STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 7 giugno 2014

Epsom, day 2: #Australia vince il #Derby da favorito. Battuto Kingston Hill con Atzeni, terzo Romsdal e quarto l'italian bred Arod. Quinto Derby per Padre Aidan (il terzo consecutivo), il secondo per Joseph O'Brien.

È storia. Australia, figlio di Galileo (Sadler's Wells) vincitore di Derby ad Epsom nel 2001 e prodotto della fattrice Ouija Board (Cape Cross), vincitrice di Oaks G1 nel 2004, ce l'ha fatta entrando nella leggenda come degno figlio di suo padre e sua madre, il primo prodotto figlio di due Classici di Epsom in assoluto a vincere il Derby nella storia. Australia si è fatto calzare alla perfezione il tracciato del Surrey e dopo un finale acceso, dimostrandosi comunque il migliore della compagnia ha battuto Kingston Hill (Mastecraftsman) con Andrea Atzeni in sella per 1 lunghezza e mezza di margine con al terzo il supplementato Romsdal (Halling) ed al quarto Arod (Teofilo), cavallo allevato da Alberto Panetta ancora un filo inesperto, in un tempo di 2m 33.63s (fast by 1.07s). Australia ha vinto questo Derby inseguito dai suoi uomini, nella loro testa sin da quando hanno comprato quel sauro ben allevato, per gns525,000 da yearling, e lo ha fatto regalando a padre Aidan il 5° Derby in assoluto, il terzo consecutivo dopo Camelot e Ruler Of The World negli ultimi 2 anni, prima ancora High Chaparral nel 2002, mentre questo è arrivato nell'anno in cui i suoi cavalli non sembravano avere le ali ai piedi. Australia è il migliore cavallo che abbia allenato padre Aidan. Così dice lui, così ha sempre detto lui: Dichiarazioni di facciata, per un gruppo potente che in modo molto attento sa che parole usare e quando usarle. Ma Australia è un cavallo che muove le gambe forte ed il Derby ne è stata una palese dimostrazione. IL VIDEO DEL DERBY DI EPSOM QUI. IL VIDEO DEGLI ULTIMI 500 metri di corsa CLICCANDO QUIIL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI.
Dopo una serie di oscillazioni della sua quota nei giorni che precedevano la corsa, nelle ore imminenti la corsa è stato un continuo calare fino ad 11/8 dai 7/4 toccati in mattinata, con uno stabile 6/4 delle ore precedenti. Australia è stato ben posizionato a metà gruppo da Joseph O'Brien, davanti sono andati Our Channel supportato da Kingfisher e Kingston Hill che ha accettato la partenza proprio per essere al punto giusto al momento giusto. Il sauro ha superato il Tattenham Corner scendendo giù dalla collina con una naturalezza pari a pochi, come se avesse sempre fatto questo percorso tornando a casa, sverniciando tutti quelli che gli erano vicini. La selezione, appunto. Si è presentato all'appoggio ai 400, con la sinistra libera e la voglia di vincere, è progredito con una semplicità disarmante, superato True Story, Red Galileo, Western Hymn, che hanno corso bene ma nulla hanno potuto contro lo strapotere, mentre gli altri erano già dietro, ha detto ciao a tutti ed ha portato a casa l'alloro Classico, giunto alla sua 235° edizione. Parole al miele anche per Joseph: "é il miglior cavallo che abbia mai montato". Strano, non l'avremmo mai detto.. Il Master di Ballydoyle ha confermato le parole del figlio aggiungendo che forse Australia il meglio lo darà sui 2000 metri, per ora i fatti gli hanno dato sempre ragione. Male, anzi malissimo Geoffrey Chaucer (Montjeu), che ha fatto un bel pò a sportellate e prima dell'ingresso in retta era già fuori dai giochi.. una prestazione non vera, per un cavallo che arrivava forse con troppa poca esperienza nelle gambe. Esperienza che aveva fatto Australia, arrivando terzo nelle 2000 Ghinee di Newmarket il 3 Maggio scorso.
Allevato da Lord Derby's Stanley Estate Co., cioè proprio un erede ed uno di quelli che ha fatto iniziare questa favola qui con la storia del testa e croce, della corsa per scegliere il nome e la parola Derby nel 1780, è il primo prodotto (ma il terzo in assoluto per la fattrice) che sa muovere le gambe per la campionessa Ouija Board (Cape Cross), vincitrice delle Epsom Oaks G1 nel 2004 e campionessa internazionale che arrivò a vincere tutto e contro tutti, compresa una Breeders Filly and Mare Turf, le Prince Of Wales's Stakes contro i maschi e l'Hong Kong Vase a Sha Tin: Alla fine 10 delle 22 corse disputate per oltre £5 milioni vinti in carriera. Il padre lo conosciamo tutti, è Galileo ma Australia ha un piccolo record che conserva: è il primo cavallo a vincere il Derby come prodotto di un vincitore di Derby di Epsom e di una vincitrice di Oaks di Epsom. Lammtarra, vincitore nel 1995, era prodotto del triple crown inglese winner Nijinsky II ma sua madre, Snow Bride, che vinse le Oaks 1989 dopo promozione dal secondo al primo posto in favore di un caso controverso della vincitrice originaria Aliysa. La vittoria di Australia significa anche che la forma delle 2000 Ghinee è molto buona. Da li sono passati anche Kingman, The Grey Gatsby (Mastercraftsman) e Kingston Hill (Mastercraftsman), questi ultimi due guarda caso figli di uno stallone di casa Coolmore. Kingston, tra l'altro, è di proprietà di Paul Smith, figlio di Derrick Smith, uno dei boss Coolmore.
Poco prima nella giornata un altro gesto eroico: Nella Investec Coronation Cup (In Commemoration of St Nicholas Abbey), Cirrus Des Aigles (Even Top) ha continuato la sua parabola di corse vinte aggiungendo alla 21° totale, il 6° G1 in una carriera spettacolare, sebbene subito dopo il traguardo ha fatto tremare i polsi dei fan, marcando un passo falso che ha quasi fatto temere per il peggio. Cristophe Soumillon dopo passato il traguardo lo ha sentito non preciso ed è immediatamente sceso di sella, pur constatando che alla fine era tutto ok per l'8 anni di Corine Barande-Barbe che ha accusato un dolore e dunque una zoppia ed ora, giustamente, dopo l'ennesima fatica meriterebbe un bel periodo di riposo. Il castrone ha battuto Flintshire che era al rientro come a dirgli: "Bello, ne devi mangiare di michette". Detto questo Cirrus rimarrà sotto osservazione anche oggi, al fine di verificare che veramente sia tutto ok. IL VIDEO DELLA CORONATION CUP CLICCANDO QUI.
SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI..

4 commenti:

  1. Australia imbattibile oggi,ha dimostrato una netta superiorità,il mio Arod buon quarto,toverà certamente il suo gruppo da vincere più avanti.Con questa prestazione penso che il cavallo di padre Aidan sia un serio candidato per la vittoria nel prossimo Arc.
    sarracino

    RispondiElimina
  2. Dice bene Gabriele. E' storia. Frase spesso abusata, ma stavolta quanto mai consona. Oltre ai record sopraccitati aggiungerei anche il quarto derby consecutivo di Smith, Tabor & Magnier. Anche Pour Moi era roba loro.

    Stamattina, dopo la pioggia violenta, la quota si era pura alzata oltre il 2/1, molto bene...

    Molto bene anche Kingston Hill, Andrea Atzeni è veramente bravo, ha montato una corsa perfetta. Peccato che aveva contro ...quello la'!

    Ottimi i primi due, qualche dubbio mi sorge guardando gli altri, Romsdal, Arod e Red Galileo, parere opinabile e strettamente personale. Sfortunato invece Western Hymn, totalmente a disagio sulla pista. Lo rivedrei volentieri su altra pista.. Il tempo ci dira' tutto.

    P.s. Gab, vero che Aidan O' Brien aveva detto che AUSTRALIA è il migliore che aveva mai allenato. Poi pero' si è corretto, dicendo : "...only second best. Best of all ISTABRAQ..." Formidabile. 23 vittorie su 29 corse. Ma quello faceva un altro mestiere....

    Ciao, Rp

    RispondiElimina
  3. Prima di gridare al fenomeno aspetterei qualche altro risultato. L’azione ai 600 finali è stata super ma dopo aver passato Kingston Hill, l’ultimo furlong non mi è sembrato eccezionale. Ma se O’Brien afferma che è il (secondo!!) miglior cavallo allenato, e ne ha avuti tanti di cavalli forti, aspettiamoci almeno una striscia di una dozzina di G1!

    RispondiElimina
  4. Per la verità O'Brien ha sempre detto che è il miglior cavallo da Derby mai allenato. E' una piccola differenza ma significativa. Da quello che ha sempre detto penso che il suo miglior cavallo sia stato Camelot, ad un soffio dalla vera Triple Crown. Comunque la cosa interessante secondo me è il tempo che ha fatto segnare. Ma Geoffrey Chaucer è tornato sano? Che gli è successo?

    RispondiElimina

Commenta qui