STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 18 aprile 2019

Newmarket, Craven Meeting day 2: Skardu rimane imbattuto verso le 2000 Ghinee. Ecco i risultati dei breeze

Tantissima carne al fuoco nel mercoledì di Newmarket, e allora andiamo subito dritti al punto raccontando cosa è accaduto dalla mattina alla sera. 
Prima di tutto le corse: Il convitato di pietra è stato Too Darn Hot (Dubawi), grandissimo favorito delle 2000 Ghinee che dopo aver rinunciato alle Greenham G3 di sabato preoccupa sempre di più. Il cavallo di John Gosden è a passo e trotto dopo il famoso lavoro "forte" in seguito al quale ha accusato un "calore" su una gamba, che ne fa adesso preoccupare sempre più. La sua quota per la Classica sale sempre di più, speriamo bene per lui e per lo spettacolo della corsa, e per John Gosden che non ha mai vinto le 2000 Ghinee. Strano, no?
Comunque, nelle  bet365 Craven Stakes (Group 3) (Colts & Geldings) sul miglio del Rowley Mile, ultimo o quasi test in vista delle 2000 Ghinee a vincere è stato al rientro, dopo la vittoria a 2 anni, Skardu (Shamardal), allenato da Willy Haggas, che ha prodotto un buon cambio di marcio per liberarsi di Momkin (Bated Breath) e Set Piece (Dansili), che era l'altro imbattuto della corsa. Solo quarto il favorito Royal Marine (Raven’s Pass), che ha pagato certamente il rientro, con Cristophe Soumillon in sella ancora a digiuno a Newmarket. Vedremo quanto verrà avanti fra qualche settimana.
Il vincitore è un homebred di Sheikh Abdulla bin Isa Al-Khalifa che si è guadagnato un ingresso molto di impatto nelle 2000 Ghinee, con quota scesa da 33/1 a 5/1, poi risalito opportunamente a 10/1. 

Nelle Abernant G3 sui 1200 metri sembrava tutto fatto per la terza vittoria in questa corsa di Brando (Pivotal), ma a vincere è stato invece un altro figlio di Pivotal, certamente meno atteso, che risponde al nome di Keystroke (Pivotal) capace di fare un colpone a 66/1, ma forse anche qualcosa di più. Il maschio intero allenato da Stuart Williams non è giovanissimo ed ha 7 anni, al massimo in carriera ha ottenuto un paio di piazzamenti in Listed, ma alla fine quando è stato dirottato per la seconda volta sul tema della velocità ha vinto in Pattern! Si conferma la regola che i velocisti migliorano sempre con il passare dell'età, se la salute li assiste. In un sol colpo si è guadagnato un G3 e magari un posticino in pensione. Curiosità su quanto saprà, se saprà, ancora migliorare oppure no. 
In giornata da segnalare un paio di cose, anzi tre, molto interessanti. In una novice sui 2000 metri, le  British EBF bet365 "Confined" Novice Stakes (Plus 10 Race) (Horses Which Have Run No More Than Once), ha vinto tale Jalmoud, un homebred Godolphin figlio di New Approach (Galileo) e Dancing Rain (Danehill Dancer), entrambi sono vincitori Classici.
Nelle Wood Ditton, quello che può essere considerato il nostro Gardenghi o Donatello, debuttanti a Newmarket, si è svelato il nome di UAE Jewel (Dubawi), allenato da Roger Varian e montato da Andrea Atzeni, che ha impressionato molto ed ha una iscrizione alle Dante Stakes G2 di York. Si tratta di un figlio di Dubawi e Gemstone (Galileo), rappresenta un incrocio molto importante per la storia dell'allevamento ippico da qui in avanti, ed è stato acquistato per £400,000. Vedremo cosa combinerà in futuro.

La terza cosa importante è invece l'asta delle Craven, il breeze up organizzato da Tattersalls giunto al secondo giorno. In catalogo c'erano 73 cavalli di cui offerti 51, con 42 venduti ed un movimento in netto ribasso a £5,082,000 (-37%). I numeri generali parlano di 147 in catalogo, 109 offerti e venduti 85 contro i 94 dello scorso anno. Il fatturato compessivo è stato di £10,343,000 (-22%) con una media a £121,682 (-14%) ed il mediano £85,000 (+13). I leading vendors sono stati Oak Tree Farm con 4 vendite per complessive £1,135,000, e Mocklershill con 11 vendite per £1,077,000. Tra gli acquirenti il top è stato Godolphin con 7 acquisti per complessivi £2,940,000. Al gruppo di Sheikh Mohammed anche in questo caso il top price da £575,000 spesi per un Invincible Spirit (Green Desert) e mamma piazzata di G1 e già riproduttrice di successo con Erupt, anche lui Godolphin.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui