STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 14 aprile 2019

Capannelle, tempo di trials. Call Me Love e Trita Sass impressionano. Frozen Juke si conferma, Intense Battle di..lotta

Tempi di test a Capannelle, sulla strada verso le Classiche e non solo. Nella prova di apertura il rientro e vittoria per dispersione per Call Me Love (Sea The Stars) che con in sella Tore Sulas, in sostituzione di Dario Vargiu arrivato tardi per un problema aereo, ha surclassato la compagnia mostrando delle doti che contro le coetanee fanno pensare ad uno spessore completamente diverso. 
La figlia di Sea The Stars della Effevi ha agito in zona di copertura ma una volta in retta ha cambiato marcia e se n'è andata per proprio conto accumulando una cosa come 8 lunghezze nei confronti di Jllary (War Command), la prima delle battute, che ha curato appositamente la piazza. Call Me Love si è distratta solo una volta passata netta, ma avendo la percezione di non avere avversari in grado di impensierirla. Obiettivi ora sono quelli del Derby e delle Oaks, appuntamenti ai quali arriverà verosimilmente fresca. Tre su tre in carriera per la saura allevata da Franca Vittadini. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nel Daumier memorial Marco Rinaldi ancora una certificazione della bontà di Frozen Juke (Frozen Power) che ha collezionato così la vittoria numero 7 in 9 uscite, risolvendo con uno scatto solo e Samuele Diana in sella, pur rendendo 2 chili, e lasciando a lottare Armageddon (Le Vie Infinite) e al terzo Bardellago (Coach House), con linea del Doria ribaltata. Il vincitore, che aveva tentato con ottimo esito i 2000 metri di Roma, ha invertito la rotta ma solo perchè secondo la proprietà ha bisogno di correre per arrivare a puntino agli appuntamenti giusti. L'obiettivo è ora il Botticelli Lr, nel giorno del Parioli G3 il 28 Aprile, e poi la corsa delle corse in programma il 19 Maggio. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nel Torricola brutta prestazione per Birthday Party (Rock Of Gibraltar) ma con attenuanti dovute al fatto che la 3 anni è rientrata con una brutta ferita al posteriore, con tanto lembo di pelle penzolante, a causa di una condotta di gara, secondo Dario Vargiu, non proprio correttissima da parte di Dario Di Tocco il quale, in sella ad Intense Battle (Intense Focus), proprio alle intersezioni, ha galoppato addosso alla favorita procurandone proprio la brutta ferita. Tolta di mezzo lei, giunta ultima, la portacolori della Locsot allenata da Marco Gasparini ha fatto valere la forma recente per battere in lotta Crisaff's Queen (Zoffany) e Dehara (Canford Cliffs), capace di grandissima rincorsa. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nel San Giuseppe altra mezza sorpresa con la vittoria andata a Trita Sass (Pounced), con Tore Sulas al doppio in giornata in sella, riuscito nel coast to coast su terreno reso pesantissimo da violento acquazzone proprio in prossimità della corsa. Solo secondo, e tolta imbattibilità, per Full Of Lying (Casamento). Il vincitore era alla seconda vittoria in carriera, e le linee recenti rivalutano quella milanese di Thunderman (Blu Air Force). Trita Sass, osando un pò di più, ha subito vinto. La domanda è se riuscirà a limare ancora un pò di condizione per avvicinare i migliori in ottica Derby. Il Botticelli dirà molto di più fra un paio di settimane ma sicuramente Trita Sass ha fatto il vuoto tra se e gli avversari. Sarà il nuovo Summer Festival? In comune c'è la vittoria al debutto a Firenze, e la famiglia femminile, la stessa di Turati che finì secondo nel Nastro Azzurro. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
A margine c'è stato il Carlo Chiesa, ex G3 ed ex Listed, ora condizionata, che ha lanciato verso la vittoria una Charline Royale (Zebedee) tornata ad offrire standard degno dopo il rientro. Il tempo finale della portacolori della Colle Papa, con in sella Salvatore Basile, è stato di 1m 09,33, non una misura eccezionale, ma comunque efficace per battere la inesperta, ma dotata, Nikisophia (No Nay Never). Appuntamento, in questo caso, al 19 Maggio ed al Premio Tudini G3 sui 1200 metri. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui