STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 18 giugno 2014

#RoyalAscot day 2: The Fugue domina le Prince Of Wales's Stakes, flop di #Treve solo terza. Nelle Queen Mary emerge Anthem Alexander, ancora un prodotto di #Starspangledbanner. Bene Mustajeeb nelle Jersey, e Field Of Dream a 30/1!!

Prince of Wales's Stakes G1 - 2000 metri: Si attendeva una femmina alla vittoria, ma alla fine non è stata Treve (Motivator). Otto anni dopo Ouija Board, l'ultima a vincere la corsa più importante di tutto il meeting, è stata The Fugue (Dansili) ad iscrivere il proprio nome sul palo di arrivo. Treve non ha fatto la Treve, nel senso che alla prima uscita sul suolo britannico, fuori dai confini francesi, si è trovata alle prese con una corsa un filo troppo veloce per lei e su distanza forse divenuta troppo corta. Sta di fatto che a metà gara sembrava quasi non seguisse, è entrata in dirittura, ha prodotto una progressione (non la sua solita) e non è riuscita nemmeno a battere Magician (Galileo), arrivato secondo. Male, male davvero per una cavalla annunciata al 100% e pertanto senza palesi giustificazioni ed una conferma dopo la sconfitta patita anche al rientro dallo stratosferico Cirrus des Aigles. Forse non ha fatto il passaggio d'età, semplicemente. Comunque, onore alla vincitrice The Fugue (Dansili), presentata veramente in formato magnum da John Gosden con un William Buick che l'ha, come al solito, assecondata secondo quelle che sono le sue caratteristiche. Ha seguito il battistrada Elkaayed, ed in un paio di folate l'ha volato via tenendo 1 lunghezza e mezza, con Magician che si è protratto fino a grabbare il secondo, e la sorella di Treve solo laboriosamente terza. Il tempo finale è stato di 2m 1.90s (fast by 3.10s), record della corsa e conferma del fatto che il terreno, questi giorni, è davvero molto "firm". IL VIDEO DELLE PRINCE OF WALES'S STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Jersey Stakes G3 - 1400 metri: Una super estate, quella di Hamdan Al Maktoum (Shadwell) che dopo la doppietta nelle Oaks ha quasi provvidenzialmente piazzato ai primi due posti delle Jersey anche Mustajeeb (Nayef) con al secondo Muwaary (Oasis Dream). Il vincitore è un figlio di Nayef (Gulch) sul quale ha sempre scommesso il suo allenatore Dermot Weld, mentre secondo è arrivato il Gosden Muwaary..con il training al contrario rispetto a Taghrooda e Tarfasha con la prima allenata da Gosden e la seconda da Weld. Terzo Giovanni Boldini (War Front). Mustajeeb era recentemente finito terzo dell'oustanding Kingman (Invincible Spirit) nelle Irish 2000 Guineas G1. IL VIDEO DELLE JERSEY STAKES QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI
Queen Mary Stakes G2 - 1000 metri: Saranno anche in pochi, ma vanno come il vento: Di figli di Starspangledbanner (Choisir) ce ne sono in giro solo 33, ma in 2 hanno già vinto a livello di Gruppo e ad Ascot, incredibile! Ieri The Wow Signal, nella seconda giornata di Ascot è stata Anthem Alexander (Starspangledbanner) a continuare nella serie di vittorie aggiungendo anche la perla delle Queen Mary completando il chilometro sempre preminente in 59.15s (fast by 0.35s). Anthem, allenata da Edward Lynam con Pat Smullen in sella, aveva vinto la sua maiden di Tipperary il 5 Giugno scorso per 7 lunghezze di margine. Battuta Newsletter (Sir Percy) con al terzo una nervosetta ma veloce Tiggy Wiggy (Kodiac) e al quarto l'americana di Wesley Ward Spanish Pipedream (Scat Daddy), stavolta non emerso come il colpo di ieri. IL VIDEO DELLE QUEEN MARY QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Duke of Cambridge Stakes G2 - 1600 metri (Straight course): Alla fine ha vinto Integral (Dalakhani) per Sir Michael Stoute, i colori del Cheveley e finalmente Ryan Moore. La figlia di Dalakhani (Darshaan) si è rifatta della sconfitta patita da Esoterique nelle Dahlia G3, stavolta dispersa, e non ha mai dato l'impressione di soccombere, da favorita. Ha fatto un corsone ancora L'Amour De Ma Vie (Dansili) mentre terza è arrivata Purr Along (Jamie Spencer) che veniva da casa di dio, ma tutto sommato ha corso come doveva. Quarta Fiesolana (Aussie Rules) mentre Sky Lantern (Red Clubs) non è più quella di un anno fa. Forse il viaggio ad Hong Kong le è rimasto sul groppone. IL VIDEO DELLE DUKE OF CAMBRIDGE QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI
Royal Hunt Cup (Heritage Handicap) (Straight course): Soddisfazione italiana in questo mega handicap rompicapo. Ha vinto Field Of Dream (Oasis Dream), allevato dalla Franca Vittadini, che ha colpito duro a 30/1 per la soddisfazione del vostro scriba. Il 7 anni si trova molto bene ad Ascot, e spesso corre alla grande in questo tipo di corse. Vale la pena seguirlo spesso.. Con in sella Adam Kirby, per il training di Jamie Osborne. Secondo Chil The Kite (Notnowcato) e terzo Steeler (Raven's Pass). 

8 commenti:

  1. la distanza? la corsa veloce? nè l'una nè l'altra,forse hai ragione tu Gabrié Treve non ha fatto il passaggio di età e se è così meglio andare subito in razza prima di altre umiliazioni.
    sarracino

    RispondiElimina
  2. Umiliazioni mio dio, arrivare 3 nelle Prince Of Wales's Stakes non è che sia una umiliazione e comunque The Fogue è una campionessa a livello internazionale mica è la prima arrivata, una cavalla che arriva 2° a Sha Tin, 2° nella Breeders' Cup Turf battuta solo da Magician, ha fallito solo a Dubai.

    RispondiElimina
  3. A vedere la treve dell arc e quella di oggi mi viene un magone....nn avrá fatto il passaggio d etá,ma col cambio di marcia ke aveva a tre anni abrebbe vinto facile.....bohhhh

    RispondiElimina
  4. probabilmente Treve è una cavalla da Francia con l andatura di oggi non ha potuto fornire il cambio di marcia, riguardo Sky Lantern anche la monta non mi è sembrata particolarmente ispirata.

    RispondiElimina
  5. certo che The Fogue è una campionessa ma sonfitta a quel modo è umiliante per Treve dopo il fantastico volo nell'Arc,spero di sbagliarmi ma Treve è solo una lontana parente di quella che ha stravinto a Longachamp,naturlamnete col massimo rispetto per le opinioni altrui.
    sarracino

    RispondiElimina
  6. Non vi lasciate impressionare dalle vittoriea longchamp, una pista che appiattisce i valori, poco selettiva, anzi per niente.
    Tullio

    RispondiElimina
  7. Possibile mai che tutti i cavalli di questo mondo debbano essere Frankel o Ribot? Esistono gli stati di forma che possono variare da un mese all'altro e da un anno all'altro.....come esiste pure il mancato passaggio di età. Però che diamine, la splendida Treve ci ha fatto sognare nell'Arc, ed a mio parere lo farà ancora. Smettiamola di demolire senza un apparente motivo una campionessa di tale calibro, vi siete chiesti se tutto ciò possa essere frutto di una cattiva preparazione? E semmai non avesse più voglia di essere l'imbattibile, nessuno le toglierà lo scettro di regina.

    RispondiElimina
  8. Sembra che Treve sia imbattibile in Francia a 2400 e sul pesante. Con altre condizioni è attaccabile. Per Sky Lantern Hannon aveva già annunciato che avrebbe avuto bisogno di una corsa di rientro e così è stato. Le ha dato una corsa tranquilla ma la prossima volta (le Falmouth) sarà tutto un altro discorso.

    RispondiElimina

Commenta qui