STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 1 aprile 2019

Mondo del Turf, il bello del weekend mondiale. Inghilterra apertura a Doncaster. Australia, Francia, Sudafrica, Irlanda, Giappone

Il weekend appena trascorso è stato tutto sommato interessante, al netto delle corse di Meydan e della Dubai World Cup. 
Passiamo in rassegna i migliori highlights della giornata documentando ciò che di bello è accaduto con un occhio all'inizio della settimana, quella del Premio Pisa Lr di domenica 7 Aprile di cui parleremo nei prossimi giorni, dunque rimanete sintonizzati su Mondoturf. Nella foto Andrea Atzeni e Roger Varian, protagonisti del sabato di Doncaster.
  • Partiamo dall'Inghilterra dove è iniziata ufficialmente la stagione delle corse "flat", che sono quelle in erba per noi che mastichiamo la materia senza nulla togliere a quelle sul sintetico in inverno. A Doncaster si è celebrata l'apertura con l'Unibet Lincoln (Heritage Handicap) sul miglio in pista dritta che ha visto la vittoria, la quinta di livello per Godolphin sabato, da Auxerre (Iffraaj) ancora per Charlie Appleby e James Doyle in sella. Nella stessa corsa c'era anche Masham Star (Lawman), vincitore del Ribot G3 a Capannelle, giunto 15°. Questa vittoria significa molto per il patron di Godolphin perchè fa il paio, oltre con Meydan, anche con una australiana di cui parleremo dopo. Di fatto sta riuscendo perfettamente la missione di Sheikh Mohammed di cercare di dominare il mondo. I vincitori infatti sono figli degli stalloni made in Darley, e dunque è stata data una bella spallata a Coolmore per prendere posizione al vertice mondiale dell'allevamento. Non che li abbia superati, per carità, ma si tratta comunque di una bella sfida... Ora hanno anche unito le forze. Da amanti delle sfide, li preferivamo uno contro l'altro. Pazienza. Tornando al vincitore Auxerre è prodotto della fattrice Roscoff (Daylami), i cui due primi figli erano in Italia. Uno era Mawred (Tamayuz) da Agostino Affè, l'altro è Hero Look (Lope De Vega) che vinse il Parioli G3 e poi fu ceduto ad Hong Kong dove in 17 corse non ha mai vinto e non corre da un anno esatto. 
  • Sullo stesso miglio del Unibet Doncaster Mile Stakes (Listed Race) è tornato alla vittoria anche Andrea Atzeni in sella al 5 anni, favorito, Sharja Bridge (Oasis Dream) per Obaid Al Maktoum e Roger Varian. Sesto Circus Couture (Intikhab). 
  • In Irlanda, a Navan, sabato c'è stata la giornata delle Cork Stakes (Listed Race) sui 1100 metri con ritorno alla vittoria per Sergej Prokofiev (Scat Daddy) per il Coolmore, Aidan O'Brien, e Donnacha in sella. A 2 anni aveva un pò deluso le aspettative, ma è pur sempre un terzo di Coventry G3 a Royal Ascot alle spalle di Calyx ed è un interessantissimo prospetto di velocista questa stagione a 3 anni.
  • In Australia, a Rosehill, ancora Godolphin a segno nelle Kia Tancred Stakes (Group 1) (3yo+) (Turf) grazie ad Avilius (Pivotal) che ha risolto sul miglio e mezzo per James Cummings e James McDonald. Si tratta di un altro homebred Darley che concorrerà, il prossimo anno, per la Melbourne Cup. Vedi concetto globale di cui parlavamo in un post più in alto.
  • Sabato in Francia a Saint Cloud si è corso anche il Prix Edmond Blanc (Group 3) (4yo+) (Turf) dove rientrava da molti mesi Olmedo (Declaration Of War), vincitore di poules G1 e mai più sul podio, con Cristian Demuro in sella, che ha ottenuto solo un quarto posto in una corsa vinta da The Revenant (Dubawi), 4 anni progressivo di Francis Harry Graffard per i colori dell'Al Asayl France, imbattuto in 2 corse in questo 2019.
  • Tornando in Inghilterra brutto episodio di vandalismo, chissà se fosse successo in Italia cosa si sarebbe detto, ad Aintree a pochi giorni dall'inizio del meeting del Grand National in programma dal 4 al 6 Aprile. Uno squilibrato ha sfondato un cancello ed è entrato con una Jeep in pista ed ha attraversato una fence per rovinare il manto erboso. Danni relativi, ma episodio discutibile per fortuna senza conseguenze. 
  • In Giappone domenica di G1 ad Hanshin con l'Osaka Hai (Grade 1) (4yo+) (Turf) sui 2000 metri con vittoria del campione Al Ain (Deep Impact), 5 anni, vincitore di 2000 Ghinee giapponesi 2 anni fa, che ha battuto Kiseki (Rulership), vincitore del Derby giapponese dello stesso anno, mentre solo 11° Mirco Demuro in sella a Persian Knight (Harbinger). Mirco ha siglato 2 vittorie nel weekend portandosi a quota 33 vittorie in stagione, terzo posto solitario in classifica. L'obiettivo di Al Ain è quello delle Irish Champion Stakes G1 in Settembre a Leopardstown.
  • Facciamo un salto in Sudafrica per celebrare la vittoria di Miss Frankel (Frankel) che ha vinto le KwaZulu-Natal Stakes, una Listed a Scottsville, emulando sua madre, la campionessa incredibile Val De Ra (Var) che vinse questa prova tanti anni fa prima di diventare una cavalla da G1 nel suo paese, la più forte di quegli anni. Miss Frankel non è forte come i suoi genitori, è passata tramite gli handicap, ma è un prospetto di fattrice favolosa e ne abbiamo parlato spesso su queste colonne.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui