STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 7 aprile 2019

Mondo del Turf. Trials in Irlanda, velocisti in Australia, Classiche in Giappone e America, razzi ad Hong Kong

Nel sabato appena vissuto sono successe tantissime cose oltre al Grand National di cui abbiamo riferito più sotto e alle questioni italiane in ottica Classica a San Siro, sul quale abbiamo disquisito sempre nella giornata di sabato.
Questo post serve per fare il punto della situazione di quanto di bello è accaduto in giro per il mondo sinora, in attesa della domenica di Pisa e della domenica francese con in programma il Prix d'Harcourt (Group 2), e dunque la riapertura di Longchamp, e lo facciamo passando in particolare in Irlanda, dove si sono tenuti dei trials importanti, passando per l'Australia con qualche interessante novità, arrivando fino in America e le prove di selezione ed un debutto eccezionale. Questa mattina anche il Giappone ha mandato in scena la prima classica della stagione, mentre ad Hong Kong c'è stata una conferma di un campione. Qui sotto trovate tutto quello che un appassionato proprio non si può perdere, compresi anche i video!
  • Partiamo dall'Irlanda e l'impressionante performance di Broome (Australia) che ha fatto chiaramente capire le proprie ambizioni da Derby dopo la dominante affermazione nelle P.W. McGrath Memorial Ballysax Stakes G3 sui 2000 metri di Leopardstown. Il figlio di Australia (Galileo), proprietà Coolmore, battuto di poco a 2 anni nella sua ultima uscita nel Jean Luc Lagardere, ha fatto un grandissimo passaggio di età ed è tornato a vincere per la seconda in carriera dopo una maiden di Galway, quando ancora non era sbocciato. Broome, con in sella Ryan Moore, ha seguito il gruppo dopo partenza lenta ed ha superato di slancio Sovereign (Galileo), iscritto al Derby Italiano, e Sydney Opera House (Australia) con Pythion (Olympic Glory)  rimasto poi in quota per il terzo posto. Broome si è allungato di 8 lunghezze. Inizialmente non venduto per la cifra di €120,000 alle Goffs Orby Sale, è stato successivamente acquistato da M V Magnier per £150,000 alle Tattersalls December Yearling Sale due mesi dopo. Si tratta di un prodotto di Sweepstake (Acclamation), della famiglia di Zoffany.
  • Nella prova per femmine, nel Ballylinch Stud ‘Priory Belle’ 1,000 Guineas Trial G3, buonissimo rientro per Lady Kaya (Dandy Man), reduce da un secondo in G1 nelle Moyglare G1 in Settembre e np nel Fillies Mile G1, autrice di un bel coast to coast ribaltando l'ultimo riferimento con Iridessa (Ruler Of The World), giunta terza, mentre al secondo è arrivata la Coolmoriana Happen (War Front). La vincitrice è una cavalla allenata da Ms Sheila Lavery per Joanne Lavery. Allevata da John O’Connor, Manager di Ballylinch Stud, Lady Kaya fu acquistata per €15,000 da foal a Goffs ma non aveva trovato acquirenti alle Tattersalls Ireland September Yearling Sale. Si tratta di una sorellastra dello sprinter in Italia Daylang (Daylami).
  • Nella prova valida come trial per le 2000 Ghinee a vincere, impressionando meno ma dimostrando comunque una bella solidità, è stato Never No More (No Nay Never), portacolori Coolmore, che ha tolto l'imbattibilità al favorito Madhmoon (Dawn Approach), giunto secondo da favorito. Terzo Could Be King (Bated Breath) per John Oxx.
  • Facciamo un salto in Australia perchè, a pochi giorni dal Golden Slipper del quale abbiamo parlato molto abbondantemente, da sottolineare il momento Godolphin ancora dominante. Al Royal Randwick erano in programma le AJC Sires’ Produce Stakes G1 vinte da Microphone (Exceed And Excel), secondo nel Golden Slipper dietro Kiamichi (Sidestep) in quella occasione, l'ha ribaltata lasciando la femmina al terzo (in parità) con le piazze che sono state prese da Loving Gaby (I Am Invincible) e Castelvecchio (Dundeel) con il quale appunto Kiamichi ha diviso la posizione sul palo. Insomma, tutto come prima nelle gerarchie visto che Microphone era molto considerato.
  • Nelle T J Smith Stakes G1 da segnalare la quinta vittoria in G1 per Santa Ana Lane (Lope De Vega), un 6 anni di Anthony Freedman, capace di un grande recuperone, che ha ribaltato la gerarchia con il campione Redzel (Snitzel), giunto 6°. Santa Ana Lane proverà ora il salto di "campionato" nel Chairman’s Sprint Prize di Hong Kong e nelle Diamond Jubilee Stakes G1 al Royal Ascot.
  • Sempre in Australia a vincere il Derby australiano è stato Angel Of Truth, il primo vincitore di G1 per il campione capace di vincere Kentucky Derby e Dubai World Cup, ora stallone, Animal Kingdom (Leroisdesanimaux).
  • Andiamo in America dove abbiamo assistito ad uno dei principali trials in vista del Kentucky Derby. A Santa Anita si è corso il Derby locale vinto da un cavallo che si è consacrato sulla scena internazionale dopo le parole del suo allenatore che ne aveva indicato un predestinato da tempo. Lui si chiama Roadster (Quality Road) ed è di proprietà della Speedway Stable ed è allenato da Bob Baffert. Il 3 anni da Quality Road (Elusive Quality), che funziona ora per $150,000 ed è padre anche della vincitrice delle Oaks di Santa Anita Bellafina, ha ribaltato il risultato con Game Winner (Candy Ride) che era il favorito e lo aveva battuto in Settembre nelle Del Mar Futurity G1. Roadster, acquistat per $525,000 alle Keeneland September, aveva dovuto saltare la Breeders Cup a causa di un piccolo intervento. 
  • Sempre in America da segnalare qualche giorno fa il debutto impressionante di Lady Pauline (Munnings), una sorellastra della campionessa Lady Aurelia (Scat Daddy), che ha esordito sui 900 metri di Keeneland facendo subito le buche per terra e vincendo di 9 lunghezze e mezzo. Si tratta di una figlia del campione Munnings (Speightstown), fatta tutta in casa Stonestreet ed allenata da Wesley Ward.
  • Ad Hong Kong ancora una strepitosa performance per un campione locale, che potrebbe divenire fenomeno mondiale, se risparmiasse qualche impegno magari. Nel Chairman's Trophy (Group 2) (3yo+) (Course B+2) (Turf) a vincere è stato ancora Beauty Generation (Road To Rock) con un miglio percorso in 1m 33.26s (fast by 0.74s) da un capo all'altro. Battuto di una lunghezza e mezza Eagle Way (More Than Ready), con Umberto Rispoli in sella, capace di grandissimo recupero. Per Beauty Generation è l'ottava consecutiva. 
  • In Giappone, nella mattinata di domenica, si sono corse le Osaka Hai, le 1000 Ghinee giapponesi in programma ad Hanshin, vinte da Gran Alegria (Deep Impact) con in sella CP Lemaire. La figlia di Deep Impact e Tapitsfly (Tapit) ha ottenuto così la terza vittoria in quattro uscite, con unico neo, se così vogliamo definirlo, nel terzo posto nel Gran Criterium giapponese G1 contro i maschi. Gran Alegria ha battuto Shigeru Pink Dia (Daiwa Major) e la compagna di colori Chrono Genesis (Bago), mentre l'attesissima Danon Fantasy (Deep Impact) è giunta solo quarta. Da segnalare il 17° posto su 18 per Noble Score, la figlia di Final Score, ed un non piazzato anche per Mirco Demuro. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui