STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 28 aprile 2019

Capannelle: Regina Elena a Fullness Of Life, magia di Gerald Mossè! Intense Battle e Dehara alle piazze

L'uomo con i guanti magici. Così lo chiamano all'estero. Quelli di Gerald Mossè che ha illuminato la giornata di Capannelle con un paio di interpretazioni sopraffine, da leccarsi i baffi. 
Roba di stoffa pregiata, in particolare in sella a Fullness Of Life (Holy Roman Emperor), sbucata improvvisamente dai tombini, prendendo un varco all'interno e "pitonando" quelle che davanti avevano fatto frazioni importanti, per apparire magicamente dominatrice di questo Regina Elena Shadwell G3, ancora con del buono da spendere in mano ed emergere nei confronti di Intense Battle (Intense Focus) ed una leonina Dehara (Canford Cliffs), finita forte dall'esterno.
Fullness Of Life è una cavalla che ha bisogno di agire coperta, e se c'è un fantino che poteva fare quel tipo di monta, è sicuramente Geraldone nostro che si è portato a casa una corsa perfetta.
La vincitrice è una figlia di Holy Roman Emperor e La Badia (Stravinsky), allevata dalla Nuova Sbarra che delle tante corse vinte in Italia non aveva ancora trionfato in questa. Un modo per celebrare anche la passione di Sergio Scarpellini, scomparso da poco, celebrato da Andrea presente al tondino.
Fullness Of Life, allenata da Stefano Botti, è di proprietà della "corporazione" Effevi-New Age, che aveva nell'altra Miss Moon (Elusive City) la favorita della corsa alla fine della fiera. Ci ha provato anche Verde e Rosa (Zoffany), ma con finale anonimo, mentre Stone Tornado (Toronado) aveva provato a strappare subito con un parziale importante. Non fortunatissima invece Lamaire (Casamento), che non ha trovato spazio nel momento topico. 


Poco prima un'altra magia del solito jockey francese in sella a Being Alive (Champs Elysees) che, con una mossa audace ma molto efficace, ha mosso dalla coda anticipando tutto il gruppo alle intersezioni delle piste ed ha preso sul tempo Frozen Juke (Frozen Power) e Jighen (Teofilo), mentre ha deluso un sudatissimo Atom Hearth Mother (Rock Of Gibraltar). 
Il vincitore, fratellastro di Gimmy e Stay Alive, allevato da Franca Vittadini, non potrà correre il Derby in quanto castrone ma attualmente è imbattuto in 2 uscite. IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui