STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 8 giugno 2019

America: Amade conquista New York e la Belmont Gold Cup G2 per Alessandro Botti! 💥💣

La notizia corre nel mondo dei social, ma anche per i meno internauti rendiamo noto un colpo da maestro realizzato da Alessandro Botti in America proprio nella notte tra venerdì e sabato, facendo riscoprire il gusto dell'esultanza per un allenatore italiano all'estero.
Il 5 anni Amade (Casamento), recentemente venduto in partnership alla OTI Management e dunque anche di proprietà ancora di Lauren Dassault & Elisa Berte, ha vinto l'edizione 2019 delle Belmont Gold Cup Invitational Stakes G2 da $400,000, con una quota a 7/1, e grazie ad una monta coraggiosa da parte di Flavien Prat che ha tenuto il suo sempre sul pezzo, per battere sul palo gli americani Arklow (Arch) e Highland Sky (Sky Mesa), in una corsa che gli americani hanno definito una sorta di imitazione di Swain nella Breeders Cup Classic G1 del 1998, quando perse incredibilmente da Awesome Again, con l'unica differenza che rispetto a quella volta Amade è entrato nel winner circle da vincitore e non da battuto.
Il riferimento è a quanto accaduto in corsa, in dirittura d'arrivo, quando Amade si è progressivamente allargando perdendo dei metri preziosi e rischiando di non riuscire a varcare il traguardo per primo. La differenza l'ha fatta appunto con coraggio Flavien Prat e poi la stamina di cui è dotato il 5 anni allenato in Francia da Alessandro e Giuseppe Botti, al primo corridore e primo vincitore della carriera in America. Da sottolineare la grande esultanza degli "italians", giunti in gruppo proprio in trasferta con il cavallo, ed in particolare Niccolò Landi in qualità di fido lad che potrete ammirare continuando a leggere. Scene che fanno bene all'anima di ogni appassionato. 
Quella deviazione, ha spiegato Alessandro, è tipica per un soggetto di quel carattere e proprio per quel motivo vestiva il paraocchi. 
Amade era uno dei 3 cavalli europei nella Belmont Gold Cup ed era solo al terzo tentativo in erba, su 13 corse disputate, essendosi particolarmente distinto sui tracciati sintetici nel corso dell'inverno. Come proprietà impone, la scuderia australiana OTI, l'obiettivo per il quale è stato acquistato è la Melbourne Cup G1 ad inizio Novembre, come target principale. Arrivarci con una vittoria così motivazionale nelle gambe, vale ancora di più. Amade ha così ottenuto l'ottava vittoria in 13 corse disputate, e la seconda in erba. Ha completato le 2 miglia al tempo di 3:19.95. IL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI.
Quanto ai battuti, in particolare Arklow, da registrare che proveniva da una sconfitta simile, di misura, nelle Man O'War Stakes G1 di qualche settimana fa a Belmont. Tanto per capire di chi parliamo, vale la pena ribadire che in Novembre 2018 era giunto quarto nella Longines Breeders' Cup Turf G1 a 12 lunghezze da Enable
Amade è un figlio di Casamento e Sheba Five (Five Star Day) ha passato tante volte i ring delle aste. La prima volta nel Febbraio 2015 alle Goffs February Mixed Sale spuntando un prezzo di €80,000, poi è passato alle Tattersalls October Book 2 venendo venduto per £62,000, ed ancora al breeze up di Maggio organizzato da Arqana per €50,000. Nel Novembre 2018 ancora passaggio ma rimanendo sempre nell'orbita di Alessandro Botti per la cifra di €34,000 alle Arqana Deauville Autumn Mixed Sale 2018, per sciogliere la comproprietà con la Ecurie Magenta, un sindacato a metà francese e metà italiano.
A Dicembre la castrazione, ma era già cominciata la sua escalation fatta di 5 vittorie consecutive tra Settembre e Marzo passando per Dax, Marsiglia, Deauville e poi lo sbarco in Inghilterra tra Kempton e Chelmsford con la vittoria nel Conditions Stakes (AW Championships Fast-Track Qualifier). Attirate dunque le attenzioni della Oti Management, gruppo australiano, che ha rilevato il 50% lasciando il 33% a Lauren Dassault ed il 17% a Elisa Berte. Il 19 Aprile la serie si è interrotta, ma per poco, con il secondo nella All Weather Marathon di Lingfield. Poi l'invito, il viaggio in America, ed il trionfo. Complimenti! TUTTA LA GALLERY DISPONIBILE CLICCANDO QUI.







Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui