Fiocchi sempre più lanciato nell'orbita Botti, a tutto merito. IL VIDEO DEL MANTOVANI QUI.
Giuseppe De Montel - Listed Race - 1500 metri: Il fratellino ha dato pronta replica: Migliorato rispetto al debutto, Misterious Boy (Arcano) ha dominato nel De Montel mettendo in scena una bella progressione venendo forte dall'esterno e completando il trittico di vittorie per Stefano Botti in giornata. Il portacolori della Aleali, con Mirco Demuro in sella, ha colto un break lento alla partenza, si è comunque ricongiunto senza isterismi nonostante una andatura troppo sollecita da parte di Pancho (Pounced) il quale, pur rallentando in curva, non è ripartito come si aspettava il suo interprete e lasciato spazio al finale degli avversari. Il migliore, anche dal punto di vista dell'espressione visiva, è stato il facoltoso sauro figlio di Arcano (Oasis Dream) che dall'esterno ha prodotto una brusca accelerazione venendo a domare senza problemi Azari (Azamour) con Can Chen Junga (Cima de Triomphe) al terzo posto, e Pancho risucchiato nel gruppo. Mirco ha usato grosse parole di elogio, parlandone come un buonissimo cavallo al quale era venuto tutto male..  è verde, ha margini, e va forte. Si aprono prospettive interessanti dunque per il fratello minore di Biz The Nurse (Oratorio), sempre allevato dalla Le.Gi. come suo fratello, con un obiettivo chiaro nel Gran Criterium di Ottobre a San Siro..IL VIDEO DEL DE MONTEL QUI.
Premio Del Giubileo - Gruppo 3 Per 3 anni e oltre -  1.800 m: Il giovane Steaming Kitten (Kitten's Joy) per Kenneth e Sarah Ramsey ha dominato nel contesto milanese, riprendendosi dai 2 quarti posti ottenuti nel Derby G2 e nel Milano G1, vincendo facilmente contando a scelta le lunghezze. Insomma, una linea che si è mantenuta tale come nel Vittadini G2, dove a vincere fu Priore Philip, con Verdetto Finale (Nayef) sempre in prima linea, ma nulla ha potuto contro lo strapotere dell'americano montato in modo confidente da Fabio Branca (auguri di pronta guarigione a Gabriele Bietolini, infortunatosi qualche settimana fa a Grosseto) per Gianluca Bietolini al training. Insomma, conferma la buona generazione dei 3 anni su questo tema mentre gli anziani italiani, senza ricambio, sono un passo indietro. Steaming Kitten è un buon cavallo, speriamo possa migliorare ulteriormente..IL VIDEO DEL PREMIO DEL GIUBILEO QUI.
Seguiranno aggiornamenti con tempi (sic, in fondo è domenica..) ed impressioni a freddo..

3 commenti:

  1. Martino Alonso peccato che è morto per un incidente, era veramente un gran razzatore oggi lo ha confermato per l'ennesima volta ..

    RispondiElimina
  2. Botti Botti Botti..... e ppi il vuoto. Il bello del galoppo italiano.

    RispondiElimina
  3. Misterious Boy strepitoso per la facilità con cui ha vinto. Però da rivedere contro avversari più tosti (possibilmente esteri). La distanza lunga non dovrebbe impensierirlo. Un applauso ( e, da romano, un abbraccio) al Kitten ( e a tutto suo entourage) per la bellissima vittoria, associandomi a Gabriele sia negli auguri a G.Bietolini e sia nella speranza che il cavallo migliori ancora, specie con il passaggio di età.

    RispondiElimina

Commenta qui